Secretum Secretum

Secretum

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Roma, luglio 1700, anno di Giubileo. Nella sua sontuosa villa il cardinal Spada, segretario di Stato pontificio, festeggia le nozze del nipote con il fior fiore di curia, nobiltà e diplomazia. Tra gli invitati Atto Melani, ex cantante castrato e agente del Re Sole, tesse la sua tela. Dietro le quinte della festa si agita infatti ben altro. L'Europa è a un tragico crocevia: il Pontefice è in fin di vita e il giovane Re di Spagna sta morendo senza eredi. Le potenze europee già si contendono la preda, una guerra mondiale sta per scatenarsi e solo il Papa potrebbe scongiurarla. Il conclave alle porte è dunque il più importante degli ultimi secoli. E la partita si gioca a villa Spada. In una gara di astuzie incrociate, l'arma vincente sarà l'inganno. Gli autori infatti, con l'aiuto di periti grafologi, hanno smascherato la frode che ha disegnato il volto del mondo moderno: la falsificazione di un documento storico, finora creduto autentico.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Secretum 2016-07-20 05:41:04 Sydbar
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    20 Luglio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra palco e realtà

Siamo al secondo atto di quella che è una saga storica ben articolata e documentata dagli autori.
Lo sfondo questa volta è Roma ed il nostro protagonista, Atto Melani, invecchiato rispetto all'epoca del precedente Imprimatur, rimane una spia che attraverso un romanzo tra l'onirico ed il reale, è efficace riuscendo ad eludere i sovrani del mondo ed il lettore stesso, molto spiazzato nel finale. L'opera risulta molto più lenta della precedente ed in alcuni tratti quasi pesante. Atto rimane un personaggio intricato, sfuggente, simpatico e odioso allo stesso tempo. Complimenti agli autori che nei prosdimi capitoli della saga spero siano più leggerini con la scrittura rendendo tutto più scorrevole.
Promosso. Buona lettura a tutti.
Il Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Imprimatur
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Secretum 2016-02-22 12:58:44 Dany83
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Dany83 Opinione inserita da Dany83    22 Febbraio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

COS'E' CHE MUOVE IL MONDO

“ Il visitatore ignaro vi sostava ammirato innanzi ….le sue pupille stupefatte venivano allora solcate da una fulminante fuga di bastioni romani e mura merlate, che s’allungavano sulla destra verso l’orizzonte, emergendo improvvise dalla profondità delle loro millenarie, invisibili, sonnolente fondamenta. Le palpebre sbattevano rapide a quella vista inattesa e magniloquente, e il cuore pulsava forte. Tra tutte quelle delizie, generose di profumi e d’incanto, ogni cosa pareva nata per il piacere, e tutto era poesia. “

Benvenuti a Villa Spada, teatro di sontuose nozze e vili intrighi, spettatrice placida e silente di illustri eminenze di principi e di poveri sguatteri, di grandi verità e profondi inganni, dei bisbigli e delle grida che hanno plasmato la Storia, quella conosciuta e quella nascosta, di quel che si seppe e di ciò che non si seppe, o non si volle sapere….fino ad ora.
Diciassette anni dopo gli accadimenti del Donzello e i fatti narrati nel primo libro della saga (Imprimatur), i coniugi Monaldi e Sorti ci riportano nuovamente nella città eterna, questa volta non tra le mura di una locanda e negli spazi angusti dei cunicoli sotterranei, ma nella magnificenza barocca delle ville e dei palazzi della Roma del 1700, nell’anno del Giubileo. Ho ritrovato con grande piacere l’abate Melani, castrato di fama internazionale e spia del Re Cristianissimo Luigi XIV che, seppur incanutito e avvizzito nel corpo, conserva la sua agilità e arguzia mentale e di nuovo mi sono immersa con lui e i suoi compagni in questa nuova avventura, in questa nuova caccia al tesoro, alla ricerca della soluzione di un mistero che porterà a scoprire che nulla è come appare.
Un trattato di estrema importanza rubato, un Pontefice morente e il Re di Spagna in fin di vita senza eredi al trono sono i cardini su cui ruota questa storia. Cosa accomuna questi tre elementi? Quale nuovo mistero dovranno risolvere Atto e i suoi aiutanti? Di nuovo il lettore verrà trascinato in un turbine di eventi per scoprire dietro quale maschera si nasconde chi muove i fili della sorte d’Europa, alla ricerca della verità, ma la luce della verità è come quella di una fiammella tremolante al vento, crea giochi di ombre e luci bizzarri e non si sa mai cosa andrà ad illuminare quando splenderà.
Gli autori dimostrano nuovamente tutta la loro bravura nel fondere insieme la realtà e la fantasia, i fatti storici realmente avvenuti e tutti fedelmente documentati, completandoli con parti di invenzione per supplire alle lacune che la Storia lascia. La linea di demarcazione è impercettibile e se non ci fossero i documenti finali a far luce per il lettore sarebbe impossibile distinguere gli uni dagli altri. L’avvio è un po’ lento, le parti descrittive molte e a volte rallentano il ritmo, nonostante ciò non si può evitare di venire ammaliati da uno stile di scrittura così elegante ed evocativo, lo scoprire termini desueti che bussano alla porta della memoria o che si presentano per la prima volta, ma che perfettamente vestono l’ambientazione del romanzo. Leggere Secretum non è solo leggere un pregevole romanzo storico venato di giallo, è come ascoltare una sublime melodia che ti rapisce e ti da gioia. La passione che gli autori hanno messo nello scrivere questo romanzo, le meticolose ricerche, la cura dei dettagli e le superbe descrizioni traspaiono da ogni pagina di questo libro e per osmosi si trasmettono al lettore. Se chiudo gli occhi posso vedere lo splendore dei giardini delle ville romane, la moltitudine di fiori e piante, la cura amorevole che disegna le sagome delle aiuole, vedo la magnificenza dei palazzi dei loro affreschi custoditi tra i giochi di archi che formano le volte, vedo la maestria e l’ingegno dell’uomo a servizio dell’arte, se chiudo gli occhi sento il profumo dei pini e dei giaginti, di raffinati profumi francesi e di maleodoranti viandanti, se chiudo gli occhi sento il gusto di mille leccornie di sontuosi banchetti, se chiudo gli occhi sento il tocco leggero di pregiate stoffe scivolarmi sulla pelle. Quando li riapro non posso che esser grata alla lettura di un libro che a destato in me tutti i sensi, leggere libri come questo è puro piacere, garanzia di contenuto e stile.
Lasciatevi prendere per mano e condurre dagli autori tra magnifici palazzi ed estasianti giardini inseguendo un incognita e scoprirete che nella ricerca di una soluzione sul percorso scoprirete molte altre realtà. Un romanzo che, con una nota malinconica di fondo, ha la capacità di stuzzicare l’intelletto e nutrire lo spirito. Alla fine ogni il lettore trarrà le sue conclusioni su cos’è che muove il mondo, e badate, la risposta non è così scontata.


Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Lepanto nel cuore
La malalegna
Come vento cucito alla terra
La fortuna
La scelta
La tigre di Noto
L'alta fantasia
Le disobbedienti
L'amante del doge
L'inverno del pesco in fiore
Trema la notte
Il cielo sbagliato
La malinconia dei Crusich
Archimede. Il matematico che sfidò Roma
Di luce propria
La banda degli uomini