Narrativa italiana Romanzi storici Se esiste un perdono
 

Se esiste un perdono Se esiste un perdono

Se esiste un perdono

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La chiamano la Bambina del Sale, perché tutte le sere, quando il buio allaga la città, puoi incontrarla all'imbocco di un vicolo che vende ai passanti sacchetti in tela azzurra con dentro una manciata di sale, introvabile da tempo. Nessuno a Praga conosce il suo nome. Nessuno sa come si procura quella preziosa merce. La Bambina compare dopo il tramonto e scompare prima dell'alba, senza dare confidenza a chi incontra. Una moneta, un sacchetto. Tutto qui. È il 1938. Il furore nazista incombe sulla Cecoslovacchia e Hitler è alle soglie della città. La paura dilaga, soprattutto fra gli ebrei del Ghetto. Non c'è tempo, bisogna fuggire. Bisogna salvare i più deboli, come i bambini senza famiglia, come la Bambina del Sale. Un'impresa impossibile. Eppure c'è un uomo che ci crede, un inglese di origini ebraiche, Nicholas Winton, che tenta il miracolo: allestire treni diretti nel Regno Unito per mettere in salvo quanti più bambini possibile. Tra mille ostacoli logistici e politici, e con l'aiuto della giovane Petra che lo guida in una città a lui sconosciuta e colma di fascino, Winton sta per riuscire nel suo eroico intento. Ma la Bambina del Sale sembra non voglia farsi salvare. Perché quello sguardo sfuggente? Quale segreto nasconde? In questo romanzo, che racconta la vicenda vera e dimenticata di sir Nicholas Winton, tornata alla luce grazie a un commovente video della BBC dove l'uomo ottantenne incontra a sorpresa i “suoi” bambini ormai adulti, Fabiano Massimi ci accompagna in un viaggio fra storia e finzione, rischiarando una delle pagine più oscure del nostro passato con la luce della speranza.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Se esiste un perdono 2023-03-07 18:12:25 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    07 Marzo, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Winston list

Esiste un giorno preposto per ricordarli, a imperitura memoria.
Istituito semplicemente perché ciò che accadde allora, non si ripeta. Mai più.
Ogni anno il 27 gennaio si celebra il Giorno della Memoria, istituito per ricordare le vittime dell'Olocausto, e per inciso, quelli della Shoah, giusto perché si intenda che non fu un sacrificio inevitabile, ma un delitto coscientemente perpetrato dalla malvagità umana verso i propri simili.
Un giorno che rammenta a tutti, specialmente alle nuove generazioni, lo sterminio messo in atto tra il 1933 e la metà degli anni Quaranta dalla Germania nazista e dai suoi alleati, Italia compresa, in misura massiccia nei confronti del popolo ebraico, ma non solo, anche contro tutte le categorie ritenute deleterie all’ordine nuovo razziale del Terzo Reich.
Senza distinzione di età, di genere, di nazionalità, e senza provare mai un briciolo di umana pietà e misericordia, nemmeno per i bambini.
Per estensione, però, è anche un’occasione per ricordare i giusti, coloro cioè che pur non essendo ebrei, e quindi immuni dalle persecuzioni, non esitarono a rischiare, ad esporsi, a mettere in gioco la propria esistenza nel tentativo di mettere in salvo quanti più ebrei e perseguitati possibili. Nascondendoli, proteggendoli, ponendoli in salvo in altri paesi, aiutandoli in tutti i modi, a rischio della propria vita, disinteressatamente, rimettendoci tempo, valori, stress e salute, solo ed esclusivamente nel nome della loro normale, innata e mai sopita umanità d’animo.
Erano costoro i giusti tra le nazioni, uomini e donne dal cuore buono, generoso, solidale ed altruistico, a cui tantissimi ebrei devono la vita, questi fortunati furono salvati perché i non ebrei si adoperarono per loro. Non erano eroi, neanche giusti; erano le persone giuste, uomini e donne semplici e genuine, di comune buon senso, diversi dai perseguitati per nascita, etnia, religione, e però con loro saldi e concordi nel considerarsi come appartenenti tutti ad una ed una sola unica razza: quella umana.
Il più noto dei giusti tra le nazioni fu, paradossalmente, un tedesco: l’industriale Oskar Schindler, che con la scusa di impiegarli come manovalanza nelle sue fabbriche, sottrasse ai campi di sterminio oltre un migliaio di ebrei, i cui nominativi erano presenti in una lista, la lista di Schindler, appunto, da cui il famoso regista Steven Spielberg trasse il celebre film omonimo “Schindler list”, divulgando in tutto il mondo il coraggio e l’altruismo dell’industriale tedesco sì, ma certamente alieno alla logica aberrante dello sterminio nazista.
Come lui, tanti altri, meno noti ma non meno meritevoli, hanno operato nello stesso modo per trarre in salvo quanti più ebrei possibili; e meritano un plauso particolare quanti hanno rivolto i loro sforzi a porre in salvo i più innocenti tra gli innocenti, i bambini.
“…quello che facciamo qui non è illegale, ma potrebbe diventare rischioso…Lavoriamo venti ore al giorno, non siamo pagati, nessuno ci ringrazierà.”
In questo modo questi relativamente pochi prodi, agendo spesso senza alcuna copertura politica o diplomatica a protezione del loro operato, hanno in un certo senso riscattato il Bene, l’umanità degli uomini, la dignità dell’Uomo, degradata e svilita dal Male bieco e belluino, celato sotto la croce uncinata. Certo, il tutto non vale a porre rimedio, quanto accaduto è una vergogna della Storia, che non ammette assoluzione, remissione, venia, non è assolutamente possibile ipotizzare indulgenza.
Nessun abbuono; può esistere solo, per merito dei giusti, una minima forma di riscatto.
Se esiste un perdono, è perché tanti, e quasi tutti misconosciuti, si adoperarono per la salvezza di tantissimi.
“Se esiste un perdono”, l’ultimo romanzo di Fabiano Massimi, è un racconto di fede, di promessa, di attesa; non è un’opera di fantasia, nemmeno Storia romanzata, è l’accurata e documentata descrizione del romanzo dell’esistenza, in una delle epoche più buie della nostra Storia recente.
Massimi non è nuovo a questi lavori attenti, curati al dettaglio, ineccepibili, scrupolosi nella ricerca di fatti e protagonisti, letture che sono però allo stesso tempo deliziose, eleganti, d’autore.
Già nei precedenti “L’angelo di Monaco” ed il suo sequel “I demoni di Berlino” lo studioso e ricercatore, il bibliotecario modenese prestato e prestatosi alla letteratura, aveva dato validissima prova di sé, narrando a modo suo l’ascesa al potere di Hitler e del nazismo romanzando con arte aspetti meno noti della storiografia ufficiale, e però reali, documentati, storicamente innegabili.
Fabiano Massimi sa scrivere molto bene, vale a dimostrarlo tra l’altro la circostanza che si è cimentato felicemente anche in pregevoli lavori di genere poliziesco, in cui i buoni di turno non sono le forze dell’ordine, ma una cooperativa di ex carcerati riuniti in una forma di mutuo e solidale soccorso.
Massimi nutre una evidente amore per la Storia, è inoltre un bibliofilo, e bibliotecario, curioso e appassionato, ma a tutto questo si accompagna, con pari scrupolo, anche talento, dote e genio nel riportare su carta la sua inventiva. Scrive con uno stile fermo, risoluto, sa esporre il suo narrato con classe, sicurezza, il suo racconto ha un ordito forte, completo, abbina fascino e disciplina, sentimento e azione, paura e audacia. I suoi personaggi, quelli realmente esistiti e rivisitati, e quelli dettatogli dalla sua inventiva, sono delle perle, delle finezze, sia che si tratti di protagonisti positivi, uomini e donne, eroi tanto banali e comuni quanto splendidi portenti, sia che si tratti della feccia dell’epoca, gli obbrobri umani con il loro repertorio di oscenità d’essere, permeati dalla mostruosità del nazismo.
In particolare, protagonisti sullo sfondo di questo romanzo, ma in verità i veri mattatori della storia, sono i bambini, costretti a scappare oltrefrontiera, posti in salvo in paesi pronti ad accoglierli, almeno in un certo numero, ma necessariamente Paesi stranieri che i piccoli, alcuni piccolissimi, non conoscono e nemmeno ne intendono la lingua, da soli e senza i loro genitori.
Genitori che consapevolmente non li abbondano per salvaguardarli, se li strappano letteralmente a forza dal loro cuore e dalla loro anima, li affidano ad estranei perché li portino via, in aereo, per treno, in ogni modo lontani dal tedesco invasore, che abbiano almeno i piccoli una residua speranza di salvarsi e godere di una vita non diciamo felice, ma almeno comune e banale, a misura d’uomo.
Il loro emblema è una misteriosa, e incantevole, Bambina del Sale; una piccola che si aggira solo di notte per i vicoli bui, sfidando pericoli e paure per vendere per pochi soldi sacchettini azzurri ripieni di sale, per i tempi un bene introvabile, qualcosa di raro e prezioso.
“…si cresce in fretta, quando serve.”
La bambina del sale: non a caso.
Perché il sale è componente delle lacrime, è contenuto nel sangue, ma soprattutto si resta di sale davanti a certe vicende.
Gli adulti che sono, ma solo in apparenza, i protagonisti principali, i salvatori, tutte persone realmente esistite, e ricordiamo qui i nomi di questi giusti, Doreen Warren, Trevor Chadwick, ma soprattutto lui, l’artefice primario di queste missioni di salvataggio di bambini, Nicholas Winston, l’uomo giusto, nel senso più nobile del termine, il più giusto tra i giusti, cittadino inglese operante da straniero in terra straniera, che tanto si spese per espatriare i bambini ebrei da Praga prima dello scempio dell’invasione nazista.
“…Aiuto chi è senza aiuto.”
E che rivedrà a sorpresa i piccoli da lui salvati, potremmo dire i bambini della “Winston list”, a decenni dalla fine del conflitto, sul finire della propria esistenza terrena, vissuta in discrezione e misconosciuto, perché i giusti sono così, una volta esaurito il loro compito, ritornano nell’ombra, perché…perché li tormenta, è sale sulle ferite, il loro convincersi che potevano fare di più, salvare più bambini, salvarli tutti, nessuno escluso.
Anche la bambina del sale, il loro più grande rimpianto di una vita spesa giustamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fabiano Massimi
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Se esiste un perdono 2023-02-11 14:43:23 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    11 Febbraio, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Margaret

«Salvare i rifugiati.
Salvare i bambini.
Salvare il paese, forse.
Ma se il paese non avesse voluto farsi salvare?»

È una bambina, o almeno questa sembra essere nel buio della notte. È questo, infatti, il momento in cui ella può essere incontrata con il suo fare etereo, il suo non parlare, il suo osservare. Che sia tra un vicolo o l’altro, la Bambina del Sale attende e vende con discrezione il sale ai passanti, sacchetti in tela azzurra con dentro una manciata di questo bene ormai introvabile da tempo. Una moneta per un sacchettino, un prezzo irrisorio se si pensa alla rarità di questo. Compare dopo il tramonto, scompare all’alba. Mito o leggenda, realtà e/o sopravvivenza. Nessuno sa come si procura il prodotto, nessuno a Praga conosce il suo nome. Sono però tempi oscuri dove l’aria puzza di guerra, dove il nazismo è pronto a mietere vittime su vittime seguendo le mire espansionistiche del suo leader.
Siamo nel 1938, siamo in Cecoslovacchia. Non c’è tempo, il Ghetto, ma anche tutta la popolazione, lo sa bene. I più deboli devono essere salvati, tutti devono riuscire a mettersi in salvo. Ma la lista è lunga, l’impresa sembra impossibile. Tanto impossibile quanto cieca e forte è la fiducia di chi vuol imbarcarsi in questa battaglia fatta di speranza.
Quando Nicholas Winton arriva a Praga, Doreen Warren è già operativa da mesi. Mentre la donna è consapevole della situazione e della difficoltà del mettere in atto un piano così coraggioso, per l’uomo non ci sono dubbi: coadiuvato da Petra a causa delle sue difficoltà linguistiche organizzerà prima aerei e poi treni per mettere in salvo i bambini. Inglese ma di origine ebraiche, determinato nel suo agire, pronto ad allestire questi treni con direzione Gran Bretagna, il luogo dove egli attualmente vive e a cui presto dovrà far ritorno. Perché Winton è in ferie ma quali ferie possono essere godute se a farne le spese sono vite innocenti e la furia è pronta a dilagare?
La incontra per caso, la bambina. Un fatto particolare porta a unire le loro strade ma come aiutarla, come portarla in salvo se la prima a sembrare non voler essere salvata è proprio lei? Lasciare tutto e tornare in Inghilterra è davvero possibile?

«Un limite è necessario, mi diceva sempre, per affrontare un’impresa illimitata.»

Ed ancora due volti femminili, da un lato Doreen, personaggio storico realmente esistito che insieme a Trevor Chadwick, resta ancora oggi un volto da scoprire ma le cui missioni di salvataggio sono passate alla Storia, donna ancora tutta d’un pezzo, meticolosa e decisa, forte e agguerrita, e Petra, colei che nell’arco di una notte ha semplicemente perso tutto. Suo marito, il suo bambino, il suo futuro, il suo essere. Scelte, scelte giuste o sbagliate, ma pur sempre scelte.
E la guerra Scoppia. Scoppia senza remore, senza timori, senza freni. Senza mai rinunciare al suo incedere. Scoppia e corre, corre come un treno, come quel treno che carico di vite deve attraversare il vecchio continente per raggiungere la possibilità di una salvezza.

«Ma c’era anche chi lavorava in senso opposto. In mezzo alla follia, alla stupidità e al male generali c’erano anche persone di buona volontà. La catena del bene.»

Fabiano Massimi torna in libreria dopo la serie iniziata con “L’angelo di Monaco” e proseguita con “Demoni” ma anche dopo il suo “Il club Montecristo” e “Vivi nascosto” con un nuovo romanzo storico che non delude le aspettative. La storia che viene narrata è Storia, è la storia nella Storia di uomini e donne che a ridosso della Seconda guerra mondiale hanno cercato di aiutare il prossimo, hanno cercato di mettere in salvo quante più vite possibili per fronteggiare la follia del nazismo.
Ecco allora che Massimi rende omaggio a Nicholas Winton ma anche a Doreen Warriner e Trevor Chadwick che per troppi decenni sono rimasti, e in parte ancora sono a causa della scarsità di notizie, volti del passato, volti di un passato che non deve essere mai dimenticato. Ma narra anche di donne e uomini che hanno cercato di fare la differenza.
Un caleidoscopio di voci, colori, emozioni e fatti storici che si susseguono con un buon ritmo narrativo. Talvolta forse un po’ troppo descrittivo tanto da far perdere di rapidità al componimento ma un libro certamente da leggere e assaporare, per forza evocativa, intenti e anche emozioni che è capace di suscitare.

«Anche così, anche soli e abbandonati, anche in un paese in guerra, tra freddo, fame e malattia, riuscivano a ridere. Riuscivano a vivere.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono
Una piccola pace
Gente in Aspromonte