Rubare la notte Rubare la notte

Rubare la notte

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Tutti lo sanno: Antoine de Saint-Exupéry ha scritto "Il piccolo principe", uno dei romanzi più popolari del mondo. Quello che tutti non sanno è che Antoine, famigliarmente Tonio, è un personaggio che vale da solo una grande storia. Ed è la storia che Romana Petri ha scritto con la febbre e la furia di chi si lascia catturare da un carattere e lo fa suo, anzi lo ruba, tanto che il documento prende più che spesso la forma dell'immaginazione. Orfano di padre, Tonio vive un'infanzia felice nel castello di Saint-Maurice-de-Rémens, amato, celebrato, avviluppato al mostruoso quasi ossessivo amore per la madre; un'infanzia che gli resta incollata all'anima per tutta la vita, fin da quando, straziato, vede morire il fratello più giovane. L'infanzia lo tallona come un destino quando, esaltato, comincia a volare, pilota civile e pilota militare, quando si innamora tanto e tante volte, quando si trasferisce in America, quando scrive, persino quando si schiera e sceglie di combattere per un'idea di Francia che forse è sua e solo sua. Dove sia andato Tonio, non sappiamo, nei cieli in fiamme del 1944. Sappiamo che ci ha lasciato le stelle della notte, il sogno di una meraviglia che non si è mai consumata, il bambino che lui ci invita a riconoscere eterno dentro di noi. Romana Petri costruisce e decostruisce, sgretola le regole della biografia, evoca e racconta amori, amicizie e sgomenti come dettagli di un appetito d'avventura mai sazio, si muove fra le date e dentro la Storia alla sola ricerca del principe che ha sconfitto la notte ed è entrato volando nell'infinito.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Rubare la notte 2023-08-01 20:14:46 marialetiziadorsi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
marialetiziadorsi Opinione inserita da marialetiziadorsi    01 Agosto, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo sguardo della meraviglia

«Le faceva molta impressione la sua capacità di distrarsi all’improvviso, di venire risucchiato lontano. Per lei era un po’ come se spiccasse il volo per andare in un altro, pericolosissimo mondo».

“Un giorno anche io mi comprerò un aereo e insieme sorvoleremo Saint-Maurice, e tutti applaudiranno il coraggioso aviatore”.

«Avrei continuato a volare per sempre».

Estasi è il termine che credo riassuma meglio l’atmosfera di questo libro. E le citazioni sognanti potrebbero continuare a lungo.

Ma andiamo con ordine.

E’ particolare questa biografia di Antoine De Saint-Exupéry, noto come autore del celeberrimo (e altrettanto discusso) “Il piccolo principe”. Credo però che per scrivere una recensione di questo “Rubare la notte” sia opportuno dimenticare l’associazione al Piccolo Principe e godersi la lettura di una storia così speciale.
La vita che viene ricostruita è quella di un uomo diviso tra la scrittura, la passione per l’aviazione, l’affetto per la madre e l’incapacità di trovare una donna che potesse amare davvero.
Antoine, soprannominato Tonio, nasce da una famiglia aristocratica e, pur rimasto giovanissimo orfano di padre, vive un’infanzia felice e tutto sommato spensierata, nonostante la perdita di un fratello tanto amato, fatto però che per l’epoca non era inusuale.
Negli anni dell’infanzia l’affetto per sua madre si fa viscerale e tale rimarrà anche nell’età adulta. Madre alla quale scriverà (non so se nella finzione letteraria o nella realtà) molte lettere da tutte le parti del mondo nelle quali si troverà e che ci aiutano a conoscere meglio il personaggio e a vedere con i suoi occhi perennemente stupefatti la realtà.
La passione per il volo nasce prestissimo, da quando inizia ad andare a seguire il lavoro dei meccanici che operano sugli aerei. E quello diviene il suo sogno: poter pilotare un aereo.
La madre, spaventata, cerca di dissuaderlo ma niente può fermare una passione così grande. D’altra parte sono anche anni nei quali gli aerei vengono sempre più utilizzati per trasportare posta, per esempio, settore nel quale Tonio lavorerà a lungo.
Nel suo girovagare per il mondo si innamorerà molte volte, ma senza riuscire mai a trovare un approdo definitivo. E si renderà conto di questa sua incapacità. L’unica donna alla quale si sentirà in qualche modo legato nonostante viva nel frattempo altre storie è la moglie Consuelo, artista eclettica e personaggio molto particolare.
E nel frattempo scrive non appena ha tempo quelli che saranno successi letterari, perché si tratta di un autore prolifico anche se noi ne ricordiamo quasi una sola opera.
Antoine morirà nei cieli sopra Marsiglia in una notte del 1944 durante un volo di ricognizione alla fine della seconda guerra mondiale. La sua vita insomma finirà tra le stelle, là dove ha sempre sognato di essere.

Quello che colpisce in questo libro è l’atmosfera: il protagonista in fondo rimane sempre bambino e con gli occhi di un bambino guarda il mondo: quel periodo della vita è stato talmente sereno e intenso da non volersene liberare e questo in qualche modo lo porta a rifiutare l’età adulta. Forse da qui nasce la difficoltà ad innamorarsi veramente.
Rubare la notte è un romanzo che si legge con gli occhi sgranati del protagonista che così vede il mondo dall’infanzia fino a tutta l’età adulta. Tutto lo stupisce positivamente, tutto è bello ed esaltante, il progresso è una magia. Il mondo, in fondo, è una splendida magia.
I temi principali sono l’amore per il volo, l’affetto per la madre e il controverso rapporto con le donne, intorno ai quali ruota la storia di questa esistenza.
Ho particolarmente apprezzato lo sguardo sognante con cui Romana Petri ha scritto “Rubare la notte” che riesce a rendere benissimo pensieri e sensazioni del protagonista dalla prima all’ultima pagina senza mai cedere passando attraverso l’amore per l’aviazione, le tante lettere alla madre e gli amori di così breve durata.
Credo però che questo non basti a renderlo un romanzo memorabile: dopo un po’ l’insieme risulta ripetitivo e anche un po’ noioso.
Non si tratta quindi di un libro che rimarrà nella storia della letteratura ma se si vuole scoprire di più di un personaggio così originale e del suo modo di vedere il mondo con occhi fiabeschi può valer la pena di leggerlo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Rubare la notte 2023-07-31 18:28:51 AndCor
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    31 Luglio, 2023
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Volai, e volai sempre, e fortissimamente volai

Se 'Il piccolo principe' è uno dei libri più letti e tradotti al mondo, non gode di altrettanta fama il suo autore. Antoine de Saint-Exupéry è certamente meno conosciuto della sua "magnum opus", tuttavia questa precisa e puntuale biografia è la risposta al problema e permette al lettore di perlustrare a fondo i meandri (mitici) di vita vissuta dello scrittore-aviatore francese.
"Tonio" nasce a Lione da una famiglia aristocratica all'inizio del Novecento, perde il padre all'età di quattro anni e cresce legandosi alla madre in un rapporto oltre i limiti dell'ossessivo-compulsivo (mantenuto e rinsaldato anche a distanza tramite una fittissima corrispondenza). 'Sempre con quella virgola di naso all'insù' e attratto 'dal mondo femminile e dalle magnetiche pieghe che prendevano le gonne passo dopo passo', già in tenera età vive in un mondo diverso da quello degli altri bambini e parla di motori a scoppio, di sistemi di irrigazione e di biciclette volanti. Il suo 'baptême de l’air' del 1912 con i fratelli Wroblewski è solo il preludio alla vita di 'un uomo scisso tra terra e aria', riassunta (neanche troppo brevemente) attraverso la prematura morte di due fratelli, l'Ecole Navale, il servizio militare, i decolli non autorizzati del 1923, la linea aeropostale francese, il matrimonio con la scrittrice-pittrice Consuelo Gomez Carrillo, la città di New York, la Seconda Guerra Mondiale, il ritorno alle ricognizioni aeree all'età di 43 anni e l'ultimo volo sopra i cieli di Marsiglia nel 1944 che ancora oggi rimane avvolto nel mistero.

A ottant’anni esatti dall'uscita della prima edizione de 'Il piccolo principe', un'opera con doppio narratore che mescola in modo omogeneo felicità, tristezza, nostalgia e solitudine presentando un concetto tutto personale di avventura - 'un bisogno costante di scoprire nuovi posti, di lasciarmi portare dalle gambe, di essere incerto del domani' -, una dimensione sentimental-filosofica alquanto dettagliata e un protagonista ben interiorizzato e dalla personalità policromatica.
Nonostante la fluidità del testo sia inficiata da alcune digressioni statiche, la piacevolezza non ne viene intaccata e l'autrice certamente coglie in pieno l'obiettivo di rendere omaggio all'"aviatore letterato".

Sulla falsariga del romanzo ben più famoso di "Tonio", vi muoverete tra mille avventure 'à mille milles de toute terre habitée' per poi sparire di colpo.
Sparire di colpo, misteriosamente, senza lasciare traccia.
O, meglio, una traccia è rimasta.

Una traccia di cui 'Ho già scritto sei righe di un libro che ho in mente. Per me è già molto. Sei righe in un giorno mi fanno ben sperare, credo che lo porterò, a termine anche se non saprei ancora raccontarvene la trama. Ma una cosa è certa, parlerà di volo, di deserti, di stellate notti.'

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
'Il piccolo principe' di Antoine de Saint-Exupéry;
'Il ritorno del giovane principe' di Alejandro Roemmers.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono
Una piccola pace

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232