Oro puro Oro puro

Oro puro

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Palos, Spagna, agosto 1492. Nuno ha sedici anni, ed è un granchio. O almeno questo è il soprannome che gli ha dato sua madre, morta pochi mesi prima, di cui Nuno conserva un ricordo che è dolore e luce insieme. Pur vivendo sul mare, Nuno non ha mai desiderato solcarlo, e preferisce guardarlo restando aggrappato alla terra, proprio come fanno i granchi. Finché, per una serie di circostanze tanto sfortunate quanto casuali, deve imbarcarsi su una nave di cui ignora la destinazione. Si tratta della Santa María, a bordo della quale Cristoforo Colombo scoprirà – per caso e per sbaglio – il Nuovo Mondo. Mentre Nuno si renderà conto, lui che di navigazione non sa nulla, di condividere lo smarrimento coi suoi compagni molto più esperti: tutti spaventati da quell'impresa folle e mai tentata prima. Avendo imparato dalla madre a leggere e scrivere, Nuno diventa lo scrivano di Colombo, e trascorrendo ore ad ascoltarlo sente crescere l'entusiasmo per i grandi sogni di questo imprevedibile esploratore visionario. Attraverso lo sguardo di Nuno, percorriamo il viaggio più importante della storia dell'umanità: i giorni infiniti prima di avvistare terra, fino alla scoperta di un mondo nuovo, una nuova umanità, una nuova, diversa possibilità di intendere la vita. In questo Paradiso Terrestre, Nuno imparerà quanta ferocia, quanta avidità possa motivare le scelte degli uomini, ma anche la forza irresistibile dell'amore, che lo travolgerà fino a sconvolgere i suoi giorni e le sue notti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Oro puro 2023-11-29 09:57:11 marialetiziadorsi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
marialetiziadorsi Opinione inserita da marialetiziadorsi    29 Novembre, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia di umanità

“La mamma aveva ragione quando diceva che al mondo c’è chi è bravo a parlare, chi a raccontare, a convincere, a cantare o incantare, ma a me veniva bene la cosa più rara: ascoltare”
La scoperta dell’America è stato davvero un passo avanti per l’umanità? Se sì a che prezzo?Questa è la storia della scoperta dell’America da parte di Cristoforo Colombo dal punto di vista, modernissimo, dell’ultimo mozzo della Santa Maria. Ma, soprattutto, è un grande romanzo di mare, vero protagonista dalla prima all’ultima pagina e metafora della vita.
Non siamo di fronte a un capolavoro, questo va detto subito, però il romanzo rimane godibile e, per quanto riguarda me, l’ho letto volentieri.
Se qui l’originalità non è nella scrittura, che non affascina ma si lascia leggere, lo è a mio parere molto il punto di vista di un uomo contemporaneo (tale è immaginato Nuno, il protagonista) su un fatto del 1492 tanto rivoluzionario.
Figlio di una ex prostituta che sa leggere e scrivere, Nuno impara quest’arte insieme a lei al porto di Palos, dove la madre, che ha lasciato la professione alla nascita del figlio, scrive lettere d’amore su indicazione dei marinai di passaggio.
Costretto a lasciare Palos per la persecuzione di chi non era di religione cattolica Nuno si trova per un caso non voluto ad essere assoldato come ultimo dei mozzi sulla Santa Maria, la più grande delle tre caravelle in partenza verso mari e terre sconosciute con altissimo rischio di non tornare mai più. Proprio lui, che ha sempre amato rimanere attaccato alla terra come i granchi!
Il Capitano Colombo scopre che Nuno sa leggere e scrivere e lo assolda durante il viaggio come suo scrivano per tenere il diario di bordo.
Il romanzo, nel descrivere il viaggio, narra anche dell’umanità persa che è a bordo delle caravelle (molti sono condannati a morte che tra la morte certa e la morte probabile hanno optato per quest’ultima), nell’attesa, nella paura, nello sconforto e nel desiderio di tornare a casa, se mai ciò fosse possibile, fino all’arrivo in un’isola sconosciuta e all’incontro con gli indigeni. Popolazione buona e che li adora come divinità, pronta a regalare ai nuovi arrivati ciò che per loro è più prezioso, benché nulla di tutto questo abbia valore per Colombo e gli altri.
I naviganti continueranno a cercare ciò di cui a loro parere le Indie, dove credono di essere arrivati, dovrebbe essere ricca, l’oro. Non trovano invece nulla che a loro parere meriti ma si accorgono di quanti frutti, alimenti e cose nuove le isole dove sono arrivati siano portatrici.
La bellezza, il mare limpido, la pace di queste isole le rende comunque un paradiso che Colombo e i suoi non vedono l’ora di fare proprie, conquistare e saccheggiare, considerando gli indigeni loro proprietà, quasi oggetti.
Nuno si innamorerà perdutamente di una di loro, assisterà al male che possono fare gli uomini ad altri uomini incolpevoli, soffrirà questo processo con lo sguardo sgomento da ultimo tra gli ultimi ma che vede più lontano degli altri.
Oro puro ci accompagna poi nel travagliato e periglioso viaggio di ritorno fino ad accennare alle spedizioni che seguiranno quella di Colombo mentre Nuno invecchia e si domanda come diversamente sarebbero potute andare le cose.
Il racconto non vuole essere una precisa ricostruzione storica ma solo un romanzo che nel narrare un evento di così grande portata, in mezzo a tante luci ha avuto anche molte ombre. Non va cercata quindi la precisione dei fatti ma va letto con l’animo di chi vuol provare a leggere la scoperta del nuovo mondo con gli occhi disincantati di chi è consapevole di quanto male possa fare l’uomo nel suo progresso. Ma Oro puro è anche una grande storia di umanità perché sono proprio tutti gli uomini con i quali Nuno avrà a che fare, ad essere protagonisti della storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Oro puro 2023-08-21 07:37:05 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    21 Agosto, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nuno e l’Ammiraglio del Mare Oceano

Nuno è un diciassettenne figlio di una prostituta di Palos che, dopo la sua nascita, s’è riciclata a scrivano per i marinai al porto e per i tanti analfabeti che abitano la cittadina. Dopo la morte prematura della madre, il ragazzo, travolto dalle persecuzioni che Torquemada ha scatenato contro chiunque non professi apertamente la fede cattolica (Nuno sarebbe ebreo, anche se non ha mai praticato), si ritrova al porto schiacciato tra una moltitudine di suoi correligionari in attesa di un imbarco che, forse, si concluderà con un eccidio di massa. Invece, per una serie di fortuite circostanze, viene imbarcato al posto di un mozzo fuggitivo su una nave pronta a partire per una missione misteriosa e forse ugualmente mortale. La nave si chiama Gallega, ma ormai è stata ribattezzata Santa Maria e il suo capitano, uno straniero di nome Cristoforo Colombo la vuol portare, assieme a due caravelle, in una direzione dalla quale mai nessuno è mai ritornato: il Catai del Gran Khan o il Cipango dai tetti dorati, ma non aggirando l’Africa, come fanno i portoghesi, bensì attraversando il Mare Oceano che tutti sanno insuperabile.
Così per l’inesperto, maldestro, timido Nuno inizia il viaggio che lo porterà dopo due incredibili mesi d’ansia e paure, alla scoperta di quelle che, poi, saranno chiamate le Americhe. Qui scoprirà pure l’amore per una bellissima indigena.

Ci sono innumerevoli modi (intelligenti) di narrare, a romanzo, una vicenda storica ormai assurta a mito. Ad esempio ci si può limitare al racconto degli avvenimenti, depurati degli aspetti mitici, facendo una cronaca ben calata nell’ambientazione del suo tempo. Oppure si può conferire una maggiore tridimensionalità ai fatti e ai personaggi coinvolti, sfruttando le licenze concesse dal romanzo storico e arricchendo le vicende e gli attori del dramma di dialoghi e accadimenti inventati, ma coerenti al contesto. Oppure ancora si può porre la vicenda storica a sfondo delle storie personali degli attori (non necessariamente reali) che coprono il ruolo di protagonisti. In ultima analisi, si può pure utilizzare la predetta licenza per inventarsi un'avventura che solo riecheggi i fatti documentati, pur senza contraddirli.
L’A. ha scelto di seguire la via peggiore: appoggiandosi pedissequamente al mito colombiano, ha predisposto un palcoscenico in cui mettere in scena una vicenda che, in pieno revisionismo storico, tenta di fornire una lettura politicamente corretta, secondo l’odierno sentire, di quelle vicende passate, con un affannoso e non richiesto sforzo di autocritica. Il tutto miscelato a una stucchevole storia d’amore tra il giovane Nuno e Lei, la bella india incontrata nell’esplorazione. Tutto ciò appare subito artefatto, macchinoso e per nulla coinvolgente.
La figura di Colombo spesso è descritta in modo macchiettistico e irriverente. La ciurma delle tre caravelle assomiglia più a quella della Hispaniola de “L’isola del tesoro” di Stevenson (per non dire a quella del Capitan Uncino della Disney) che a un credibile equipaggio tardo medievale.
Nuno che, ricordo, è un diciassettenne del XV secolo, quindi, per i canoni dell’epoca, un uomo fatto, appare come un bamboccio imbranato e assolutamente poco verosimile. Per non dire delle sue considerazioni etiche che sono decisamente fuori luogo per una persona coeva anche se, come nel caso di specie, appartenente a una classe emarginata e perseguitata.
Ma la cosa che più deprime la lettura è lo stile usato: l’A. si abbandona sin troppo spesso a un profluvio di iterazioni che si accavallano a reiterazioni rozzamente ridondanti che in costante amplificazione e accumulazione ripetono più o meno gli stessi concetti nel tentativo di infondere emozioni nel lettore che, invece, ne risulta sopraffatto, sfinito e infastidito. Le enumerazioni caotiche, poi, talvolta veramente esondanti (e non di rado in asindeti privi di interpunzione), sfiancano, al punto da far dire: “meno elenchi e più virgole!”.
La storia d’amore di Nuno viene descritta con la stessa stucchevole enfasi retorica di un impacciato innamorato crepuscolare. Le, per fortuna rare, scene di sesso, poi raggiungono una rara goffaggine descrittiva.

In conclusione, il risultato finale è assolutamente deludente. Ero partito, forse, con aspettative troppo elevate, ma l’argomento scelto le meritava. Alla fine l’unica certezza è che un’occasione d’oro puro è stata maldestramente sciupata, svilita in un romanzo da ombrellone.
____________
Mi rendo conto che aprire l’angolo del pignolo per questo libro è come “sparare sulla Croce Rossa”, ma non posso esimermi dal fare alcune domande. È mai possibile che nessuno dei marinai della Niña abbia mai avuto la tentazione di chiamare la nave su cui navigava da anni con il suo vero nome di Santa Clara? Oppure che Nuno, per quanto “testone” possa essere, dopo sette mesi di mare non abbia imparato che su una nave non esistono ringhiere, ma che il parapetto si chiama impavesata o battagliola, a seconda di com’è fatto? O che non esistono “corde”, ma cime, sartie, draglie, sagole e così via? Che le sovrastrutture di un vascello si chiamano cassero e castello di prua? Che l’apertura usata per scendere ai livelli inferiori si chiama boccaporto?
Anche da questi piccolissimi particolari si capisce quale sia la cura con cui è stato concepito e progettato un romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
83
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Eredi Piedivico e famiglia
I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono