Narrativa italiana Romanzi autobiografici Il fallimento della consapevolezza
 

Il fallimento della consapevolezza Il fallimento della consapevolezza

Il fallimento della consapevolezza

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


"Io sono nato nel 1922 a Napoli, in una città che ha molti volti e che recita se stessa; dove è ambigua, come in ogni recita, la linea di demarcazione tra vero e falso": da qui prende le mosse questo viaggio a ritroso nel tempo. Con la leggerezza e la lucidità che lo contraddistinguono, La Capria accompagna il lettore alle origini della sua vita di scrittore, rievocando gli anni della formazione, la lotta ingaggiata per emanciparsi dagli stereotipi culturali imposti dalla città, l'insegnamento decisivo di Croce e la scoperta euforizzante di scrittori quali Proust, Musil, Kafka, Joyce, Faulkner, le cui tecniche compositive saranno d'ispirazione per i suoi futuri romanzi, su tutti "Ferito a morte". Analizzando retrospettivamente la sua produzione, La Capria fa dono al lettore delle proprie idee sulla letteratura e sulla sua città, perché "Il fallimento della consapevolezza" è anche un libro su Napoli: ogni dettaglio che lo compone non fa che rendere saliente il controverso rapporto che lo scrittore intrattiene con essa. "In tutti i libri che ho scritto" ci ricorda, "c'è sempre questo dissidio, questo 'poetico litigio', tra me e la città, e il desiderio di svelarne l'anima nascosta, di ripensarla in modo da renderla presentabile, non con un maquillage superficiale, ma con una riscoperta della sua identità." A completare questa raccolta, alcune lettere tornate in possesso dell'autore il giorno del suo novantatreesimo compleanno: le scrisse tra il febbraio e il maggio del '43, mentre era militare a Caserta, a Peppino Patroni Griffi. La Capria stesso, nel presentarle, è sorpreso dai sentimenti che a quel tempo lo dominavano. Scopriamo un ragazzo di buona famiglia inerme e ingenuo sopraffatto dalla durezza della vita militare e dal terrore di vedersi abbandonato dall'amico più caro, in un'epoca di grande incertezza, che di lì a poco si sarebbe conclusa con la fine della guerra.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il fallimento della consapevolezza 2018-11-26 10:45:57 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    26 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La consapevolezza

«Dove non c’è giudizio non ci può essere memoria e dove non c’è memoria non c’è neppure il presente»

Raffaele La Capria nasce a Napoli il 3 ottobre 1922, si laurea in Giurisprudenza nel 1947 ed è ricordato prevalentemente per aver vinto il Premio Strega nel 1961 con “Ferito a morte” opera in cui la narrazione ha inizio come in una sorta di dormiveglia e dove il protagonista, nel proseguo afferma di aver desiderato di “risalire il passato per ripartire dal punto in cui tutto si era guastato”. Seppur censurato dalla dittatura fascista La Capria cresce con gli scritti di Benedetto Croce, studioso che rappresenta lo spiraglio sul mondo in quella che era una Italia dove regnava un clima di chiusura. E paradossalmente, lo studio del suo pensiero è avvenuto proprio all’interno delle organizzazioni fasciste come il G.U.F., unici contesti in cui era possibile confrontare le proprie idee.
Nel 1945, La Capria, il cui soprannome era “Candido”, insieme a molti giovani tra cui Anna Maria Ortese, Luigi Compagnone, Francesco Rosi, Giuseppe Patroni Griffi e tanti altri, da vita a il “Sud”, giornale di cultura in cui cercarono di superare proprio quell’isolamento culturale dettato dall’ultimo ventennio. Non stupisce dunque che il “Sud” significasse “Europa”, non stupisce dunque che fu affermato in uno dei primi articoli che “la nostra nascita anagrafica si è perduta nel buio che ci ha preceduti… nasciamo da una morte con l’ansia di essere finalmente vivi…”.
Con il passare degli anni Raffaele sostituisce il tema della inafferrabilità del reale con quello di afferrare la realtà di una città altrettanto inafferrabile come Napoli, per renderla più accessibile, per liberarla dai luoghi comuni che la nascondono, per chiarirne la natura. A ciò segue anche una sostanziale analisi dell’evoluzione della società che passa per l’informazione e la cultura, per l’accesso ai dati e al fatto che non tutto, oggi, quello a cui abbiamo accesso, può definirsi culturale.

«Oggi abbiamo un’ampia conoscenza dei fatti, una vastissima informazione, ma tutto questo non si trasforma in cultura. L’unica cultura che abbiamo è quella del neocapitalismo, quella del mercato e del consumo, ed è quella che ci ha separato dal nostro passato e dalla nostra tradizione, senza offrirci né un presente accettabile, né un futuro possibile» p. 22

Nella seconda parte dell’opera La Capria si interroga sulla funzione dello scrittore che ha sempre alla base il ruolo di porsi come critico della società a cui appartiene non tanto in senso negativo quanto quale portavoce della conflittualità interna alla medesima che dovrebbe essere creativa e servire a migliorarla. Il tutto in una alternanza tra presente e passato e più precisamente tra quelli che furono gli anni del dopoguerra, gli anni della guerra con le lettere inviate durante il servizio militare dal narratore a Peppino Patroni Griffi, recuperate da Fausto Niccolini, amico di Aldo Terlizzi, compagno e erede di Peppino, e riconsegnate all’io narrante al compimento dei novantatré anni, e infine agli anni della Dolce Vita.
Con “Il fallimento della consapevolezza” Raffaele La Capria si conferma uno scrittore estemporaneo, ma fedele alla sua vocazione letteraria, che riesce a fondere con grande maestria saggistica e narrativa fotografando la quotidianità e offrendone una perfetta analisi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Guardando il sole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il cuore e la tenebra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri