La città interiore La città interiore

La città interiore

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

È il 4 aprile 1945. Quel bambino sta trasportando una sedia tra le macerie della città liberata dai nazifascisti ed è diretto al comando alleato, dove lo attende suo padre - dal cognome vagamente sospetto, Covacich - sottoposto i un interrogatorio. E quella sedia potrebbe scagionarlo. Sempre Trieste, 5 agosto 1972. I terroristi di Settembre Vero hanno fatto saltare due cisterne di petrolio. Un bambino, Vlauro Covacich, tra le gambe di suo padre (il bambino che trascinava la sedia ventisette anni prima nella Trieste liberata), contemplando le colonne di fumo dalle alture carsiche sopra la città, chiede: "Papà, sento in guera?" Mauro Covacich torna nella sua Trieste, con un libro dal ritmo incalzante, avventuroso romanzo della propria formazione, scritto con la precisione chirurgica di un analista di guerra e animato dalla curiosità di un reporter. "La città interiore" è la cartografia del cuore di uno scrittore inguaribilmente triestino; è il compiuto labirinto di una città, di un uomo, della Storia, che il lettore percorre con lo stesso senso di inquieta meraviglia che accompagnava quel bambino del 1945 e quello del 1972; un labirinto di deviazioni e ritorni inaspettati, da cui si esce con il desiderio di rientrarci.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La città interiore 2017-07-16 20:49:04 annamariabalzano43
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    16 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La storia nello spazio di una vita

Ogni individuo è legato al luogo, ai luoghi e all’ ambiente da cui proviene, in cui cresce e forma il suo carattere. Il luogo e l’ambiente sono la sua città interiore. Non importa quanto grande essa sia, la sua dimensione coinciderà con la sua storia.
Ogni individuo, dunque, ha in sé un bagaglio culturale ereditato suo malgrado, destinato a condizionare, almeno in parte, le sue scelte. In questo nostro paese così vario nella sua composizione regionalistica, con il nostro frequente migrare da un luogo a un altro in cerca di una stabilità materiale che possa trasformarsi in stabilità interiore, assistiamo a un inevitabile incontro/scontro di culture che non sempre riescono ad amalgamarsi.
I dialetti, nella loro unicità espressiva, sono certamente patrimonio da difendere e coltivare e frequenti sono, a questo proposito, le espressioni dialettali che Mauro Covacich inserisce nel suo ultimo libro, una sorta di biografia, più che un romanzo, un excursus della storia della città di Trieste, vista attraverso gli occhi dell’autore/protagonista, che racconta le vicende travagliate della sua città dai primi del novecento ai giorni nostri. Tanti sono i personaggi celebri citati: su alcuni l’autore si sofferma a lungo, ne descrive la vita nel periodo trascorso a Trieste, come nel caso di Joyce, di Svevo, di Bibalo. Si sofferma sulle condizioni di vita della città durante il fascismo, le lotte partigiane, la persecuzione degli oppositori al regime, cita la vergogna della Risiera trasformata in lager, e accenna a questo proposito al bel libro di Claudio Magris “Non luogo a procedere”. E proprio Magris è tra i molti intellettuali di rilievo che vengono ricordati nel romanzo, come Svevo e Saba. Ne deriva un’immagine di una città di grande spessore culturale, vittima delle alterne vicende storiche che l’hanno ora esaltata ora mortificata. La narrazione di Covacich soffre purtroppo di una certa disorganicità, non tanto per i salti temporali frequenti, ma per la difficoltà che il lettore può talora incontrare a collegare gli eventi in un filo logico che possa restituire un insieme armonico e coerente. Ciò a scapito dell’originale presupposto di dimostrare che ciascun individuo è e si identifica con la storia dei suoi luoghi, che divengono e sono la sua città interiore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
La città interiore 2017-04-26 09:05:16 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    26 Aprile, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In cerca dell'identità sconosciuta.

Mauro Covacich, nel gennaio 2017, pubblica La città interiore. Lui è nato a Trieste nel 1965, e in questo testo assume il difficile compito di “testimone” della memoria, conseguenza diretta della sua nascita in una terra i cui conflitti hanno aperto le porte alla grande cultura,a personaggi che assurgono a “mito” più che alla loro appartenenza ad un cenacolo letterario. Saba, Svevo, Slataper, Tomizza, Pahor: ci sono tutti. Sono scrittori di confine che esprimono in sé “quell’essere altro” da un’italianità provinciale, perché la Storia è passata sulle loro geografie ampliando e destituendo la memoria. E tali sono rimasti. Paiono quasi nobili narratori che vagano smarriti tra dialetti e mescolanze di razze, scolpiti nel tempo come testimoni indefessi.
La città interiore è una ricerca memoriale, un romanzo di formazione, ma è il libro sulla “sua Trieste”. Città limpida, viva nelle onde, ventosa, dove gli echi della cultura mitteleuropea si scontrano con le radici di una appartenenza divenuta, anche, odio etnico, guerra, fratricidio. Si inizia con un bambino di sette anni che attraversa Trieste, appena liberata nel 1945, portando una sedia sulla testa. Si continua, poi, con quello stesso bambino divenuto ormai adulto e padre, che nel 1972, accompagna suo figlio a contemplare la città dall’alto. Quel bambino, anche lui di sette anni, è Mauro Covacich che da adulto si sofferma a meditare sulle proprie radici, recuperando il tracciato morale e culturale della sua stessa famiglia.
E’ un percorso d’amore per una città, la sua città Trieste, compiuto da uno scrittore che ancora si affanna a comprendere, scavando a fondo, perché, come diceva Quarantotti Gambini:
“il tempo fa crescere tutto ciò che non distrugge.”
Un libro patito, importante, ricco di questioni irrisolte con la Storia con la S maiuscola, scritto con una prosa elegante, precisa, profonda, colta. Un libro sulla memoria, che guarda con uno sguardo disinteressato ma sofferto ai tanti enigmi irrisolti dei popoli “di confine.” Perché anche quando si trova casa nella scrittura, perché l’idioma con cui si scrive:
“è lì a rammentarti che non sei a casa tua. E’ un disagio di cui però puoi fare tesoro. Vivere la sensazione vaga e persistente di essere un intruso nel proprio cervello.”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto: Claudio Magris, Non luogo a procedere.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri