La lepre La lepre

La lepre

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Nel Seicento, in un lebbrosario a sud dello Stato pontificio, viene rinchiusa la giovane prostituta Bianca Maria, malata della nuova peste della sua epoca, la sifilide, condannata da un giudice alla reclusione perpetua. Ma la grazia infinita e l'imprevedibiIità della fanciulla, accorta come una lepre, accendono nel cuore del medico Tommaso un sentimento più forte di ogni paura di contagio. Una favola storica in cui Cerami delinea due figure in cui si rispecchia la nostra inquieta contemporaneità.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La lepre 2011-07-11 15:33:04 Lady Libro
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    11 Luglio, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non vedevo l'ora di finirlo...

Ho preso questo romanzo breve in bibilioteca (e meno male! Se lo avessi acquistato in libreria avrei certamente buttato dei soldi): le prime pagine non mi avevano per niente coinvolta o entusiasmata e, nel corso della lettura, avevo pensato più volte di chiudere questo libro per non riaprirlo mai più ma, da brava e appassionata lettrice, non l'ho fatto, anche perchè volevo sapere come finisse la storia e magari il finale avrebbe riscattato almeno un po' la bruttezza delle prime pagine.
Scelta clamorosamente sbagliata! A parte che il finale è pessimo e deludente al massimo, prima di tutto non mi è piaciuto lo stile piatto e scialbo di Vincenzo Cerami: ha usato un linguaggio simile a quello degli scrittori ottocenteschi (ad esempio come Alessandro Manzoni e Victor Hugo) che non ha fatto altro che appesantire la storia con tutte quelle digressioni, interventi del narratore e citazioni in latino e non da opere medievali, lasciando piccolissimi spazi per lo sviluppo cronologico e narrativo dell'intera vicenda, nonchè per annoiare il lettore in ogni pagina e parola e procurargli pesanti effetti di sonnolenza e sbadigli continui.
Inoltre ho trovato tutta la storia in generale priva di senso e di logica e alquanto forzata.
A mio parere ha adoperato questa scelta soltanto per far colpo e per impressionare il lettore (cosa che, almeno in me, non è successa) senza credere davvero in ciò che stava scrivendo.
Poi non ho potuto fare a meno di percepire un'intensa freddezza in tutti quanti i personaggi presenti: le loro emozioni sono appena accennate ed essi si limitano soltanto a far tutto senza provare alcunchè.
Meno male che il romanzo aveva solo 178 pagine e che l'ho letto in pochissimo tempo.
Dopo ciò, non credo proprio che leggerò altri libri di Cerami.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

La lepre 2011-06-16 13:07:17 silvia71
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    16 Giugno, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una passione pericolosa

Questo breve romanzo di Cerami nasce da un lavoro di ricostruzione di una vicenda probabilmente accaduta nel corso del 1600, come è dato pensare da alcuni carteggi dell'epoca ritrovati dall'autore, rielaborata e arricchita di elementi di pura fantasia, così da dare vita ad una originale fiaba dal sapore antico, ma ricca di spunti di riflessione che ben si adattano a qualsiasi tempo.
Una giovane malata di sifilide, condannata dal tribunale ad essere rinchiusa in un lebbrosario, diverrà il tormento e l'estasi del giovane medico, alle cui cure viene affidata.
Si dipana da qui una storia amara, crudele, contorta, a causa delle molteplici sfaccettature dell'animo dei protagonisti. Bianca Maria e Tommaso sono due persone estremamente complicate e problematiche, che celano a se stessi e agli altri il loro io più profondo.
Lei è una figura stupendamente enigmatica, vittima e carnefice al tempo stesso, poiché sotto le spoglie di una preda dedole e impaurita, si nasconde una persona astuta e camaleontica, capace all'occorrenza di trasformarsi in cacciatrice per soddisfare i propri bisogni.
Lui è un uomo corroso da una genetica insicurezza che deve nascondere indossando la maschera impostagli dalla posizione sociale e dalla professione esercitata, mostrandosi risoluto e autoritario, finchè incontrerà una paziente in grado di destabilizzarlo e di far crollare il suo mondo,spingendolo ad abbandonare l'approdo sicuro per veleggiare verso lidi sconosciuti e insidiosi.
E' una lettura insolita che prende forma e consistenza strada facendo, svelando al lettore le reali intenzioni dello scrittore poco alla volta; l'opera infatti, col fluire della narrazione, prende le distanze dal romanzo storico, per addentrarsi in un racconto di introspezione psicologica, affascinante e intrigante, a scapito dell'ambientazione che rimane tratteggiata sommariamente, solo per dare un'inquadratura temporale alla vicenda.
Colto e ricercato il linguaggio utilizzato, che sottolinea una estrema finezza stilistica e la capacità dell'autore di contestualizzare il racconto in un epoca lontana; sicuramente apprezzabile da un pubblico esigente, ma una buona lettura per chiunque abbia voglia di scoprire nuovi orizzonti letterari e lasciarsi trasportare da una vicenda emblematica e tormentata, vissuta dai protagonisti in tutta la sua drammaticità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri