Narrativa italiana Romanzi storici Il cuore del briganti
 

Il cuore del briganti Il cuore del briganti

Il cuore del briganti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Cavaliere errante, brigante di passo, filosofo innamorato degli ideali di libertà che sconvolgono il “secolo dei lumi”, Aurelio Cabrè di Rosacroce è nato nobile, ma adesso corre l’Isola di Hermosa a raddrizzare i torti e punire l’arroganza dei baroni. Tra gelosie invincibili, amori traditi, traffici di contrabbando, attacchi dei pirati, intrighi di palazzo e battaglie contro l’invasore, Aurelio vive, corre, lotta, desideroso di costruirsi un destino e farsi giustiziere, sulla scorta delle attese utopiche innestate dalla Rivoluzione francese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cuore del briganti 2020-02-12 07:08:44 enricocaramuscio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    12 Febbraio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un calderone fin troppo ricco

Un'isola del mediterraneo che potrebbe essere la Sardegna, un periodo storico turbolento in cui idee nuove mettono a soqquadro mezza Europa, un protagonista un po' Zorro, un po' Robin Hood. Flavio Soriga non risparmia nulla al lettore: avventura e filosofia, arte e citazioni letterarie, amore passionale e violenza, politica e religione, lussuria e storia. Un calderone fin troppo ricco di ingredienti in cui un'ottima idea di fondo cozza spesso con una latente voglia di strafare, il tutto legato da una prosa originale e da un buon ritmo. Siamo nel piccolo regno di Hermosa, isola retta da un Re di facciata, in cui il reale potere è in mano ai baroni grazie ad un sistema feudale che sottomette le masse. Il vento della Rivoluzione Francese porta anche qui odore di sconvolgimento, di idee illuministe, di un possibile stravolgimento dell'ordine costituito. In questo contesto conosciamo il nobile Aurelio Cabré di Rosacroce, oggi brigante Spartaco, affiancato dai suoi fedeli compari Giosuè, Nicola, Giovanni e Ignazio Maria, personaggi poco raccomandabili con il fucile a tracolla e un pugnale alla cintura. Tra un sorso di aguardiente e un'imboscata, tra un ricordo del passato e uno sguardo ad un futuro pieno di speranza, il protagonista racconta la sua storia e spiega come un marchese possa rinunciare a privilegi, ricchezze e potere per seguire sogni di libertà, di giustizia sociale, di rivoluzione. Quando le navi francesi giungeranno sulle coste della sua patria, per Aurelio arriverà il momento di scegliere che strada seguire: unirsi agli invasori nella speranza che il nuovo vento spazzi via le ingiustizie ataviche che opprimono Hermosa oppure difendere i confini, la tradizione, la cultura della terra che ha dato i natali a lui e ai suoi antenati confidando nell'idea che il popolo, spinto a lottare contro il nemico venuto dal mare trovi la forza di farlo anche contro i baroni. Sarà più forte la voglia di cambiamento o lo spirito di appartenenza? Prevarranno le idee illuministe o l'amor patrio? Quale sentimento riuscirà a guidare il turbolento, lunatico, passionale cuore dei briganti? "Tutto quello che pensavo è cambiato, così mi sembra, dai miei anni di ragazzo: sognavo di fare il soldato e non voglio prendere ordini da nessuno, sognavo di sposarmi con una principessa e amo una cortigiana straniera, sognavo di guadagnarmi un feudo in battaglia o una Croce di San Luigino e depredo i beni altrui con una brigata di pendagli da forca. Tutto è cambiato, e questo soprattutto: pensavo che per ogni accadimento ci fosse alla base un merito, o una colpa, che dovesse esserci un responsabile, per tutto quello che ci succede, e che fosse sempre possibile trovarlo, a patto di volerlo davvero. E invece ora ho capito che no, che tante delle vicende a cui assistiamo e dei mali che ci tocca vivere non hanno né una spiegazione né un artefice, accadono e basta, è il muoversi disordinato e inarrestabile delle particelle, dei nostri corpi, degli oggetti e degli animali, è il frutto del dispiegarsi delle nostre energie e delle azioni a cui ci hanno condotto i nostri pensieri'.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cuore del briganti 2012-05-16 15:24:49 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    16 Mag, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hermosa,l'isola di un sognatore

Aurelio, dopo molti anni torna nella sua isola,Hermosa (la Sardegna?), è tempo di rivoluzioni, a Parigi ai nobili tagliano la testa con la ghigliottina e chissa che non si riesca a farlo con i corrotti Baroni della sua terra.
Aurelio torna dopo un lungo soggiorno nel continente dove ha servito un influente prelato di Venezia,il Vescovo Del Piano, ma essendo un uomo dall'indole irrequieta e indomita, ancora una volta, così come aveva fatto tempo addietro con il padre il Marchese Cabrè di Rosacroce e la madre Donna Inès, abbandona una vita serena che gli avrebbe regalato ricchezza e potere per un sogno di libertà e giustizia per tutti.
Aurelio infatti, tornato ad Hermosa, sceglie di condurre una vita da brigante, "Zorro" ante litteram, ruba ai ricchi per dare ai poveri.La fortuna al nostro "brigante buono" sembra sorridere con costanza fino a quando il vecchio padre gli chiede aiuto, suo fratello, Vincenzo Antonio ha deciso di battersi in duello con il figlio del Barone Cienfuegos per vendicarsi dello stupro consumato ai danni della sua donna.
Il vecchio sa che Vincenzo non è fatto per i coltelli,solo "Spartaco",questo è il nome da brigante di Aurelio, può impedire questa tragedia ma c'è un'altra donna che ha irretito il cuore di Spartaco, Ana Sofia, la Sivigliana, splendida spagnola conosciuta a Venezia.Sangue,coltelli,intrighi,tradimenti, amore e odio, nel romanzo di Soriga non mancano i principali ingredienti del romanzo storico d'avventura impreziosito da un linguaggio fluido e originale.

di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri