Narrativa italiana Romanzi storici Il centurione di Augusto
 

Il centurione di Augusto Il centurione di Augusto

Il centurione di Augusto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Secolo 9 d.C. Sotto la guida del legato Quintilio Varo, l'esercito romano sta per andare incontro a una delle sue sconfitte più devastanti. Nella foresta di Teutoburgo, in Germania, tre legioni marciano verso la morte. Un massacro annunciato. Le vicende del centurione Calidio, pronto a lottare fino all'estremo pur di mettere in salvo almeno l'Aquila, l'insegna simbolo della sua legione, si intrecciano a quelle dei soldati, dei comandanti, degli uomini, donne e bambini al seguito delle colonne romane.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il centurione di Augusto 2013-03-23 10:18:22 vitolorenzodioguardi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
vitolorenzodioguardi Opinione inserita da vitolorenzodioguardi    23 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Buon romanzo storico con qualche cliché di troppo

Il romanzo si basa sulla nota disfatta, nella selva di Teutoburgo nel Settembre del 9 d.C., delle legioni al comando di Publio Quintilio Varo. (Mentre lo leggevo, ricordavo gli storici contemporanei raccontare che per quella sconfitta Augusto fu talmente inconsolabile che, sbattendo la testa al muro, gridava a Varo di restituirgli le "sue" legioni).

Stile 3: Lo stile mi è sembrato abbastanza coeso ma tuttavia privo di originalità. Essendo poi nel genere storico necessario rendere con qualche parola in latino o greco l'atmosfera del tempo, ed essendo questo aspetto poco curato da Cervo, lo stile è così consuetudinario e d'abitué che non aggiunge e non toglie nulla rispetto ad altri romanzi del genere e resta piuttosto piatto.

Contenuto 3: Grave pecca. Il titolo "Il centurione di Augusto", se non vorrebbe che Augusto fosse proprio lì in mezzo alla battaglia o nella selva germanica, almeno almeno ci si attenderebbe che figurasse. C'è un riferimento velato all'imperatore di Roma nei primi capitoli e si esplicita di Augusto solo per ricordare la sua morte nella lontana Roma. Dunque, il racconto non corrisponde al titolo, che giudico inadeguato. A titolo diverso avrebbe guadagnato un punto in più. Ma così è stato come domandare "Quanti anni hai?" "Sono le undici!".

Piacevolezza 5: L'autore è buon narratore. Intesse la trama in modo da renderla coinvolgente. Le situazioni e i personaggi sono credibili. Narrativamente c'è solo un intoppo quando, a un certo punto, si trovano a parlare più personaggi e non si capisce bene chi parla, chi risponde e perché. I grandi narratori, a queste prove, rispondono alla grande: il Nostro ha da migliorare qualcosa in questa difficile "coro a più voci".

La cartina, a inizio libro, è poco efficace. Prende anche l'Italia settentrionale , la Britannia e la Spagna (di cui non si parla minimamente, nella storia - l'Italia è solo un nome accennato), quindi sarebbe stato meglio un ingrandimento sui luoghi del conflitto per fare capire meglio dove si svolge l'azione).

La storia: L'intrepido Decio Murrio Calidio è un centuriore al seguito del legato Varo. (Varo, come spiega l'autore alla fine del libro, è un amministratore e non un generale). Questi viene convinto da un capo barbaro che ha combattuto per Roma ed è cittadino romano, Arminio, ad attraversa la selva di Teutoburgo per accorciare strada in vista di un trasferimento delle sue legioni. Questo consiglio è un inganno. Gli uomini che Arminio ha promesso come scorta ai Romani (che non conoscono la zona a loro ignota) saranno i loro assalitori. Tra temporali e assalti ad una parte e all'altra della colonna, in uno spazio stretto in cui i Romani sono intrappolati, la strage inevitabile si consuma amaramente. Come molti suoi amici, tra i quali Aufidio, Calidio si promette di morire per Roma. Il suo sogno è quello di rivedere sua figlia, in Italia, ma pensa che non vi riuscirà più. Intanto si era anche interessato ad una delle donne-commercianti che seguivano la spedizione, Flamilla. Il giorno della battaglia, vista la rotta dell'esercito e la fine di Varo, Calidio scorge Flamilla inseguita e cerca di aiutarla. Risultato. Flamilla e Calidio si nascondo al massacro in un boschetto. Da lì incontreranno amici e nemici, Catvaldo, Damazio, Demetrio, Fadia e altri e insieme faranno una lunga marcia per oltrepassare il confine del Reno, oltre il quale ci sono i Romani.

L'avventura rocambolesca, in pochi giorni, si conclude, in qualche modo, ma il vero epilogo è sei anni dopo. Un epilogo, a mio giudizio, frettoloso e forse troppo zuccherato, ciò che rende poco gustosa la rievocazione di una delle pagine più drammatiche della storia militare romana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Valerio Massimo Manfredi, Danila Comastri Montanari, romanzieri storici in genere e chi ami o sia semplicemente incuriositi dalla storia di Roma
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il centurione di Augusto 2011-12-27 15:49:08 Ironkarlo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ironkarlo Opinione inserita da Ironkarlo    27 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una disfatta

Libro ben scritto molto scorrevole che racconta la disfatta di migliaia di soldati e gente comune al seguito, visto con gli occhi di un centurione che poi è costretto a fuggine ed a nascondersi nella foresta per sfuggire ai barbari.
Una storia a tratti cruenta che ti tiene incollato alla sue poche pagine e che va letta tutta d'un fiato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
02
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il centurione di Augusto 2010-12-04 14:02:18 barch76
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
barch76 Opinione inserita da barch76    04 Dicembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Pearl Harbor dell'antichità

9 d.C. foresta di Teutoburgo,la Pearl Harbor dell'antichità.Tre legioni dell'esercito imperiale romano marciano inconsapevoli verso il loro massacro guidate da uno scellerato Proconsole di nome Qintilio Varo,nella selva Germanica,il traditore in agguato,Arminio,guiderà una mortale imboscata che provocherà la morte di circa 20.000 persone tra legionari,e il seguito formato da inermo vecchi,donne,e bambini.Una delle pagine più cruente e sanguinarie della storia antica raccontata con maestria dal prof.Cervo,in cui egli riesce a dare risalto agli aspetti oscuri di onore e corraggio che hanno dimostrato i romani di fronte alla morte,rendendoci partecipi del massacro che si è consumato in quei terribili interminabili tre giorni.Una pagina di storia che merita di essere ricordata,e rivista attraverso l'interpretazione di questo romanzo.A mio parere il più bel romanzo di Guido Cervo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi di Roma antica
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri