Narrativa italiana Romanzi storici Il ribelle. Il romanzo di Roma
 

Il ribelle. Il romanzo di Roma Il ribelle. Il romanzo di Roma

Il ribelle. Il romanzo di Roma

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il comandante della cavalleria di Tarquinia, un nobile etrusco giusto e coraggioso, uccide la moglie insieme all'ennesimo amante. Lei, però, è la nipote del re e quel sangue che reclama vendetta lo costringe all'esilio. Deve abbandonare la sua terra, le origini illustri, e persino il suo nome: si chiamerà semplicemente Larth. Nei pressi del guado sul Tevere, stremato, si addormenta in un bosco sacro, dove sogna di fare parte della banda di pastori ribelli che popola l'Aventino. È un segno divino, e al risveglio Larth si unisce ai banditi. Fra quei pastori, rozzi ma valorosi, spicca la figura di Romolo, che al contrario del gemello Remo, possiede tutte le caratteristiche per diventare un ottimo re. L'esule etrusco può sperare di aiutarlo a difendere la nuova patria. La patria che loro stessi dovranno fondare: Roma.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.6  (7)
Contenuto 
 
3.7  (7)
Piacevolezza 
 
3.4  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ribelle. Il romanzo di Roma 2013-07-24 12:09:59 calzina
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
calzina Opinione inserita da calzina    24 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA SUPERFICIE DELLA FONDAZIONE

Che dire…questo romanzo non mi è piaciuto, tanto che non trovo nemmeno lo slancio giusto per descriverlo. Nonostante l’avvenimento della fondazione di Roma sia affascinante, questo romanzo non lo ha trattato nella maniera giusta perciò perdonatemi se non troverete il giusto sentimento in questa opinione perché di sentimenti questa lettura non me ne suscitati.
Il protagonista di questo romanzo è Larth, un valoroso cavaliere vissuto intorno al VIII secolo a.C.
Larth uccide la propria moglie sorpresa con l’amante ed è costretto a fuggire dalla propria città, Tarquinia, per evitare ritorsioni ai danni della propria madre e sorelle.
La sua fuga lo porterà fino ad un guado del fiume Tevere, dove viene assalito da alcuni banditi. Quei banditi non sono altro che pastori che governano le greggi di proprietà dei signori locali. I pastori ricevono ben poco per il loro lavoro e ravvedono nel furto l’unico mezzo per poter integrare il misero guadagno.
A capo di questa banda di banditi-pastori Larth conosce Remo, un giovane tutto muscoli e alquanto istintivo. Al suo fianco conosce Remolo, il gemello, che al contrario del fratello è molto più misurato e riflessivo.
Queste sono le basi fondamentali del romanzo che attraverso battaglie e diatribe intestine approderà alla fondazione della città di Roma.
Manca soprattutto lo spessore dei personaggi. La narrazione viene fatta passando da una fatto all’altro senza soffermarsi troppo accuratamente su niente e nessuno. E’ come se l’autrice avesse voluto narrare un’intera vicenda complessa cercando di farlo in maniera semplicistica. Questo però, a mio avviso, ha fatto si che i fatti siano narrati in modo superficiale, senza attribuire loro il giusto peso e importanza nella vicenda tanto che si fatica a distinguere quali siano i fatti salienti e quali quelli superficiali.
Ad esempio l’omicidio di Remo viene narrato in poche pagine e, nonostante Romolo sia descritto come una persona sensibile e riflessiva, poco o niente l’autrice si sofferma ad analizzare il suo stato d’animo.
Sicuramente all’epoca la sensibilità per l’omicidio di una donna era diversa. Così come lo era per lo stupro e la pedofilia. Ma questi temi delicati sono sfiorati in modo superficiale, dando il senso della pochezza attribuita a questi gesti e questo non lo apprezzo. A mio parere un romanzo moderno deve adeguarsi alla sensibilità odierna, facendola maggiormente stridere paragonandola a quella passata.
Non mi è piaciuto, non mi ha emozionato e nemmeno entusiasmato, per questo non posso consigliarvelo.
Se invece siete alla ricerca di un romanzo che vi illustri in modo semplice e superficiale come nacque la nostra capitale allora si, ve lo consiglio.
Vorrei confrontarmi con chi ha letto questo romanzo e gli è piaciuto per approfondire le mancanze che ho riscontrato in questa lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
241
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ribelle. Il romanzo di Roma 2011-03-14 16:22:00 Enzo Colavecchio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Enzo Colavecchio    14 Marzo, 2011

Documentato e profondamente realistico

Chi non ha studiato la leggenda della fondazione di Roma, con la Lupa e i gemelli Romolo e Remo? Il romanzo "IL RIBELLE" ha il merito di aver sottoposto la vicenda leggendaria ad una ricostruzione etnopolitica fondata sulle più recenti metodologie storiografiche e sulle conferme di natura archeologica. Non c'è dubbio che l'archeologia in quella sponda del Tevere si applica su un vero e proprio libro abbastanza completo e decifrabile. Così la nascita di Roma è inserita in una situazione protourbana dal punto di vista degli insediamenti e delle istituzioni, ma dentro un quadro dinamico delle tendenze geopolitiche dell'epoca. Lo sviluppo storico appare figlio degli interessi territoriali e commerciali in gioco, il cui porogresso rende ad un certo momento ineluttabile il cambiamento piolitico e istituzionale. Così la fondazione di Roma interviene a spiegare la necessità del controllo politico di un territorio strategico e centrale.
Ed ecco che gli elementi storici e attendibili della leggenda di Romolo trovano innanzitutto una conferma temporale (in sostanza fatti realmente avvenuti in quell'epoca) e subito dopo una conferma logica. Siamo forse ancora ion un campo teorico, ma con molti capisaldi reali.
Il romanzo poi è risultato affascinante e scritto col ritmo della scenografia di un film. Sinceri complimenti alla scrittrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ribelle. Il romanzo di Roma 2010-06-07 16:13:58 MARco Di Tullio
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da MARco Di Tullio    07 Giugno, 2010

Scorrevole ed essenziale

Tutto sommato, nonostante qualche voce contraria, l'ho trovato scorrevole, semplice ed essenziale.
Le pretese chiaramente non sono quelle attagliabili ad una lettura molto qualificata, ma rende l'idea di un periodo storico oscuro, interpolato dalla storiografia classica romana repubblicana ed imperiale, se non stravolto totalmente dalle interpretazioni amanuensi clericali.
Epoca aperta dunque a qualsivoglia fantasia e, senza disquisire su fonti, luoghi e reperti, quindi di facile ricostruzione letteraria e narrativa, non si può negare un certo fascino e originalità del libro.
Per concludere, una lettura tranquilla infrasettimanale, che consente di addormentarsi senza la pesantezza agli occhi e all'intelletto dopo una giornata lavorativa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ribelle. Il romanzo di Roma 2010-01-22 18:35:53 angio73
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
angio73 Opinione inserita da angio73    22 Gennaio, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piacevole e scorrevole

Se non ci si aspetta troppo, il romanzo risulta essere piacevole e di facile lettura.
Manca forse un po' di spessore psicologico ai personaggi e le descrizioni sono quasi assenti, in compenso la trama è scorrevole e a tratti avvincente.
Il contenuto è originale e presenta un'interessante interpretazione della fondazione della città eterna.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di V.M. Manfredi
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ribelle. Il romanzo di Roma 2009-12-18 17:07:19 Laura
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Laura    18 Dicembre, 2009

il romanzo di Roma

Larth, un guerriero e nobile etrusco, dopo essersi macchiato dell’efferato delitto della moglie infedele e del suo amante, fugge verso il guado sul Tevere e si unisce ad una banda di pastori dell’Aventino. Tra questi pastori c’è Romolo, uomo di grande intelligenza e carisma, e Remo, suo fratello, dotato di grande forza fisica, ma privo di moderazione e fermezza. Larth, vede nel Guado sul Tevere e nella zona limitrofa il luogo in cui fondare una nuova città, una città per cui dare la vita e da poter chiamare “patria”, riconoscendo in Romolo l’unico uomo capace di guidarla. Il fuggiasco, il ribelle, si rende protagonista, insieme a Romolo e ai loro fedeli seguaci, dell’origine della gloriosa Roma. I luoghi e gli avvenimenti descritti dall’autrice Emma Pomilio, vengono presentati con un grande realismo; i personaggi sono stati curati nei minimi dettagli, ricostruendo il loro modo di pensare, le loro usanze religiose e i loro costumi.

Da ogni pagina, traspare uno studio attento e minuzioso effettuato dall’autrice della storia e della letteratura che descrive quel periodo e ritengo che la lettura di questo romanzo sia stata piacevole, scorrevole e interessante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ribelle. Il romanzo di Roma 2009-12-15 00:54:57 Marc J Di Maggio
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Marc J Di Maggio    15 Dicembre, 2009

incredibilmente scarso

arrabbiato e tremendamente deluso... primo e ultimo libro di Emma che compro e spendo tempo a leggere... amante e affascinato dai libri di storia in special modo su Roma, rimango tremendamente freddato da una lettura priva di calore e emozioni... ho letto molti libri scarsi... questo ne supera il limite...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
sinceramente non riuscirei a consigliarlo a nessuno...
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ribelle. Il romanzo di Roma 2009-10-29 15:49:04 Francesca Romana Melchior
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Francesca Romana Melchior    29 Ottobre, 2009

Il ribelle, di Emma Pomilio

EMMA POMILIO - IL RIBELLE, recensione di Francesca Romana Melchiorre


Allo sguardo di Larth, in fuga da Tarquinia dopo aver commesso un efferato delitto, la bassa valle del Tevere si presenta come un mondo misterioso e affascinante. Tra boschi e pascoli, acquitrini e paludi coperti di canneti e piante acquatiche, scorre lento il Tevere. Le acque del grande fiume, preziosa arteria di collegamento tra nord e sud, entroterra e costa, favorendo contatti sempre più intensi fra Etruschi, Latini, Greci, Campani e altri popoli ancora, sono veicolo di progresso e civiltà. Ed è nell’isola tiberina, guado sul Tevere e crocevia di popoli e merci, che si concentrano in modo straordinario tali potenzialità di sviluppo. Ma i rustici villaggi, disseminati sulle cime e sui pendii boscosi delle colline, denotano una società agricolo-pastorale, per ora incapace di canalizzare le prerogative del territorio verso un futuro di sviluppo e innovazione. Il gran numero di povere capanne raggruppate attorno ad abitazioni più grandi e raffinate, evidentemente appartenenti ai più ricchi, parla di una società non ancora ben strutturata, dove il solo criterio di aggregazione è la parentela, l‘unica distinzione sociale la ricchezza. È così che, impercettibilmente, il lettore, lasciatosi alle spalle l’immaginario etrusco in fuga, si trova nel Lazio verso l’VIII secolo a.C.
È già per quest’epoca, appunto, che reperti archeologici e alcuni riti celebrati anche in epoca storica testimoniano che l’iniziale collaborazione tra villaggi si trasforma in vera e propria federazione. È esattamente ciò che accade nella città dei Quiriti prospiciente il guado sul Tevere. Qui, Palatium e Germalus sul Palatino, Velia sprone di passaggio verso l’Esquilino, Cispius, Oppius e Fagutal sull’Esquilino e Caelius si uniscono a formare il Settimonzio, delimitato da mura. E se si pensa che è proprio il Settimonzio a dominare il guado sul Tevere quando Larth lo attraversa, non si può far a meno di apprezzare la naturalezza con cui la scrittrice sa fondere fantasia e storia in un inscindibile legame. Nel panorama di questi insediamenti disseminati sulle alture e guidati dall’aristocrazia, emerge Albalonga, capitale dei Latini federati, unica città governata da un re. È un aggregato di villaggi di contadini e pastori, che trovano sicurezza nella posizione rilevata e naturalmente fortificata ai margini del lago di Albano, oltre che nel sostegno e nel prestigio del santuario di Giove Laziale. Posto ai piedi del Monte Albano, questo infatti costituisce per tutti i Latini un importante punto di riferimento. Proprio la fede in questa divinità che unisce il popolo, e l’aura religiosa che circonda il santuario, consentono al re, favorito dalla sua ricchezza, di far riconoscere la propria autorità da tutti gli abitanti. Ma in una società agricolo-pastorale, dove la ricchezza consiste in terre, animali e pascoli, la persona intraprendente e senza scrupoli, capace di procurarsi terre con la prepotenza e di acquisire animali con frequenti razzie, facilmente diventa ricca, aristocratica, capace di aspirare al comando.
Sarebbe possibile, quindi, identificare tale persona con Amulio, il re che riesce a togliere il regno al fratello, che non si è preoccupato di accumulare la necessaria ricchezza. Romolo e Remo, che pascolano gli animali di Amulio e contemporaneamente si comportano da briganti, personificano i numerosi pastori, che col furto di animali cercano di procurarsi un gregge proprio, onde evitare di essere per tutta la vita al servizio di qualcuno. D’altronde, la struttura di Albalonga riproduce fedelmente l’abitato di altura che caratterizza l’VIII secolo a.C. in molti luoghi dell’Italia centrale, dove i santuari fungono frequentemente da punto di aggregazione, ma dove la lontananza dalle grandi vie di comunicazione costituisce il presupposto per la futura decadenza. Di conseguenza, poiché l’Albalonga della leggenda sulle origini di Roma risponde proprio a tali criteri, la Pomilio, sulla scia di una scuola archeologica e di pensiero, la considera fondamentalmente vicina alla verità storica. D’altronde, sono la forza, la determinazione e l’intelligenza che in ogni contesa permettono a un gruppo di prevalere sull’altro, anche quando è costretto a riscattare torti precedenti. Ed è proprio questo ciò che fanno Romolo e Remo insieme ai loro seguaci, per smascherare l’usurpazione di Amulio e ridare il potere a Numitore. Inoltre, una prova di forza e di abilità strategica rende sempre la parte vincente consapevole delle proprie capacità, inducendola ad un salto di qualità, a prendere iniziative autonome, rifiutando la precedente servitù. E solo in questa nuova ottica è possibile valorizzare, col contributo proveniente da altre culture, le potenzialità del luogo.
Imprescindibile punto di partenza, in tal senso, è l’unificazione, in vista di un comune obiettivo, delle forze in campo spesso frammentate e contrapposte tra loro. A tal fine, i nobili Quiriti, i “fiumaioli” che abitano vicino al fiume, gli abitanti dei boschi (Luceres), possibilmente i Sabini, che numerosi e potenti risiedono sul Quirinale, la sempre più folta schiera di coloro che cercano, come Larth, una nuova patria, devono tutti necessariamente entrare a far parte di una nuova compagine statale. Non è, dunque, dal nulla che nasce la Roma Quadrata, ma dal lungimirante progetto di un’équipe aperta alla innovazione e al contributo degli stranieri come Larth e guidata da un unico re. Al re sono necessarie autorevolezza, forza, riflessione, capacità di mediazione, pazienza e fermezza. Egli non può favorire la pace tra i sudditi se si limita ad usare la forza e a diffondere timore. Ed è appunto questo che la leggenda vuol simboleggiare con la morte di Remo, troppo propenso a risolvere ogni cosa con la forza. Il re, dunque, estendendo il territorio dei Quiriti a settentrione del Palatino, e istituendo tre nuove curie oltre quelle esistenti, riesce a dare ad ogni cittadino una precisa collocazione sociale e i mezzi per sopravvivere: i Ramnes (da rumon = fiume), coloro che abitano vicino al fiume; i Luceres, gli abitanti dei boschi, che diventano così cittadini a tutti gli effetti e, di conseguenza, strenui sostenitori del re.
Chi invece non intende appoggiarlo, pur riconoscendone la superiorità militare, sono i nobili Quiriti e soprattutto i Tities, i Sabini, ricchi e numerosi, stanziati sul Quirinale. Non è possibile per i Romani fare a meno della loro alleanza. La prosperità e la pace dipendono proprio dalla capacità dei romani di coinvolgere nell’epica avventura della nuova città i potenti Sabini, la cui inimicizia sarebbe distruttiva. Ecco, allora, che la leggenda del ratto delle Sabine, enunciando un grave problema reale pur sotto le parvenze di una fiorita metafora, assume una valenza di carattere storico.
Su questo sfondo storico-leggendario s’impone la figura di Larth, ponte tra civiltà diverse, tra passato e presente. Egli, portatore dell’esperienza, della tecnologia e dell’organizzazione etrusche, costituisce lo stimolo verso l’innovazione e il progresso e, contemporaneamente, verso il rispetto dei riti e della tradizione. Anche se le vicende contingenti lo hanno indotto ad uccidere la moglie infedele e a lasciare la sua città, egli sente il bisogno di radici e di amore. Egli fa parte di quella schiera di uomini che, in ogni tempo della storia, affrontano avventure e pericoli, pur di avere una patria a cui appartenere, con cui identificarsi. È per la sua nuova patria che Larth trasforma pastori e briganti in soldati orgogliosi del loro nuovo ruolo. L’Etrusco organizza, infatti, una milizia forte, efficiente e ben armata, permettendo alla nuova città di Roma di imporre sui popoli limitrofi la propria superiorità militare.
Anche l’amore vero è ciò che cerca Larth. Ed anche questo sarà per lui una faticosa graduale conquista. Claudia, la donna che egli ama, è una ragazza giovane, dallo sguardo intelligente e apparentemente schivo e dal corpo elegante e flessuoso. Si mostra pudica, come impongono i costumi dei padri, ma nel momento opportuno sa farsi ammirare, guardare il suo uomo e fare la sua scelta. È lei, infatti, che al momento del ratto delle Sabine implora Larth di rapirla. Le tradizioni e le norme a cui la ragazza è attaccata, dunque, non le impediscono di aprirsi al nuovo e al futuro.
Numerosi e ben caratterizzati sono gli altri personaggi come, ad esempio, Appio Claudio, padre di Claudia. È un ricco e austero sabino tradizionalista, che considera il matrimonio della figlia come un contratto, in cui conta la solidità dei patrimoni che si uniscono, non l’attrazione tra gli sposi. Ma poi anche Claudio è costretto ad aprirsi al futuro, accettando Larth come genero.
Efficaci sono anche le figure di Romolo e Remo, inizialmente accomunate dalla prorompente bellezza mediterranea, caratterizzata in particolar modo da intensi occhi scuri e ironici; in un secondo momento, differenziate dalle doti adatte a chi governa, che pian piano Romolo riesce a mettere in luce.
Nel complesso. “Il Ribelle” appare come una travolgente avventura che, portando i protagonisti da un mondo primordiale verso la civiltà e la realizzazione di un grande progetto, fa emergere con spontaneità la storia dalla leggenda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fiore di roccia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.6 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri