La vita che si ama La vita che si ama

La vita che si ama

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

«Qui sono proprio io», scrive Roberto Vecchioni: e questo è davvero il suo libro più intimo, più autobiografico e urgente. Il libro in cui l’idea stessa della vita e della felicità, il senso del rotolare dei giorni, trova forma di racconto. Perché i momenti più belli o più intensi della nostra esistenza brillano nella memoria: sono luci che abbiamo dentro e che a un tratto sentiamo il bisogno di portare fuori. Magari per i nostri figli, e per tutti quelli che hanno voglia di ascoltare.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
 
La vita che si ama 2016-07-19 01:44:35 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    19 Luglio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quello di oh oh cavallo?

Roberto Vecchioni rappresenta “La vita che si ama” in racconti e versi dedicati ai figli.
I racconti talvolta traggono spunto da (e distorcono) esperienze reali, ispirate dalla vita del docente e del cantautore.

Al primo profilo (quello dell’insegnante) appartiene un episodio nel quale Vecchioni, presidente di commissione d’esame di maturità, con sensibilità paterna combatte la caparbia volontà di autodistruzione di uno studente deluso (“Mi ha chiesto se Orfeo era sceso agli inferi più per sconfiggere i dèmoni che per riprendersi Euridice”) e lo induce a reagire facendo propria l’interpretazione che Cesare Pavese diede al mito di Orfeo nei Dialoghi con Leucò. In un altro racconto (Il biliardo di Chomsky) il compositore di “Luci a San Siro” (canzone della quale in questo libro viene narrata la genesi) affronta la confessione di un altro studente, che confida al professore, esperto di tragedie greche, di essersi innamorato… della sorella.

Quanto alla seconda dimensione ne “La barzelletta di Dio” l’artista (“Quello di oh oh cavallo?”) ricorda il divertente equivoco nel quale incappò in occasione di un’audizione dal papa.

L’opera potrebbe essere assimilata a un diario intimistico, spesso sdrammatizzato, dei rapporti con i familiari. Ci sono tutti: i figli, la moglie, la mamma e il padre Aldo che in “Duplice accoppiata” scrittura il figlio (“Noi Vecchioni”) per un’impresa improbabile: recuperare un biglietto vincente incautamente buttato nell’ippodromo di Anagni…

Giudizio finale: autobiografico, prosastico e poetico al tempo stesso.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...
Roberto Vecchioni rappresenta “La vita che si ama” in racconti e versi dedicati ai figli.
I racconti talvolta traggono spunto da (e distorcono) esperienze reali, ispirate dalla vita del docente e del cantautore.

Al primo profilo (quello dell’insegnante) appartiene un episodio nel quale Vecchioni, presidente di commissione d’esame di maturità, con sensibilità paterna combatte la caparbia volontà di autodistruzione di uno studente deluso (“Mi ha chiesto se Orfeo era sceso agli inferi più per sconfiggere i dèmoni che per riprendersi Euridice”) e lo induce a reagire facendo propria l’interpretazione che Cesare Pavese diede al mito di Orfeo nei Dialoghi con Leucò. In un altro racconto (Il biliardo di Chomsky) il compositore di “Luci a San Siro” (canzone della quale in questo libro viene narrata la genesi) affronta la confessione di un altro studente, che confida al professore, esperto di tragedie greche, di essersi innamorato… della sorella.

Quanto alla seconda dimensione ne “La barzelletta di Dio” l’artista (“Quello di oh oh cavallo?”) ricorda il divertente equivoco nel quale incappò in occasione di un’audizione dal papa.

L’opera potrebbe essere assimilata a un diario intimistico, spesso sdrammatizzato, dei rapporti con i familiari. Ci sono tutti: i figli, la moglie, la mamma e il padre Aldo che in “Duplice accoppiata” scrittura il figlio (“Noi Vecchioni”) per un’impresa improbabile: recuperare un biglietto vincente incautamente buttato nell’ippodromo di Anagni…

Giudizio finale: autobiografico, prosastico e poetico al tempo stesso.

Bruno Elpis
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La vita che si ama 2016-06-03 12:14:26 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    03 Giugno, 2016
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tempo di bilanci nell'ancora attuale ricerca

Un’opera, quella di Vecchioni, fondata sull’intramontabile dogma della ricerca della felicità. Tanti gli episodi narrati; racconti autobiografici e storie talvolta inventate mixate a poesie in canzoni, con cui l’uomo ripercorre gli anni di quella che è stata la sua vita e di quella che è la sua famiglia, di chi sono gli affetti più cari, i dolori e le difficoltà che ha dovuto affrontare, gli aneddoti più esilaranti della sua carriera di insegnante nonché di cantautore.
Sono vicende semplici, genuine, pieni di emozione. Piccole perle di scrittura in cui realtà e finzione si fondano tra loro commistionandosi. Ed al valore contenutivo dell’opera, si aggiunge quello stilistico caratterizzato da una penna erudita, ricercata, attenta alla qualità della sua prosa.
Un elaborato che nelle sue 158 pagine vi farà sorridere, sospirare, rivivere i tempi che furono, sognare. Un testo che se vi interessa per la tematica non vi lascerà delusi, al contrario non vi appassionerà particolarmente se questa non è di vostro gradimento.

«Ma non potevo capire, allora. Non potevo capire che quel diamante spartito agli addii e conservato tutte insieme nella tenerezza e nella forza delle sere e di un canto, non era solo un verbo, non era solo una ripicca infantile, lecita ma di poco conto, di un vecchio alle soglie della pensione, ma una grandissima metafora sulla povertà spirituale di ogni ignoranza, sulla terapia irrinunciabile della poesia umana inascoltata, derisa, minimizzata, ridotta a polvere.» p. 71

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
si = a chi apprezza la tematica;
no = a chi non è interessato alla tipologia di argomento
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una persona alla volta
I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza
Il carcere
Sempre tornare
Fiorire tra le rocce
Caro Pier Paolo
Libri che mi hanno rovinato la vita
Il tempo di vivere con te
Case, amori, universi
Gli anni forti
Mille scarpe da lucidare
Splendi come vita