Narrativa italiana Romanzi storici 1849. I guerrieri della libertà
 

1849. I guerrieri della libertà 1849. I guerrieri della libertà

1849. I guerrieri della libertà

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Valerio Evangelisti, autore dell’iconica saga di “Eymerich”, riscopre una pagina essenziale e colpevolmente dimenticata della nostra Storia in un romanzo lontano sia dall’apologetica che da un’inutile demistificazione, il racconto di giorni di sangue e speranze, dove la notte che calò sui sogni di grande cambiamento non poteva già allora nascondere l’avvenire pieno di sole che attendeva oltre l’orizzonte. Pochi lo sanno ma nell’autunno del 1848 giovani in ogni parte d’Italia lasciarono lavoro e famiglie e si misero in marcia, destinazione Roma. Andavano a difendere l’insurrezione popolare che da lì a pochi mesi avrebbe visto nascere la Repubblica Romana, crocevia di idee democratiche e diritti civili quasi impensabili per la società del tempo. La quotidianità di quella manciata di mesi fu però molto lontana dalla retorica con cui certa Storiografia oggi li restituisce. Le strade in cui si batterono Mazzini, Garibaldi e Mameli erano ingombre di spazzatura e povertà, e con l’arrivo dei volontari si gonfiarono di grandi afflati e ancor più gratuiti assassini. A cavalcare la rivolta ci furono in pari misura eroi e banditi, visionari e faccendieri, gente di pistola, di mano e di coltello ma anche tante persone semplici, sprovveduti idealisti che rischiarono la vita inconsapevoli del ruolo che stavano avendo nella Storia. Proprio come Folco, immaginario panettiere che arriva a Roma alla vigilia dei tumulti e diventa testimone di ogni più turpe nefandezza l’uomo sia capace ma anche di ogni suo più elevato slancio. E così, mentre fuori dalla città tuonano i cannoni della restaurazione, e il passato cerca di soffocare il presente per disinnescare il futuro, Folco si rende conto che, pur non capendo fino in fondo quel che succede intorno a lui, respira un’aria nuova, la sensazione, mai provata, di fare parte di qualcosa di pulito.



Recensione della Redazione QLibri

 
1849. I guerrieri della libertà 2019-11-30 17:51:13 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    30 Novembre, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Repubblica de' Noantri

Come abbiamo imparato sui banchi di scuola, il 1848 fu un anno cruciale nella storia del nostro Risorgimento. In quei mesi si rafforzò in molti italiani la speranza di un mondo nuovo, in cui le potenze straniere fossero finalmente cacciate dal Paese e l’Italia divenisse uno stato unitario e democratico.
L’immaginario Folco Verardi, protagonista di questo romanzo, è uno dei tanti giovani che, abbagliati dal mito dell’unificazione, si unirono a frotte in improvvisati eserciti di volontari che combatterono nella I Guerra d’Indipendenza.
Folco aveva lasciato il suo lavoro di garzone di fornaio a Ravenna e si era arruolato nella Legione dei Volontari Pontifici che, sotto il comando del generale Durando, era partita per portare aiuto alle truppe di Carlo Alberto nella sua guerra contro l’Impero Austro-Ungarico.
Aveva partecipato alle battaglie di Vicenza dove il Corpo di spedizione si era battuto con valore e abnegazione, ma quando, il 29 aprile 1948, Pio IX aveva tolto il suo appoggio all’intervento e richiamato le truppe, lo sconcerto lo aveva preso. Come tanti suoi commilitoni era tornato a Roma nella speranza che non fosse già tutto finito. Qui aveva trovato una città in subbuglio e in aperto contrasto con la nuova politica conservatrice imposta dal Primo Ministro Pellegrino Rossi. Ed è qui che lo troviamo all’inizio del romanzo.
Assieme a tanti popolani romani sarà testimone dei successivi avvenimenti a partire dalle turbolente riunioni sediziose in taverne e magazzini, sino all’assassinio del Rossi; dall’instaurazione della Repubblica Romana all’elezione dell’Assemblea Costituente per giungere sino alla successiva, disperata lotta dei ribelli contro la restaurazione del potere temporale del Papa.

