Narrativa italiana Romanzi storici Aycelin il templare
 

Aycelin il templare Aycelin il templare

Aycelin il templare

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nasce nel 1118, nel pieno Medioevo delle "guerre agli infedeli", una milizia assolutamente inedita per i tempi: l'Ordine dei poveri cavalieri del Cristo. Il nuovo ordine conciliava i principi base del monachesimo (povertà, castità, obbedienza) all'uso delle armi a protezione dei pellegrini che si recavano nei luoghi santi. La nuova milizia prenderà il nome di Ordine del Tempio ed i suoi membri Templari. Il romanzo prende le mosse da questo straordinario momento della storia, per raccontare la vicenda di un eroe solitario e generoso, Aycelin, e della sua lotta per la fede e i valori cavallereschi. Il tutto su uno sfondo avvincente di rigorosa ricostruzione storica, ma con una propensione agli scenari del fantasy.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Aycelin il templare 2013-04-14 06:01:34 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    14 Aprile, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il valore della coerenza

Quando ho terminato la lettura di Aycelin Il Templare mi è venuto istintivo un accostamento con il celebre Il nome della Rosa di Umberto Eco, perché in entrambi i romanzi è possibile rilevare un'accurata ricostruzione delle epoche a cui si riferiscono, con la creazione mirabile delle atmosfere, quasi palpabili.
Querzola ha svolto un accurato lavoro di ricerca, con attenzione e senza lasciarsi sfuggire nulla, tanto che la fine dell'Ordine dei Templari, pur nella fantasia della trama narrata, è descritta esattamente nei modi e nei motivi con i quali è avvenuta. Se fosse stato un semplice saggio storico non è per niente improbabile che ne sarebbe scaturita un'opera puramente didattica; l'avere invece inserito in un filo rigorosamente di realtà una trama avvincente come non poche presenta il duplice pregio di intrattenere in modo coinvolgente il lettore e di renderlo anche edotto su un avvenimento cardine della storia (le lotte per la supremazia fra la Francia di Filippo il Bello e la Chiesa Cattolica di Clemente V).
Il romanzo parla della vita di un nobile francese, appunto Aycelin, dagli entusiasmi giovanili alla maturità della vecchiaia, conclusa tragicamente a Parigi fra le fiamme del rogo a cui era stato condannato per il solo fatto di essere un templare fedele ai propri ideali, vittima di un gioco di potere tragicamente ricorrente nella storia e riscontrabile anche ai giorni nostri.
Ecco, quindi, che, al di là della vicenda in questione, Querzola riesce, per il tramite della sua creatura Aycelin, a lanciare un messaggio universale: contro la corruzione dei poteri non ci si deve snaturare, perché l'unica possibilità che ha un essere umano per poter sperare in una società più giusta è la coerenza, intesa come lealtà, disponibilità perfino al sacrificio personale e con la consapevolezza e la dignità di vivere il proprio destino.
Non intendo anticipare la trama, peraltro assai attraente, per non togliere al lettore il piacere di viverla con il personaggio, pagina dopo pagina, e preferisco soffermarmi sullo stile espositivo.
A tal proposito, la scrittura di Querzola , pur nella necessità di essere talora assai descrittiva per ricreare l'ambientazione, è tuttavia snella e quasi si direbbe che il narratore, pur immedesimandosi in Aycelin, non si sia fatto prendere la mano, lasciando al suo personaggio un'autonomia propria che può essere solo radicata in un uomo che crede con fermezza nei suoi ideali. Non ci sono quindi eccessi, o cadute di tono, anzi il tutto procede spedito sullo stesso ritmo scandito dal passare del tempo, senza la benché minima forzatura.
Sotto questo aspetto mi permetto di evidenziare il notevole equilibrio delle ultime pagine, laddove si narra della morte sul rogo di Aycelin: una fine orribile, atroce, ma che l'autore ha saputo descrivere con un tocco di grazia poetica che porta il lettore a una commozione liberatoria.
In conclusione mi sento di raccomandare caldamente la lettura di questo bellissimo romanzo che, mio avviso, meriterebbe anche una trasposizione cinematografica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Aycelin il templare 2008-06-18 20:07:24 Maristella
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Maristella Opinione inserita da Maristella    18 Giugno, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia e sentimento

Un romanzo splendido che coniuga una ricerca storica molto profonda ed accurata,un sentimento di avventura, un accoglimento di valori imprescindibili,una scrittura fertilmente fluida e prodiga di immagini che attraverso le parole, usate con pennellate sicure e colme di incredibili sfumature,traccia un capolavoro in cui ci si trova non piu’ ad essere meri lettori,ma addirittura partecipanti della storia stessa. La minuziosa descrizione dei luoghi,degli ambienti e di ogni sito in cui i personaggi si trovano ad agire,frutto di un meticoloso lavoro di indagine sull’epoca narrata e sugli usi ed i costumi del tempo,non vanno a detrimento della natura dei protagonisti e di ogni figura umana incontrata, che viene scrupolosamente descritta nell’aspetto fisico e nella gestualità, indicativa dell’essenza intima di ognuno di essi.

La figura di Aycelin,che si dicotomizza in un dualismo sottilmente sempre presente e percepibile, e nella quale ci si rapporta per la somiglianza con il cammino esistenziale percorso da ognuno di noi, il tema dell’amicizia sostenuto dalla figura nobile e generosa di Rainolfo, il tema della dignità e dell’onore, in battaglia come nella vita,le figure femminili del romanzo,che sembrano sostare in secondo piano rispetto a quelle maschili,ma che in definitiva permeano della loro presenza e della loro grande fierezza interiore tutto il romanzo, lo rendono un’opera originalissima da cui il distacco è difficile anche dopo averne concluso la lettura. Cosi’, al termine,ci si rammarica nell’allontanarsi dalle incredibili emozioni avvertite nel seguire gli eventi, tanto abilmente coinvolgenti da conglobarci totalmente in essi e chiudendo il libro, le avvertiamo ancora fluire in noi, come il contemplare un volo di uccelli al tramonto, leggere,scorrevoli,toccanti,affascinanti ed alla fine struggenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Jane va a nord
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri