Tutti i nomi del mondo Tutti i nomi del mondo

Tutti i nomi del mondo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Fare l'appello delle persone che abbiamo incontrato nella nostra vita, capire in quale senso sono state importanti e perché hanno lasciato un marchio indelebile: l'insegnante protagonista di questo romanzo compie un gesto consapevolmente rischioso che tuttavia lui sente necessario, quasi ineludibile. Ad accompagnarlo nell'impresa, con l'ingenua volontà di proteggerlo, per fortuna c'è Ottavio, suo ex alunno ripetente che si esprime soltanto in romanesco. Rispondono ventisei nomi, quante sono le lettere dell'alfabeto: individui provenienti da ogni parte del mondo, giovani profughi, antichi amici dispersi, nonni paterni e materni, adolescenti pieni di speranza, a volte sventurati. Alcuni, sopravvissuti a guerre e carestie, vivono fra noi; altri, che lasciano intravedere, insieme a un passato lancinante, vicende legate alla storia della Resistenza italiana, parlano da un oltre. Gli interlocutori, convocati al Colle Oppio di Roma, registrano la loro presenza in una scuola di lingua per immigrati, chiamata Penny Wirton, dove frattanto continua a scorrere tumultuoso il fiume d'umanità dolente che tutti ben riconosciamo. Ognuno racconta l'avventura in cui è impegnato. Ne scaturisce un'originalissima riflessione corale sull'epoca che stiamo attraversando, scrutinata nel filtro di un'esperienza intima e personale. Eraldo Affinati, con questa sorprendente Spoon River, imbastisce un processo autobiografico e collettivo sui temi che sin dall'inizio hanno contraddistinto, come un filo rosso, la sua opera inconfondibile: libertà, responsabilità, educazione, giustizia, valori etici, religiosi e politici. Ma stavolta, scoprendo le ragioni profonde della propria vocazione pedagogica e letteraria, non può evitare di subire il controfagotto, comico e caustico insieme, del suo allievo preferito: il solo, forse, in grado di consegnargli alla fine la vera risposta che lui desiderava.

Recensione della Redazione QLibri

 
Tutti i nomi del mondo 2018-02-02 15:26:24 siti
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    02 Febbraio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Compendio di una vita da insegnante

Eraldo Affinati in questo nuovo romanzo pare fare i conti con se stesso.
Si ferma un attimo- lui attivissimo nella pratica didattica come insegnante di letteratura e fondatore della scuola gratuita per immigrati “Penny Wirton” , oltre che studioso di storia e instancabile viaggiatore alla ricerca delle proprie radici e di quelle di tutti noi attraverso il percorso dei luoghi storici dei grandi eventi e dei luoghi biografici dei grandi letterati- e riflette.
Richiama alla mente ventisei nomi, non solo ex allievi ma attraverso loro un esercito di altri individui, e così facendo gli dà la parola per poter richiamare il loro vissuto personale, offrendogli una capacità espressiva che in realtà non hanno mai raggiunto ma che è necessaria per rendere a noi italiani chiari i loro vissuti.
Si tratta di storie di guerra, di povertà, di miseria, di prostituzione, di viaggi della speranza, di ricostruzione, di devianza e talvolta di morte. La lettura risulterebbe davvero pesante se non fosse stata inserita da Affinati la figura di Ottavio, suo ex allievo, il quale parlando solo in romanesco, smorza i toni, livella la realtà e dà qualche dritta al professore idealista che pare faticare ancora ad accettare le storture del reale. Egli dal canto suo è consapevole che il mondo non lo può cambiare ma sa anche che può sicuramente modificare la traiettoria di qualche vissuto individuale, agendo, dando una possibilità, comprendendo, aiutando, testimoniando anche in modo autoreferenziale la propria attività se poi da ciò deriva l’innesto per altre possibilità, per altri aiuti, per altre comprensioni, ampliando di volta in volta il numero di scuole e di volontari che aiutano i giovani immigrati.

La lettura è gradevole, l’esperienza raccontata forte ed esemplare. Consiglio la lettura a chi ancora fatica ad accettare i nuovi scenari sociali che vanno via via delineandosi in seguito all’intensificarsi dei flussi migratori per comprendere le ragioni umane che stanno dietro queste decisioni : sono tutto tranne che scelte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri libri di Affinati
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tutti i nomi del mondo 2018-11-24 15:35:45 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    24 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esperienze di vita

«È stato un caso, una fatalità, un destino? E soprattutto: a cosa è servito? Ci siamo scambiati il sangue per niente? Vi lascio campo libero» p. 17

Sono tante e impossibili da contare quelle singole esperienze che giorno dopo giorno ci formano, si fondono e accumulano tra loro tratteggiando la nostra personalità e segnando la nostra individuale esperienza di vita. Sono innumerevoli e talmente eterogenee che se cerchiamo di ripensare a tutte quelle che abbiamo vissuto e a tutte quelle persone che abbiamo incontrato, ci è spontaneo cercare di dargli una collocazione negli eventi, nei fatti, nelle circostanze. Perché quelle persone e quei fatti hanno lasciato un segno dentro di noi, ci hanno aiutato a crescere, a riflettere, a scontrarci con quello stesso nostro io, o semplicemente, ad affermare quella personalità che ci è propria da sempre ma che faticava ad affermarsi. Fermiamoci un attimo. Chiamiamole tutte alla memoria, quelle persone. Chi sono? Cosa hanno fatto? Cosa hanno significato per noi? Quale segno hanno lasciato? Cosa ci hanno donato? Cosa ci hanno insegnato se ci hanno insegnato qualcosa? E noi? Come abbiamo accolto le loro confessioni, le loro anime, il loro essere nella nostra dimensione, nella nostra prospettiva, nel nostro territorio vitale inteso non solo in senso spaziale? Da questo breve assunto Eraldo Affinati, fondatore della scuola gratuita per immigrati “Penny Wirton” e docente, decide di farsi coraggio e comincia a fare l’appello, un appello che consta di ventisei nomi. Tra loro tutti diversi, tra loro tutti eterogenei. C’è chi viene dalla guerra, c’è chi è scappato dalla povertà, chi è stato vittima di violenza, prostituzione, chi si è deciso ad intraprendere il viaggio della speranza rischiando di perdere la propria stessa vita, chi ha perso un padre perché si è suicidato, chi ancora è specchio di quegli anni che furono la Resistenza. Sono ex allievi, ma non solo. Sono uomini e donne che hanno attraversato i rispettivi “mari in tempesta” pe raggiungere una riva che potesse trarli in salvo. Ci parlano, ci raccontano il loro vissuto, si mettono a nudo. Con semplicità, perché quella lingua che è l’italiano non tutti sono riuscita ad impararla correttamente e a parlarla e a scriverla fluentemente. Ad accompagnarci in questa nostra intima traversata con questi ritrovati ventisei compagni di avventura, c’è Ottavio. Ex allievo, a sua volta, ma romano e che parla soltanto in romanesco e che viene investito del compito di alleggerire la lettura riportando il professore alla realtà, facendolo scendere dal piano dell’ideale per ricondurlo alla concretezza di un mondo che è imperfetto e che come tale va preso seppur si possa provare a migliorarlo, a tratteggiarne nuovi confini e spunti di riflessione con testimonianze e tentativi.
Un contenuto forte, quello rappresentato, perché fatto di esperienze vere, concrete, tangibili, accadute. Un contenuto che non risparmia e che così si propone a chi si avvicina alla lettura. Con tutte le sue imperfezioni, con tutte le sue discrepanze. Può non piacere, può far storcere il naso, ma può anche aiutare molto perché apre la mente sugli scenari attuali e aiuta a codificarli offrendone una chiave di lettura a trecentosessanta gradi. Perché dietro il fenomeno migratorio ci sono decisioni che vanno oltre il semplice motivo per il quale una scelta viene presa. Passo successivo l’integrazione, riuscita, non riuscita, voluta e non voluta. Vista da chi accoglie e da chi viene accolto. Per realizzare ciò, i racconti sono stilisticamente imperfetti. Riportano con parole semplici i pensieri, i vissuti. Leggere ogni capitoletto è come sentir parlare Daba, o Bostan, o Abdel, o Hermal, o Labib, o Quirina dal vivo, è come averli al fianco e sentire proferire le loro storie dalla loro bocca, con la loro voce. Questo potrà non rendere semplice lo scorrimento di un’opera che già dalle prime battute si erge come un componimento complesso, stratificato, profondo e contenutivamente non leggero, ma se non vi arrenderete, se procederete pagina dopo pagina, paragrafo dopo paragrafo, non ve ne pentirete. Ciascuno dei protagonisti resterà impresso nella memoria e che si ami o non ami, condivida o non condivida l’oggetto della trattazione, è impossibile sottrarsi ad una auto-interrogazione che si rispecchia in quella che è la realtà circostante.

«Facci capire come possiamo arrivare là, dove stai tu, nel regno degli uomini. Con le scarpe da pallacanestro e i maglioni blu a collo alto.» p. 52

«Non eri tu che lo affermavi? L’oro nasce dal fango. La bellezza dal marciume. La società dalla pazzia.» p. 128

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Bianco letale
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il libro di Talbott
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Romolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Nel cuore della notte
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Il censimento dei radical chic
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La palude
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il silenzio della collina
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'uomo delle castagne
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista di ghiaccio
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Un cuore tuo malgrado
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri