Narrativa italiana Romanzi storici Il boia e la contessa
 

Il boia e la contessa Il boia e la contessa

Il boia e la contessa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Silvia Ceirano, figlia dell’imprenditore cuneese che ha dato origine all’avventura automobilistica in Italia poi inglobata nella FIAT, diventa contessa di Villafranca-Soissons sposando a soli diciotto anni Eugenio di Carignano, un Savoia di seconda fascia. La storia si concentra per gran parte nel periodo compreso fra l’8 settembre 1944 e il 25 aprile 1945 sviluppandosi tra Torino e Alassio, dove la brillante contessa continua a dare feste, nel suo dorato mondo pur nel disastro della guerra. La sua vita, fra champagne e serate eccitanti, culmina quando inizia una relazione con il capitano nazista Gerhard Dosse, che andrà a vivere con lei, a Villa Ceirano. Lì vicino, ad Albenga, echeggiano le urla dei civili torturati dai tedeschi, aiutati da un italiano, un sadico chiamato il ‘Boia’. Poi, tutto precipita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il boia e la contessa 2023-08-07 12:47:11 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    07 Agosto, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una donna complessa


Daniele La Corte torna sulla scena letteraria con un nuovo romanzo storico, intitolato Il boia e la contessa, pubblicato da Fusta edizioni. Un romanzo che colpisce e intrattiene piacevolmente il pubblico tramite una scrittura fluida e perspicace, e una ricerca storica di sottofondo, particolarmente precisa ed attenta.
La storia narrata è di grande malia, e si svolge in un periodo assai tragico per la storia della nostra nazione, ovvero tra l’8 settembre 1944 e il 25 aprile 1945. Al centro del narrato una figura di donna d’eccezione, tale Silvia Ceirano, figlia di un imprenditore cuneese che ha dato origine all’avventura automobilistica in Italia, poi entrata a far parte del gruppo FIAT. Una donna complessa, che si sposa a diciotto anni con Eugenio di Carignano, senza amarlo, solo per ottenere il titolo nobiliare e diventare contessa. Vive in un mondo dorato, fatto di apparenza, di feste e di bei abiti:
“nonostante le proporzioni della tragedia, Silvia Ceirano, contessa di Villafranca-Soissons, continuò a vivere con spavalderia che la caratterizzava da sempre. Del resto, fin da ragazza aveva sempre mostrato doti non comuni di astuzia comportamentale, mescolando con sapiente regia azioni volitive e perentorie con sapienti funambolismi dialettici, pur di ottenere ciò che voleva.”
Fino a quando i nazisti cercano di requisire la sua villa per farne una sede tutta loro. Al suo cospetto si presenta il capitano Gerhard Dosse:
“Era alto, biondo e aveva gli occhi azzurri. Era un tedesco perfetto, era un nazista perfetto. E a lui fu affidato il potere assoluto.”
Ma lei, la contessa, gli tiene testa, e i due ben presto diventano amanti. Così lei continua a vivere la sua normale vita, pur:
“Nella certezza della brutalità del suo ex amante o quasi, e lui non faceva più nulla per nascondersi dietro una facciata di rispettabilità militare. Il mostro che aveva dentro era libero e comandava.”
Fino a che tutto crolla miseramente e anche lei dovrà fare i conti con la realtà. Che accadrà? Che ne sarà della bella e spregiudicata, quanto per certi versi, ingenua Silvia?
Un romanzo storico dal netto taglio giornalistico. Frutto di perigliose ricerche, che si stagliano nettamente nella narrazione, scritto con una prosa fluida ed accattivante, il romanzo ha al suo centro la figura di una donna complessa:
“Dalle connotazioni variegate, multiformi, che va dunque esaminato con estrema attenzione, e nei cui confronti , giustamente, l’Autore si astiene da ogni “condanna” definitiva.”
Silvia si macchia di colpe, indubbiamente gravi, quanto ingenue:
“L’unica colpa , seppur grave, della contessa, era stata la sua leggerezza, il prendere la vita all’insegna della spensieratezza, e di innamorarsi dell’uomo sbagliato. Ma conosceva anche i sentimenti profondi, quelli che erano emersi quando era stato necessario scegliere fra i nazisti e i partigiani.”
Una lettura che colpisce ed affascina, sia per i personaggi abilmente descritti, sia per il periodo di ambientazione descritto, così lontano, eppure così presente, della storia nazionale del nostro Bel Paese.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I giorni di Vetro
Morte nel chiostro
La Santuzza è una rosa
La portalettere
La fotografa degli spiriti
Il boia e la contessa
Rubare la notte
Non si uccide di martedì
Oro puro
Ferrovie del Messico
Resta con me, sorella
La Malnata
Piero fa la Merica
Vi avverto che vivo per l'ultima volta
Se esiste un perdono
Una piccola pace

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232