In questo suo romanzo Vittorio Evangelisti ci mostra la tragica, gloriosa epopea della Repubblica Romana vista dal basso, attraverso gli occhi candidi e ingenui di Folco, cioè nel modo in cui avrebbe potuto viverla uno qualunque dei tanti popolani che si votarono anima e corpo a quella causa, magari senza neppure comprenderne i più profondi ideali così come concepiti e propugnati dai vari Mazzini, Garibaldi, Saffi o Armellini.
Non è difficile immaginare lo stesso A. calato nei panni di quel immaginario garzone di fornaio, mentre si aggira per le piazze e le borgate di Roma e diviene testimone, talvolta anche in modo inconsapevole, di quegli storici avvenimenti come un muto, ammirato osservatore.
L’intento che l’A. si era prefisso, quindi, è nobile e ben concepito: mostrare la storia dalla parte della moltitudine di coloro che, normalmente, sono costretti a subirla pure quando, come in questa occasione, avrebbero l’opportunità di scriverla e far sentire la propria voce in capitolo. Purtroppo, e spiace davvero rilevarlo, detto lodevole obiettivo non è stato seguito da una altrettanto efficace realizzazione.
Al romanzo manca una vera trama che si distingua dalla mera, diligente esposizione dei fatti di cronaca di quei mesi e dall'elencazione puntigliosa dei personaggi storici coinvolti nell’azione. Folco ci appare un personaggio piuttosto sciapo, privo di alcuna caratterizzazione. È poco più che un paio d’occhi e di orecchie, un tramite che ci rende edotti dei vari accadimenti di cui si trova ad essere casualmente spettatore o che apprende nel letto di qualche procace ragazza o ai tavoli delle osterie che frequenta con solerte impegno tra bevute epiche e riepilogo di tutta la gastronomia romana (forse anche di quella che verrà inventata un secolo dopo!).
Gli eventi ci sono raccontati in modo apatico, pedantemente spento, come potremmo leggerli su un libro di storia per le scuole medie. Solo nelle fasi finali dell’assedio è dato trovare un po’ di pathos e partecipazione emotiva; troppo tardi e troppo poco, ahimè.
Il resoconto, indubbiamente, è accurato e sin troppo pignolo: insomma ci dà contezza che l’A. si sia ampiamente documentato prima di prendere la penna in mano, ma resta privo di passione e senza alcun approfondimento psicologico o sociologico. Anche i personaggi storici agiscono sulla scena come pallide comparse di una rappresentazione precisa, ma statica. Lo stile, anonimo e senza nerbo, non contribuisce ad accendere l’attenzione del lettore. Ogni tanto si ha l’impressione di incappare pure in qualche clamoroso falso storico. Uno tra tutti: può mai un popolano semianalfabeta disquisire di comunismo e di idee “comunistiche” quando il “Manifesto” di Marx era stato pubblicato pochissimi mesi prima a Londra? In generale, poi, l’A. fatica a dissimulare le sue simpatie politiche. Così fa agire e parlare i suoi personaggi come ci si aspetterebbe da un nostro contemporaneo. Pur riconoscendo che fu proprio in quei mesi che sbocciarono i germi di tutte le future istanze democratiche nel Mondo attuale l’approccio è decisamente anacronistico in quel contesto. Se è vero che Folco è l’alter ego dell’A. troppo spesso il secondo influenza il modo di sentire e di agire del primo.
Tuttavia non sono questi gli aspetti che più deludono, quanto, appunto, la narrazione monocorde e priva di emozione: per accendere gli animi e la fantasia non è sufficiente inserire qua e là i versi di qualche famoso inno patriottico o un’ode risorgimentale, come si farebbe a conclusione di una riunione di partito. Né qualche fervorino ideologico è sufficiente a dar corpo e anima ai personaggi e rendere vivo il racconto. E' sotto questo profilo che il libro mostra le maggiori carenze.
In conclusione la lettura è piuttosto noiosa, poco coinvolgente che si fa fatica a portarla a termine. Ciò è un vero peccato perché l’argomento era estremamente stimolante e poteva portare a risultati molto più accattivanti.
________________
Per chi già conosce bene l’opera di Evangelisti conviene segnalare che questo può essere considerato una sorta di prequel della trilogia “Il sole dell’avvenire” dove ritroviamo la famiglia Verardi, negli anni successivi ai fatti qui narrati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Sono sinceramente incerto se consigliarlo o meno. L'argomento meriterebbe sicuramente: purtroppo la storia della Repubblica romana è piuttosto negletta e un "ripasso" non sarebbe inopportuno, ma il risultato finale non è dei migliori, disgraziatamente.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
1849. I guerrieri della libertà 2020-04-20 13:45:36 lepree
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
lepree Opinione inserita da lepree    20 Aprile, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dio e Popolo

Nel 1848, l’anno in cui sembrava che le congiunzioni astrali portassero l’Europa a reinventarsi, almeno politicamente e socialmente, Roma era eterna, capitale della cristianità, meta simbolo per letterati e intellettuali. Ma era anche povera come poche volte nella sua lunga storia. Sporca, abbandonata all’incuria, spietata nelle sue contraddizioni in cui ai palazzi della nobiltà e del clero più altolocato rispondevano le baracche e gli stracci della gente del popolo largamente disoccupato.
Nell’anno che passerà alla Storia come l’anno delle rivoluzioni, mancate, la capitale era retta dal regno di papa Pio IX. Un papa politico, come ce ne sono stati tanti, che provò l’inefficacia, nel lungo periodo, della politica cerchiobottista del piede in due staffe, dando prima corda ai sentimenti liberali che infiammavano anche Roma per poi rimangiarsi tutto, parola e concessioni, fino a fuggire verso Gaeta tra le braccia del re despota Ferdinando II di Napoli.
È in questo clima fervente e confusionario che entra a Roma, assieme ai reduci della Legione pontificia guidata dal generale Durando che aveva combattuto in Veneto, Folco Verardi, di professione panettiere in quel di Ravenna. Uno dei tanti volontari che lasciano bottega, moglie e figli per far la guerra contro gli austriaci e “fare l’Italia”.
Per mezzo degli occhi del semplice e spaesato romagnolo, l’autore ci porta a spasso per le vie della città, tanto nei rioni popolari quanto nei palazzi dove si sta scrivendo la Storia. Tra riunioni carbonare fatte di invettive anticlericali e fiumi di Romanella alle sedute dell’assemblea costituente che, negli ultimi agonizzanti istanti di vita della Repubblica, promulgherà una costituzione audace e progressista dove, tra gli altri, si aboliva la pena di morte e si sanciva la laicità dello stato.
Folco, appena alfabetizzato e cosciente della sua scarsa vena politica, conteso fra l’amore per una garibaldina e quello per l’idea di far parte, per la prima volta nella sua vita, “di un qualcosa di pulito”, arriverà ad identificarsi con quegli ideali di speranza e uguaglianza che permeavano la causa repubblicana fino a sposarli come ragione di esistenza.

1849 è il frutto di un minuzioso lavoro storiografico, particolareggiato e ampiamente documentato. Una cronaca ricca, dove gli aneddoti più conosciuti si incastrano con altri immaginati o ricostruiti dall’autore in assoluta fedeltà con le cronache del tempo.
Questo marcato carattere storiografico ruba un po’ la scena al romanzo in sé, che ha l’unico limite di non riuscire quasi mai ad immergersi nelle vite dei protagonisti, alla lunga tutti un po’ schiacciati in un corpo unico (il popolo delle barricate, le orde di ragazzini seminudi, le schiere di intellettuali, ecc.) che li priva di identità propria. Lo stile abbastanza scolastico di Evangelisti contribuisce a questa sensazione di generale piattezza e forse il suo essere “forestiero” (Evangelisti è bolognese) ha negato alla narrazione quella componente vernacolare e romanesca che avrebbe portato vivacità nella lettura e reso in maniera ancora più efficace il contributo delle masse popolari a questa straordinaria impresa fallita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi storici, con più storia che romanzo
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri