I Beati Paoli I Beati Paoli

I Beati Paoli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Ispirato dalla leggenda di una setta "segreta" veramente esistita, composta da sicari e vendicatori, il romanzo di appendice «I Beati Paoli» venne scritto da Luigi Natoli tra il 1909 e il 1910 e pubblicato a puntate sotto lo pseudonimo di William Galt sul «Giornale di Sicilia». Il romanzo, ambientato nella Sicilia del primo XVIII secolo, mescola elementi di fantasia e personaggi realmente esistiti, come don Girolamo Ammirata, l'unico membro della setta finora identificato con certezza. Natoli profuse una cura scrupolosa nel ricostruire fedelmente l'ambiente della Palermo del tempo, utilizzando rigorosamente fonti storiche e le relazioni a stampa apparse all'epoca su feste e cerimonie pubbliche, e la sua narrazione si discosta solo in pochi momenti dalla realtà storica. Un «romanzo popolare», quindi, come lo definì Umberto Eco, importante quanto «I Viceré» e «Il Gattopardo», essenziale a vario titolo nella costruzione identitaria siciliana.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I Beati Paoli 2019-07-23 11:04:59 Cathy
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    23 Luglio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

«Per il bene superiore»

In una sera di gennaio del 1698 l’intera città di Palermo è in festa per celebrare la pace di Ryswick che pone fine a una lunga guerra tra la Spagna, di cui la Sicilia è vicereame, la Francia e altre potenze europee, ma il giovane Raimondo della Motta ha un ulteriore motivo di gioia: si è sparsa la voce che suo fratello maggiore, il duca Emanuele, sia morto in guerra, combattendo per la corona spagnola e lasciando la giovane moglie in procinto di partorire un erede che se morisse o si rivelasse una bambina lascerebbe il titolo nelle mani del secondogenito. Gelido, intelligente, ambizioso e spietato, don Raimondo confida nella benevolenza del fato, ma è pronto a dargli una spinta pur di sgombrare il campo e ottenere quello che desidera.
Quindici anni più tardi, nel 1713, un aitante giovanotto di belle speranze entra a Palermo, di ritorno in patria dopo aver vissuto un’esistenza errabonda e avventurosa, per incontrare un frate che ha l’incarico di rivelargli il segreto delle sue origini: il giovane è Blasco da Castiglione e le sue rocambolesche avventure si dipaneranno per oltre mille pagine tra duelli, amori, intrighi, prigioni, battaglie, congiure di palazzo, incrociandosi con innumerevoli altri personaggi e in primis con la famigerata setta segreta dei Beati Paoli.
Pubblicato a puntate su «Il Giornale di Sicilia» tra il 1909 e il 1910, I Beati Paoli è un romanzo d’appendice, un feuilleton, e in quanto tale presenta le inevitabili caratteristiche del genere, finalizzate a tenere viva il più a lungo possibile l’attenzione dei lettori: vicende avventurose e ricche di mistero che si sviluppano all’infinito, amori a prima vista, passioni travolgenti, intrighi machiavellici, colpi di scena e continui capovolgimenti delle situazioni. Un mix che cattura e affascina senza scampo. Certo, Natoli scrive letteratura popolare e non bisogna aspettarsi grande profondità storica o psicologica. I Beati Paoli non è Il Gattopardo o I Viceré, ma per essere letteratura popolare è scritta dannatamente bene. È un romanzo che va apprezzato per quello che è, senza chiedergli qualcosa che non può dare e godendosi invece fino all’ultimissima riga tutto il fascino, l’avventura, gli enigmi e il divertimento che offre.
Sebbene non abbiano psicologie particolarmente sottili, i personaggi sono vivi e ben delineati e i più riusciti sono quelli che sfuggono a un facile inquadramento, caratterizzati da un ambiguo miscuglio di bene e male, come donna Gabriella o Coriolano della Floresta. Spicca, fra tutti, anche il birro Matteo Lo Vecchio, un cattivo fino al midollo dai mille travestimenti, nemico giurato dei “buoni”, del popolo, dei deboli e degli indifesi, che incarna alla perfezione l’assenza o addirittura il volto corrotto dello stato.
La ricostruzione storica è eccellente, così approfondita e dettagliata da dare l’impressione di camminare nella Palermo del Settecento, tra lo sfarzo dei palazzi nobiliari, la miseria dei vicoli bui, la sfolgorante passeggiata degli aristocratici sul lungomare, il labirinto senza fine di grotte e cunicoli che è il regno sotterraneo dei Beati Paoli. Già, un regno vero e proprio quello dei paladini del bene e della giustizia che si riuniscono di notte sotto le strade di Palermo e, guidati da una figura che cela la propria identità, lottano contro soprusi e violenze e portano vendetta e protezione a chi non è in grado di assicurarsele da sé. Si parla di un presunto legame tra l’ideologia dei Beati Paoli, realmente esistiti, e la mafia. Per sviscerare la questione sarebbero necessari studi e ricerche specifiche, ma forse c’è un aspetto che balza subito all’occhio durante la lettura: la setta dei Beati Paoli è uno stato nello stato, una struttura gerarchica articolata e complessa che non riconosce il ruolo dello stato nazionale e amministra da sé la propria legge e in questo non può non ricordare la mafia. I Beati Paoli, tuttavia, agiscono solo ed esclusivamente nel nome della loro unica divinità, la giustizia, un meccanismo gelido e inarrestabile che non si ferma davanti a nulla e si compie anche a prezzo di grandi sacrifici, spazzando via i destini privati e ignorando i desideri e i meriti degli uomini. Le presunte analogie con la mafia, forse, si fermano qui e al lettore resta piuttosto da interrogarsi sul senso e il valore di una concezione della giustizia così asettica, fredda e implacabile da essere quasi spaventosa. «Per il bene superiore», dice il Grindelwald della saga di Harry Potter: se i Beati Paoli avessero avuto un motto, forse sarebbe stato questo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri