Sanguepazzo Sanguepazzo

Sanguepazzo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Sanguepazzo, romanzo di Marco Tullio Giordana edito da Sperling & Kupfer. Marco Tullio Giordana si misura con la storia d'amore e di sangue della più celebre coppia d'attori del cinema di Regime: Osvaldo Valenti e Luisa Ferida. I due divennero amanti nel 1940 e morirono insieme nel '45, fucilati dai partigiani. In mezzo, seguirono la parabola discendente del fascismo, compresa la torbida frequentazione con il torturatore Koch e l'adesione di Osvaldo alla X Mas del principe Borghese, per cui svolse attività losche ed equivoche. Una vicenda emblematica di quel tempo drammatico che il regista fa rivivere nei volti di Monica Bellucci e Luca Zingaretti. Il libro offre il testo integrale dell'opera cinematografica, è corredato da una serie di foto di scena e da un'intervista di Lorenzo Codelli al regista, che aiuta i lettori a inquadrare la vicenda e li accompagna dietro le quinte del film.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sanguepazzo 2013-09-10 15:42:59 luvina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
luvina Opinione inserita da luvina    10 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sanguepazzo

A me piace molto Marco Tullio Giordana, ho visto tutti i suoi film e letto i suoi libri. “Sanguepazzo” è il romanzo tratto dalla sceneggiatura del film che porta lo stesso nome. Il regista-scrittore ha portato avanti questa sua idea, questo suo progetto di raccontare la fine dei due attori “maledetti” Osvaldo Valenti e Luisa Ferida per molti anni (addirittura aveva distrutto tutte le copie della sceneggiatura) ma per fortuna l’ha realizzato.
Il libro ha come introduzione una lunga intervista all’autore che sicuramente ci aiuta ad inquadrare bene sia i personaggi sia il periodo storico che è quello tristissimo dell’Italia del 25 aprile con i suoi processi sommari e la guerra civile incombente.
Il libro è suddiviso in capitoli, in realtà sono flashback temporali, che recano le date per un periodo che va dalla primavera del 1936 al 30 aprile 1945 giorno dell’esecuzione per mano dei partigiani. L’autore mette molto di suo nel rendere letterariamente la vita di questi due famosi attori di Cinecittà che personificavano la grandezza fascista del cinema italiano; Osvaldo Valenti e Luisa Ferida erano i divi, erano belli, erano Dei.
Quella narrata è una disperata storia d’amore fra due persone che si sono trovate essendo simili (“Luisa, sarebbe stato mille volte meglio che assomigliasse a voi, amico Cardi….invece, purtroppo, assomiglia a me”); il loro in realtà fu un rapporto sbilanciato perché è Osvaldo che ha più bisogno di Luisa, della sua presenza, che ama di più e però lei ci fu sempre fino alla fine.
E’ una storia d’amore cupa, tragica, sulla quale aleggia lo spettro di un bambino perso e di un grande dolore (“Il loro è un dolore assoluto. Li allaga senza concedere né parole né lacrime”) che li lega ancora di più.
Tutti i personaggi sono tratteggiati magistralmente, soprattutto in evidenza vengono messi i loro stati d’animo a volte la loro pochezza altre la loro grandezza; ma su tutti giganteggia Osvaldo Valenti, cocainomane, grand viveur, imprevedibile, dotato di ironia, sfacciataggine e di un coraggio che userà per cercare di salvare Luisa, ma anche possessore di un sogno: un film girato da lui le cui pizze porterà con sé fino alla fine ma che non gli sopravvive. E’ proprio Sandokan (così lo chiama il factotum Sturla) che ci tiene inchiodati al libro, a quel suo amore totale per la donna che lo ha scelto (bella anche la figura di Golfiero-Taylor innamorato di Luisa).
Non è facile rendere in scrittura quello che hai pensato e realizzato in pellicola ma Marco Tullio Giordana ci riesce benissimo: sembra davvero di camminare per la Milano distrutta dai bombardamenti così come sembra davvero di salire le scale del Grand Hotel Rezzonico a Venezia, di vedere tutto il milieu che circondava il mondo del cinema di allora. Anche Villa Triste dove venivano praticate torture e uccisioni viene descritta in modo molto realistico (le pareti piastrellate di bianco come una macelleria).
Sono stati uccisi per rapina (lei aveva con sé tutti i suoi gioielli)? Perché si riteneva che fossero fascisti (lui era della X Mas e amico del torturatore Koch ma per procurarsi la droga)? A me piace pensare che siano morti, come in una nemesi, per il loro amore anomalo, perché nell’immaginario popolare e perbenista rappresentavano come sullo schermo il cattivo e la donna perduta, i maledetti, gli Dei caduti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Pasolini, un delitto italiano" "I cento passi"
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri