Narrativa italiana Romanzi storici Il custode del museo delle cere
 

Il custode del museo delle cere Il custode del museo delle cere

Il custode del museo delle cere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


In una Bari che profuma di fine estate, Andrea cerca di sopravvivere all'ultimo anno di liceo e ai tira e molla con la fidanzata, progettando la fuga verso un Nord che gli sembra carico di promesse. Finché il nonno, un intellettuale angosciato dal fallimento del Socialismo, gli propone un'insolita visita al museo delle cere. E lo fa con un'insistenza tale che è quasi impossibile contraddirlo. Perciò Andrea lo segue a Villa Carafa, l'antico e polveroso edificio che ospita il museo. Senza sapere che stanno per iniziare un viaggio dantesco destinato a cambiare per sempre le loro vite, e a destare nel giovane la passione politica. Perché all'improvviso la cera delle statue si farà carne e sangue, e i personaggi, bloccati in un eterno presente, prenderanno vita, ansiosi di strappare al corso inesorabile del tempo qualche istante ancora. Attraverso le loro voci straordinarie - quelle di Federico II, Leonardo Sciascia, Carmelo Bene, Cassiodoro e molti altri - nonno e nipote cammineranno per le strade della Ravenna bizantina, della Puglia infestata dai briganti, della Turchia infiammata dai conflitti della modernità, del Sacro romano impero devastato dalle invasioni barbariche. Sulle tracce di un passato che non accetta di essere dimenticato.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il custode del museo delle cere 2018-05-31 08:39:40 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    31 Mag, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un’atmosfera surreale

Villa Carafa, a Bari, ospita il museo delle cere a cui si recano in visita Andrea, all’ultimo anno di liceo, perennemente indeciso nella sua relazione con la fidanzata, e il nonno, un vecchio professore deluso dal fallimento del Socialismo. Quella che. almeno in origine, doveva essere una giornata di pura curiosità si trasformerà in un qualcosa di impensabile, in un viaggio che cambierà per sempre le loro esistenze.
Infatti, in una sorta di allucinazione, le statue di cera prenderanno vita, chiedendo del dopo, cioè di quanto avvenuto dopo la loro scomparsa, e narrando la propria storia. Così faranno il poeta Nazim Hikmet, il guerriero longobardo Erchemperto, il monaco Cassiodoro, il regista, attore e scrittore Carmelo Bene, il brigante Giuseppe Schiavone, Federico II Hohenstaufen di Svevia, suo figlio Manfredi, ultimo sovrano del regno di Svevia, Gottfred il falconiere, ingaggiato da papa Onorio III per spiare re Federico II, Pierpaolo Pasolini, un Leonardo Sciascia dallo sguardo malinconico, e ci sarebbe spazio per molti altri, ma nel caldo afoso della città, con una temperatura interna al museo già elevata per un guasto all’impianto di condizionamento, scoppia un improvviso e vasto incendio. Non vado oltre, per via di un finale del tutto a sorpresa e bellissimo, che chiude nel modo migliore e diciamo unicamente possibile un racconto dall’atmosfera altamente surreale. Come in altre sue opere risalta la notevole fantasia dell’autore, a cui non manca certamente il dono della creatività, ma per quanto la lettura si presenti piacevole e di sicuro interesse il continuo avvicendarsi di personaggi, l’alternarsi di passato e presente richiede sovente un’attenzione particolare al fine di evitare possibili confusioni. E’ l’unico appunto che mi sento di fare a un’opera che comunque mi è piaciuta e che riconferma le eccellenti qualità di Raffaele Nigro, qualità che mi riprometto di verificare con ulteriori letture, con l’auspicio di trovarle sempre più che gradevoli.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri