Marco Polo Marco Polo

Marco Polo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Marco Polo, ormai anziano, si trova incarcerato a Genova, e riandando con la memoria agli anni passati, racconta a Rustichello da Pisa i viaggi e le avventure della sua vita. Ricorda il ragazzo che era e il suo desiderio di visitare l'Oriente sulle orme del padre e dello zio, ricorda i rischi e i pericoli che ha incontrato, ricorda Kublai Kan e il leggendario impero del Catai.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Marco Polo 2013-03-06 16:34:46 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    06 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un viaggio affascinante

Come certamente noto Il Milione è un saggio biografico scritto da Rustichello da Pisa sotto dettatura di Marco Polo allorché entrambi, presumibilmente nel 1298, si trovavano prigionieri di guerra dei genovesi.
Vi si descrive il viaggio nel lontano oriente compiuto dalla famiglia mercantile veneziana dei Polo (Marco appunto, il padre Niccolò e lo zio Matteo), un itinerario che appassionò subito i lettori del XIII secolo e che ancor oggi affascina.
Stupisce anche l’interesse al riguardo di Maria Bellonci, legata com’è stata al Rinascimento italiano e alla vita di corti ben diverse da quelle che si trovano nel Milione, ma forse lo stupore ha una spiegazione nell’ascendente che questo libro ha sempre manifestato nei lettori. Quel mondo quasi sconosciuto, così diverso dall’Italia medievale, quegli spazi infiniti, un grandissimo sovrano come Kublai Khan, autentico signore e padrone di quel mondo sono aspetti che giustificano ampiamente il successo di quel libro, fonte di ispirazioni di altri testi successivi, come Le città invisibili di Italo Calvino.
In questo Marco Polo Maria Bellonci rilegge quest’opera e ci racconta, con il suo ineguagliabile stile, questo viaggio avventuroso nell’impero del Gran Khan, partendo appunto dal momento in cui Marco Polo, prigioniero dei genovesi dopo la sfortunata battaglia di Curzola, detta questa sua esperienza a un altro detenuto, Rustichello da Pisa. E se Il Milione ha una nascita alquanto originale, altrettanto si potrebbe dire di questo libro della Bellonci; infatti l’origine è una sceneggiatura per il Marco Polo televisivo, trasmesso a puntate nel 1982; da questo lavoro in funzione del piccolo schermo la scrittrice piemontese ha tratto appunto il suo Marco Polo.
Indubbiamente diverso dai suoi testi famosi, quali Lucrezia Borgia, Segreti dei Gonzaga e Rinascimento privato, mantiene tuttavia il rigore di una biografia strettamente attinente alla vita del protagonista, con una felice trasposizione narrativa che rende il tutto assai più scorrevole e di grande gradimento da parte del lettore.
Senza essere didascalico, è caratterizzato dalla capacità di lasciare alla fantasia di chi legge immaginare, vedere con i propri occhi ciò che opportune e mai troppe indicazioni rendono possibile.
Certo non ci troviamo di fronte a personaggi come Lucrezia Borgia o Isabella d’Este, ma quel mondo lontano, che solo da non molto tempo ci sembra più vicino, rivive in un’aureola di meraviglia e mistero che non sgomenta, ma attrae irresistibilmente. Il palazzo estivo di Kublai Khan, costituito da una miriade di tende, l’incontro con i Lama del Pamir e con i mitici pescatori di balene, il rito del matrimonio tra bambini morti emergono da queste pagine, si offrono prepotentemente per farci capire un mondo che all’epoca appariva talmente lontano dall’occidente da essere considerato inabitabile e inabitato, e invece anche là si nasceva, si viveva, ci si amava, si combatteva e si moriva, né più né meno come in ogni angolo di questa terra, a ogni latitudine, in ogni epoca. Se la distanza geografica era immensa, Marco Polo fece sentire vicini gli abitanti di quelle terre lontane e Maria Bellonci ha saputo, in questa sua trascrizione, mantenere lo spirito dell’esploratore veneziano, la cui presenza, pur se discreta, è quella di un uomo che vuole conoscere, desidera sapere, è pronto a tendere un mano per innalzare un ponte ideale fra Occidente e Oriente.
Da leggere, senza dubbio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutti i libri di Maria Bellonci
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita alla finestra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri