La casa nel bosco La casa nel bosco

La casa nel bosco

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

È tutto accaduto, più o meno. È l’incipit di un grande romanzo e peccato sia stato già scritto da Kurt Vonnegut, perché sarebbe l’attacco ideale per questa storia. Anzi, per queste storie. I due protagonisti – e autori – sono fratelli ma non si frequentano molto, forse nemmeno si sopportano molto. Vite diverse, caratteri diversi e forse anche qualche lontano rancore, lasciati covare sotto la cenere per troppo tempo. Adesso però gli tocca stare insieme, almeno per qualche ora: devono dare un’ultima occhiata alla casa di villeggiatura della loro infanzia – la casa nel bosco – prima di consegnare le chiavi al nuovo proprietario. Sembra solo un adempimento banale anche se un po’ triste e invece diventa l’occasione, inattesa e sorprendente, per un viaggio nella memoria, per una riconciliazione, per un inventario buffo e struggente di oggetti, luoghi, odori, storie e soprattutto sapori.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
2.4
Stile 
 
2.4  (5)
Contenuto 
 
2.4  (5)
Piacevolezza 
 
2.4  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La casa nel bosco 2016-03-29 03:30:22 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    29 Marzo, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Eravamo bambini…

Gianrico e Francesco Carofiglio si congedano con “La casa nel bosco”, il luogo ove da bambini trascorrevano le vacanze.
Hanno messo in vendita la casa e insieme vi si recano per un ultimo, breve soggiorno.

L’esperienza sprigiona gli odori (“Eravamo noi a sentire gli odori perché eravamo bambini. Abbiamo smesso diventando grandi”) e i sapori (“Il maritozzo”) dell’infanzia.
Ed è l’occasione per riesumare ricordi (“Era il 29 agosto del 1973… Il giorno in cui scoppiò il colera a Napoli…”).
Così come la notte trascorsa insieme, al lume di candela, dopo tanti anni agevola confidenze e dialoghi nostalgici.

Con l’immancabile appendice ove i fratelli Carofiglio propinano ricette, questo libello non presenta per il lettore il medesimo motivo d’interesse che probabilmente riveste per gli autori.

Giudizio finale: semplicistico, commerciale, culinario.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa nel bosco 2015-10-02 13:44:58 Anna_Reads
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    02 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

VALE TUTTO. Ma davvero?

VALE TUTTO.

Il “titolo” riprende l’affermazione di uno dei due fratelli (Gianrico, mi pare, ma non potrei giurarlo) che alle perplessità dell’altro:
“… ma nel libro ci mettiamo anche QUESTO?!?”
Risponde, appunto:
“VALE TUTTO.”
Come nelle ricette svuota frigo. Come nello stufato all’irlandese dei Tre Uomini in Barca.

Mettersi a raccontare memorie è terreno minato. Raccontare le proprie, poi, è pericolosissimo.
Noia in agguato. Non una noia qualunque, LA NOIA.
Lo sa chiunque sia stato coinvolto in una serata di diapositive dalla coppia-di-(ex)-amici-di-ritorno-dal-viaggio-della-vita (capitato anche a me. UNA volta. Ero giovane).
Se le memorie non sono condivise devi essere maledettamente bravo, per coinvolgere l’altro.
I Carifigli non si pongono neppure lontanamente il problema.
Credo che la cosa che mi ha più sovranamente irritato del “libro” sia proprio la sua sciatteria.
Come risolvono il “cambiamento di mano” fra i paragrafi di uno “scrittore” e l’altro?
Mettono Gianrico/Francesco in cima.
Raffinato.

E per rendere il tono "familiare"? Inseriscono ogni tanto qualche parola colloquiale.
«Andavo a comprare le granite al bar, il tipo preparava un vassoio di cartone…»
Il TIPO?
Devo confessare che questa cosa arriva ad offendermi. Come si può pensare di mandare alle stampe (ma anche di far leggere al circolo di scrittura del pianerottolo) una cosa così sciatta? Ci mancano solo le ditate unte agli angoli…e magari sul cartaceo c’erano, tanto per ribadire l’idea di autenticità.

L’autenticità? Ma anche no!
Infine di che stiamo parlando? Di due fratelli che si frequentano poco, che devo andare a “chiudere” la casa delle loro vacanze d’infanzia.
Cosa fanno per far passare 75 pagine? Un po’ di ricette, qualche avventura dell’infanzia, qualche ardita incursione nel presente (uno dei due è andato a letto con un’ex dell’altro. OoOoOoO. Torniamo nel passato che è meglio). E come chiudiamo? Con un accenno di riavvicinamento e cucinando una torta a mammà.

Onestamente i due Carofiglio personaggi non sono verosimili, la loro storia (?), non esiste e chiudere con le ricette è veramente lo sfregio finale.
Mi piace pensare che altri scrittori, per quanto famosi, pur certi della pubblicazione e delle vendite assicurate, avrebbero avuto maggior ritegno e rispetto per i propri lettori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa nel bosco 2015-06-24 20:34:38 Pelizzari
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    24 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Odori e sapori

Memoir gastronomico, scritto a doppie mani, che è un breve viaggio nella memoria di due fratelli. Attraverso una serie di associazioni di idee che li riporta a sprazzi a quando erano bambini, attraverso gli odori ed i sapori caratteristici della loro infanzia e adolescenza, rivivono momenti della loro vita e ritrovano un po’ se stessi, una vicinanza che trova il suo suggello nella torta di ricotta che cucinano insieme. Lo stile è strutturato a dialoghi ed a capitoli alternati, a firma di uno o dell’altro fratello. L’atmosfera è quella di malinconie lontane. Il ritmo è lento ma ti conquista nella lettura e ti conduce, per parallelismo, a pensare anche alla tua infanzia ed alle persone chiave che l’hanno resa speciale e, anche se lontana, indimenticabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa nel bosco 2014-06-29 18:40:06 mia77
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
mia77 Opinione inserita da mia77    29 Giugno, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La casa nel bosco di Gianrico e Francesco Carofigl

Scrittura semplice e chiara per un libro che racconta la relazione tra due fratelli, molto diversi fra loro, che non si frequentano molto. In questo romanzo si incontrano per dare un'ultima occhiata alla casa di vacanza dove soggiornavano da piccoli durante le vacanze scolastiche, prima di consegnarla al nuovo acquirente. Questo incontro diventa l'occasione per ricordare insieme molti episodi della loro infanzia e anche molti ODORI e molti SAPORI passati e presenti. Ho amato l'accostamento dei sensi alla memoria, perché spesso, nella nostra vita, proprio questi hanno risvegliato ricordi e sensazioni passati. Gianrico Carofiglio mi era già piaciuto in "Non esiste saggezza" e ha riconfermato il suo talento anche in questo romanzo, molto fluido e anche spassoso. Come nel romanzo precedente, un accento sui personaggi femminili, sempre molto presenti e protagonisti (in questo caso le nonne e la governante).
Le frasi o le espressioni che mi sono piaciute:
"E' una giornata di Ottobre, il sole allunga le ombre, prima del buio invernale... La campagna in autunno è un detonatore di malinconie lontane, la luce ha perso la limpidezza rassicurante dell'estate e il cielo azzurro non è più capace di fare promesse";
"Siamo a disagio con gli odori e soprattutto con quelli cattivi, per via di un processo culturale. Tendiamo a rifiutarli perché alludono alla parte più elementare, animalesca se vuoi, della nostra natura";
"Sempre, prima della partenza, c'era un senso di attesa, come una lieve febbre dell'anima. Le cose che ci sarebbero accadute quella stagione avrebbero cambiato per sempre le nostre vite. Ne eravamo certi, ogni volta";
"Parlare al buio è una cosa che ti riporta indietro, più di altre".
Voglio riportare anche una frase di Carofiglio del suo libro precedente che ho letteralmente adorato: "La nostalgia più struggente, quella per le cose non accadute".
È tutto accaduto, più o meno.
Molto carino, lo consiglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La casa nel bosco 2014-04-07 15:48:00 Sydbar
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    07 Aprile, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perché?

Perché? Si, capisco che ci possano essere dei contratti da rispettare, capisco anche che scrivere a quattro mani non sia semplice anche perché ci sono due teste.
I Carofiglio questo volta a mio avviso hanno "toppato", come si diceva una volta, non posso credere di aver letto un libro con argomenti ormai stautilizzati e per giunta con nessuna variazione sul tema.
Un vero e proprio album olfattivo-fotografico di storielle e vicende ambientate o che trovano spunto dalla classica casa in campagna per le ferie, di una coppia di fratelli.
Unica perla dell'opera sta nel ricettario finale, ma qui si vince facile con le ricette tipiche di una Puglia tutta da vivere e assaporare.
Sono rammaricato per un libro, di neanche duecento pagine, di cui non ne capisco l'esigenza realizzativa.
Perché?
Buona lettura a tutti.
Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza
Il carcere
Sempre tornare
Fiorire tra le rocce
Libri che mi hanno rovinato la vita
Il tempo di vivere con te
Case, amori, universi
Gli anni forti
Mille scarpe da lucidare
Splendi come vita
Il pane perduto
L'ospite
Inseparabile