Artemisia Artemisia

Artemisia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Artemisia, opera di Anna Banti edita da Bompiani. La storia di Artemisia una delle prime donne che sostennero colle parole e colle opere il diritto al lavoro congeniale e a una parità di spirito tra i due sessi. "Oltraggiata appena giovinetta, nell'onore e nell'amore. Vittima svillaneggiata di un pubblico processo di stupro. Che tenne scuola di pittura a Napoli. Che s'azzardò, verso il 1638, nella eretica Inghilterra. Una delle prime donne che sostennero colle parole e colle opere il diritto al lavoro congeniale e a una parità di spirito tra i due sessi" (A. Banti). Artemisia Gentileschi, pittrice caravaggesca, è una delle figure femminili più affascinanti della prima metà del Seicento. Il romanzo, benché basato sulla realtà storica, è piuttosto un immaginario diario a due, un intenso dialogo al di là del Tempo e della Storia tra due donne che furono artiste. Questa biografia che si fa autobiografia, per la quale la Banti crea una "scrittura nervosa, intima, da fioretto, tutta finte e assalti, ma impreziosita da uno scintillìo di florida e lussuosa seta frusciante", costituisce "uno dei classici più strani e impervi di tutta la letteratura italiana del Novecento." (Cesare Garboli)

Anna Banti (pseudonimo di Lucia Lopresti) nacque a Firenze il 27 giugno 1895 e morì a Ronchi di Massa il 2 settembre 1985. Scrittrice e traduttrice, sposò nel 1924 il critico d’arte Roberto Longhi con il quale fondò la rivista Paragone, della quale diresse a lungo la sezione letteraria. Tra i suoi libri più noti Artemisia (1947), Le donne muoiono (1951) Premio Viareggio e i racconti raccolti in Campi Elisi (1963). Celebri e bellissime anche le traduzioni dei classici inglesi e francesi tra cui Thackeray, Colette, Fournier, Austen, Woolf e la curatela del Meridiano dedicato a Defoe.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Artemisia 2014-05-22 06:17:16 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    22 Mag, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da donna a donna

Mi piace l’arte in generale, pur non essendo particolarmente competente, e in particolare la pittura, per la sua immediatezza, per le sensazioni che si imprimono all’istante quando si ha occasione di guardare un bel dipinto. Fra i tanti pittori mi ha sempre colpito, per la drammaticità delle sue opere e per i sapienti giochi di luce, Michelangelo Merisi, più conosciuto come il Caravaggio. Nell’interessarmi a lui ho incontrato una pittrice vissuta nella prima metà del XVII secolo e che, a suo modo, riprendeva nelle sue tele lo stile caravaggesco. Il suo nome è Artemisia Gentileschi, una donna, quindi, che ha operato in un’epoca in cui ancora l’essere femmina costituiva una evidente subordinazione al maschio, limitandone le possibilità insite nella sua personalità. E in effetti, se pur brava nella sua arte, molto della sua fama è dell’esser stata un personaggio che, molto in anticipo sui tempi, ha rivendicato il diritto a una pari dignità, e non solo con la sua professione, ma anche con i suoi comportamenti. E’ evidente che ho avvertito la necessità di conoscerla maggiormente e al riguardo non poco è stato scritto su di lei, e in questo Artemisia di Anna Banti e uno di questi libri, anche se per impostazione e struttura non è tanto un’opera di storia dell’arte, quanto piuttosto un omaggio a un’antesignana nella lotta per l’emancipazione femminile.
La narratrice, sulla base di ricerche di archivio e di opere pittoriche, ricostruisce la vita di questa grande artista, conferendo al suo scritto un alto valore letterario, intrecciando due periodi temporali. Infatti il manoscritto di Artemisia era già pronto in un cassetto nel 1944, quando andò perduto durante la battaglia di Firenze con la distruzione della casa in cui risiedeva la Banti, che finita la guerra lo riscrisse, memore di quanto era accaduto con la perdita di questo suo prezioso lavoro. E così, in una città devastata dal conflitto, si aggira la narratrice, con il ricordo della vita di Artemisia. Passato e presente non sono più due entità distinte, ma si uniscono nella drammaticità dell’esistenza della pittrice e in quella di una città ferita dalla guerra. Anna Banti, pur in preda allo sconforto per quel libro perduto, trova una nuova energia, una motivazione più forte di quella per cui l’aveva scritto, e cioè far riemergere dall’oblio del tempo la figura di Artemisia, di questa donna che fra mille difficoltà raggiunse una sua indipendenza e la cui arte è stata il simbolo di un riscatto per tutte le donne.
La Gentileschi ha lottato, ha infranto barriere secolari, anteponendo a tutto, alla famiglia, alla sua stessa esistenza, quell’arte che ha finito per renderla immortale.
Da donna a donna, da scrittrice a pittrice, in un certo senso autore e protagonista finiscono con l’incontrarsi in più punti e la Banti rende un omaggio a questa antesignana dell’emancipazione femminile, ricordandola, tracciandone con mano lieve, ma ferma, la storia della sua vita.
Sono due personalità di epoche diverse, ma il piglio battagliero, la forte motivazione di rivendicare tramite la propria arte (per una la pittura, per l’altra la scrittura) la libertà di potersi realizzare le accomuna.
Scritto con uno stile impeccabile, anche se qualcuno potrà rimarcare l’uso di un italiano che ai tempi attuali può apparire obsoleto (ma nostra lingua è quella e non certi sproloqui che si incontrano in non pochi romanzi d’oggi, infarciti da neologismi e anglicismi spesso fuori luogo), venato da una soffusa malinconia, il romanzo si svolge come un ciclo di pale d’altare, una serie di quadri, di figure ritratte a parole che impreziosiscono ulteriormente l’opera. Quel che colpisce di più, data la particolare complessità della struttura, è però la levità, una mano leggera che finisce con l’avvincere il lettore, che, pagina dopo pagina, avverte chiara la sensazione di trovarsi di fronte a qualche cosa di unico, a un libro profondo e assai gradevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Noi credevamo, di Anna Banti
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io e Mr Wilder
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il gioco delle ultime volte
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il silenzio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Senza colpa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orfeo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rabbia semplice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sembrava bellezza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri