Narrativa italiana Romanzi storici Mara. Una donna del Novecento
 

Mara. Una donna del Novecento Mara. Una donna del Novecento

Mara. Una donna del Novecento

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Mara è nata nel 1920 e ha 13 anni quando comincia questa storia. Vive vicino a largo di Torre Argentina. Il papà è bottegaio, la mamma casalinga. Ha un’amica del cuore, Nadia, fascista convinta, che la porta a sentire il Duce a piazza Venezia. Le piace leggere e da grande vorrebbe fare la scrittrice o la giornalista. Tanti sogni e tante speranze la attraversano: studiare letteratura latina, diventare bella e indipendente come l’elegante zia Luisa, coi suoi cappellini e il passo deciso e veloce. Il futuro le sembra a portata di mano, sicuro sotto il ritratto del Duce che campeggia nel suo salotto tra le due poltrone. Questo è quello che pensa Mara, e come lei molti altri italiani che accorrono sotto il Suo balcone in piazza Venezia. Fino a che il dubbio comincia a lavorare, a disegnare piccole crepe, ad aprire ferite. Tra il pubblico e il privato la Storia compone tragedie che riscrivono i destini individuali e collettivi, senza eccezioni. Quello che resta è obbedire ai propri desideri: nelle tempeste tengono a galla, e nei cieli azzurri sanno disegnare le strade del domani.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mara. Una donna del Novecento 2020-08-31 07:26:07 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    31 Agosto, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ritratto di donna

Ritanna Armeni, giornalista e scrittrice, ha pubblicato tra gli altri, Di questo amore non si deve sapere, Una donna può tutto; ora torna in libreria con Mara. Una donna del Novecento; che potrebbe avere un sottotitolo significativo: la storia del 900 da un punto di vista strettamente femminile. Una storia di emancipazione, dunque, che passa anche attraverso ferite profonde, mai del tutto rimarginate.
Con uno spesso taglio cinematografico, il romanzo racconta la storia di Mara, ragazzina nel 1933, che ripone una fiducia illimitata nel Duce, infatti in lui rispecchiano tutte le sue speranze per un futuro migliore. I capitoli della vita privata sono, nel testo, inframmezzati da un’analisi molto rigorosa dal punto di vista storico, di molti argomenti tipici del periodo. Ad esempio l’analisi della situazione delle donne fasciste:
“Tutte stupide o invasate le donne del ventennio? Per capire quel che effettivamente avviene nel rapporto con il regime e con il duce dobbiamo spostare lo sguardo su quel che aveva offerto loro lo stato liberale, nato dal Risorgimento. Leggo che per Giuseppe Mazzini – il più benevolo- la donna deve limitarsi a essere l’Angelo della famiglia. “Madre, sposa, sorella” scrive “è la carezza della vita, la soavità dell’affetto diffuso sulle sue fatiche, un riflesso sull’individuo della provvidenza amorevole che veglia sull’Umanità”.
Mara vive una adolescenza abbastanza spensierata facendo tutte quelle cose che piacciono ai giovani: le piace leggere, sogna di diventare una scrittrice, ama i bei vestiti e incomincia con grande titubanza a guardare al mondo maschile. Fino al crollo di tutte le illusioni ….
Un romanzo che è anche saggio. Una lettura briosa, che procede spedita, che illustra condizioni di vita e di pensiero, di altri tempi. Molto utile, a mio parere, alle giovani generazioni per apprendere meglio ciò che è stato, affinchè non abbia più da ripetersi. Una scrittura che alterna pubblico e privato, costruito con ottima sapienza narrativa. Un bel ritratto di donna, da assaporare con gusto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri