Narrativa italiana Romanzi storici Le rose di Cordova
 

Le rose di Cordova Le rose di Cordova

Le rose di Cordova

Letteratura italiana

Editore


La penna di un'abile romanziera fa rivivere, come per magia, il XVI secolo, e riapre le porte della corte di Isabella di Castiglia e di suo marito Ferdinando d'Aragona. Tra banchetti lussuosi e personaggi senza scrupoli, Francisca, una schiava additata come moresca, delinea il ritratto intenso di una regina ante litteram, innamorata di Filippo il Bello e lacerata dallo stesso amore, divorata dalla gelosia e dalla solitudine, costretta a fare i conti con sordidi intrighi di potere: è la regina Giovanna, figlia dei re Cattolici, nota anche come Giovanna la Pazza, una donna forse soltanto vittima di una ragion di stato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le rose di Cordova 2008-09-21 23:20:55 Laura
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Laura    22 Settembre, 2008

Le rose di Cordova

Questo libro, l’ho scoperto per caso attraverso un passaparola fra amici. Amo i romanzi di ambientazione storica, ma solo se sono rigorosi nella ricostruzione, e nello steso tempo coinvolgenti; le Rose di Cordova mi è piaciuto per questo.
La vera protagonista del romanzo è la storia, un pezzo di storia spesso rimasto in ombra nei nostri ricordi di scuola, quello dell’Europa agli inizi della cosiddetta Età moderna, e, in particolare, della Spagna al suo massimo splendore e potenza, agli inizi del 500 .
Con riferimenti dettagliati il romanzo ti porta dentro le vicende, il clima culturale, la politica e gli intrighi dei potenti del tempo: ne emergono la forza di alcuni personaggi ma anche, impietosamente, la loro fragilità e bassezza, e, non ultimo, la loro sofferenza. Acquistano contorni più precisi la Regina Isabella, il marito Fernando d’Aragone, Filippo “tanto bello quanto infedele e infido- e, sopra a tutti, la sua sposa per esigenze poltiche , Giovanna, soprannominata “la pazza”.
E’ lei la protagonista del romanzo di Assini che cerca di indagare nel fondamento della sua presunta follia e, insieme a lei, coprotagonista, è la voce narrante: Francisca, il cui vero nome era Nura. Figlia di un nobile arabo ma caduta in disgrazia e fatta schiava dopo la conquista, da parte degli spagnoli, di Cordova, la bella città divenuta, nella malinconia e nel ricordo di Nura, un paradiso perduto come “le Rose” del suo giardino.
Nura, scelta, per sua fortuna, come ancella di Giovanna, è un po la coscienza critica e “il grillo parlante” di quel mondo di potenti. Un personaggio che appare inquietante per questa sua duplicità: dentro e fuori la storia, amica e nemica della sua padrona di cui e schiava ma sulla quale riesce ad esercitare un potere psicologico che è lo strumento del suo riscatto, talvolta una sottile violenza. Govanna e Nura sono i personaggi ai quali l’autrice ha consegnato e concentrato la propria spiccata sensibilità verso l’universo femminile e le sue profonde contraddizioni.
Il romanzo si fa perdonare alcuni passaggi un pochino faticosi per l’indulgenza verso alcuni elementi descrittivi forse troppo didascalici, ma che rivelano comunque una attenzione e un amore per il particolare per la veridicità storica non comuni.
Lascia nel lettore un grande affresco che lo aiuta a comprendere da vicino, con lucida consapevolezza, la incapacità e la sofferenza, la inadeguatezza dei protagonisti a sostenere l’enorme peso di un potere, acquisito per eredità dinastica, troppo grande per essere gestito, e troppo spesso accompagnato da violenza e prevaricazione. Un mondo solo apparentemente lontano, perchè il tema del potere è sempre di fortissima attualità e incredibilmente vicino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi storici
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Jane va a nord
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri