Gli Stein Gli Stein

Gli Stein

Letteratura italiana

Editore


La trama e le recensioni di "Gli Stein. Uno spaccato di vita nella Trieste asburgica tra il XVIII e il XIX secolo", romanzo di Oscar Venturini edito da La Mongolfiera Libri. Ottavio Stein, il protagonista, ricostruisce le peripezie di suo nonno, un tedesco polacco, che, perseguitato in patria, si rifugia a Vienna ed il cui figlio giunge a Trieste dove inizia una prospera attività commerciale, poi ereditata dall'unico figlio, ovvero lo stesso protagonista. Vengono anche narrati gli eventi contemporanei dove i figli di Ottavio sono una parte importante del racconto. Tutto ciò offre l'occasione per una precisa ricostruzione storica del tempo, ma anche un'accurata rappresentazione di palazzi, vie e dintorni di Trieste. La trama ha come situazione iniziale la vita rispettabile di questa agiata famiglia borghese. Segue lo sconvolgimento dovuto all'aggravarsi della malattia di Ottavio e al tradimento del subdolo “uomo di fiducia”. Da qui la vicenda andrà sviluppandosi con pesanti conseguenze per tutti i membri della famiglia che saprà ritrovare una certa serenità indipendentemente dal benessere economico e dall'approvazione sociale. La felice conclusione viene assicurata dall'intervento sollecito e determinato di un amico leale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gli Stein 2009-02-04 18:24:48 Galaxy2000
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Galaxy2000 Opinione inserita da Galaxy2000    04 Febbraio, 2009
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Uno spaccato di vita nella Trieste asburgica

Basato su una storia vera, raccolta dall'autore dalla viva voce di una discendente del protagonista, descrive l'evolversi di una famiglia lungo l'arco di quattro generazioni, influenzata dagli eventi storici e dai cambiamenti sociali.

In una sola narrazione l'autore ci porta a conoscere e a riflettere su molti aspetti della vita dalla fine del Settecento agli ultimi decenni dell'Ottocento.

Le origini di una famiglia: il protagonista riporta alla memoria le vicende del padre e del nonno. Questi, un tedesco polacco, perseguitato in patria, si rifugia a Vienna. L'unico figlio sopravvissuto, poi, giunge a Trieste dove, grazie anche ad un fortunato matrimonio, inizia una prospera attività commerciale. Il protagonista è, appunto, l'unico suo figlio che, ereditata l'attività, la porta avanti con successo sino a quando una grave malattia gli impedisce di occuparsi degli affari.

La memoria storica: questa è data non solo dagli eventi storici, ma anche dalla vita condotta dalle persone, siano queste i nobili o la semplice gente del popolo. Ritroviamo così l'anima complessa e l'industriosità di una città cosmopolita come Trieste. L'autore ci offre anche un'attenta descrizione di palazzi, vie e dintorni di questa città. Numerose riproduzioni d'immagini dell'epoca rendono ancora più viva questa memoria.

I valori sociali: tutta l'opera è un'enfasi sull'importanza dei valori quali l'amore, l'amicizia, la fiducia, l'altruismo, la riconoscenza, la responsabilità, l'uguaglianza, la libertà, il patriottismo. È anche una severa condanna del perbenismo borghese, pieno di ipocrisia e di pregiudizi, dove le uniche cose che contano sono le apparenze e il conformismo.

L'attualità delle tematiche: nel corso della lettura ritroviamo le stesse sfide dei giorni nostri. Il distacco tra le generazioni, i rapporti genitori-figli, la posizione della donna nella società, le diseguaglianze sociali, la corruzione della politica così come quella del singolo individuo.

In sintesi “Gli Stein” è un'opera che ci fa riflettere su quanto siamo debitori verso coloro che ci hanno preceduto e che solo conservando il ricordo dei nostri avi possiamo mantenere in vita il retaggio di cui siamo i beneficiari. Saremmo così meno egoisti, meno centrati solo su noi stessi e più grati per le libertà e il progresso di cui oggi possiamo godere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri