Il professionale Il professionale

Il professionale

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


"Un giorno, proprio mentre stavo guidando per andare a lavorare, mi è venuta di colpo l’idea di licenziarmi. Poi son rimasto senza soldi e, quasi contemporaneamente, senza una donna. Una mattina squilla il telefono e era una scuola che mi chiedeva se ero disposto a fare una supplenza sul sostegno, allora io gli ho detto che arrivavo subito, perché a quel punto c’era da baciarsi i gomiti a tornare a insegnare. Soltanto che la scuola che mi ha chiamato era non soltanto nello stesso paese di quella da cui mi ero licenziato dicendo che non sarei mai più entrato in una scuola in vita mia, ma addirittura nello stesso edificio, che era diviso in due e ospitava due scuole diverse. Quindi me n’ero andato da un posto tutto scoglionato e dopo soltanto otto mesi ritornavo nello stesso posto."

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il professionale 2012-07-19 06:11:20 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    19 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vita di un giovane precario

Un giovane professore, stanco del solito tran tran quotidiano, casa lavoro,lavoro casa, dopo l'ennesimo viaggio in autostrada per raggiungere la sede scolastica dove insegna, decice di rassegnare le dimissioni. Naturalmente il ragazzo fa prima un pò di conti; è rimasto orfano di entrambi i genitori,l'unica sorella vive lontano, con qualche soldo ereditato e il pagamento dei diritti d'autore da parte di una casa editrice progetta di tirare avanti per qualche tempo senza fare un bel niente.
Purtroppo per lui,il giorno dopo le dimissioni,investe un povero cane in autostrada, la fidanzata storica lo lascia e i soldi finiscono presto anche senza darsi a spese pazze,dulcis in fundo, dalle graduatorie scolastiche, croce e delizia di tanti precari, non essendo stato ancora depennato, viene ripescato e chiamato per una supplenza,come professore di sostegno in un Istituto Professionale.
Diamine! Che sfortuna! Torna a perseguitarlo questa scuola, che da studente l'ha bocciato e da professore l'ho tormenta, ma i soldi servono ed Ugo, accetta la supplenza. Per ironia della sorte il professore tornerà ad insegnare nello stesso luogo abbandonato qualche mese prima ma in un Istituto Professionale di Agraria. In questa nuova scuola farà la conoscenza di Eugenio Calza , il ragazzino al quale deve dare una mano negli studi. Eugenio si rivela da subito un ottimo allievo con una particolarità, ama le lavatrici ed ha un'ossessione compulsiva per la collezione di tappi di bottiglia. Il busillis nasce quando Ugo è chiamato a mediare la voglia di una parte di professori di accontentare il ragazzo regalandogli i tappi ed un'altra parte che, seguendo alla lettera le direttive della psicologa, negano questo piacere al ragazzo. Ugo durante questa nuova esperienza scolastica scoprirà doti e sensibilità che non pensava di avere. In lui, quel momento di rabbia e scoramento che l'aveva portato a rassegnare le dimissioni mesi prima, sancirà l'inizio di una rivoluzione copernicana interiore che gli permetterà di vivere la scuola in un modo nuovo. L'originalità di questo romanzo sta, a mio modesto parere,anche nella geniale scelta della tecnica narrativa, infatti lo scrittore per rimarcare il momento di confusione,di stress psicologico del personaggio spesso su di giri e lunatico fa un uso smodato di coordinate e subordinate, di virgole in un capitolo ne ho contato 80 su 13 punti e 30 sono state le “e” congiunzione. Insomma Cornia, riesce con la sintassi a dipingere il carattere del professore un po come il personaggio del recente libro di Baricco Mr Gwyn che “scriveva” ritratti.
Una bella prova di Ugo Cornia, un romanzo che intriga per contenuto e stile.
di Luigi De Rosa

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri