Narrativa italiana Romanzi storici Spartaco il gladiatore
 

Spartaco il gladiatore Spartaco il gladiatore

Spartaco il gladiatore

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nella scuola gladiatoria di Capua gli schiavi stanno preparando la rivolta: Spartaco ne è l'ideatore e altri duecento sono con lui. Mentre il nome del gladiatore ribelle e la leggenda delle sue gesta si diffondono per le strade di Roma, attorno alla sua figura si intrecciano i destini di tre personaggi. Decio, valoroso legionario condannato ingiustamente come traditore e reso schiavo, si trova al fianco di Spartaco fin dall'inizio, e sceglie di restare con lui battaglia dopo battaglia, sebbene sappia cosa significhi opporsi alla potenza di Roma. Claudia, giovane e bellissima nobile costretta a sposare un uomo arrogante e senza scrupoli, trova il coraggio di ascoltare l'amore che prova per lo schiavo Lucio, e si batte per affrancare alcune serve bambine. Floro infine, un giovane sempre più turbato dalla progressiva scoperta dei giochi di potere che si nascondono dietro al culto di Roma.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.7  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Spartaco il gladiatore 2015-12-01 11:45:57 Rebel Luck
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    01 Dicembre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Poesia e sangue.

Poesia e passione.
Sentimenti e dolore.
Rabbia e frustrazione.
Amore e odio.

La magnifica e grandiosa storia di Spartaco viene raccontata dall'autore con una passione interiore ed un linguaggio così poetico da lasciare senza fiato.
Un capolavoro di libro, che dovrebbe essere un romanzo storico, ma che ti entra nell'anima come una poesia.
Qui bisogna stendere il tappeto rosso e fare un'ovazione, un coro da stadio: Mauro Marcialis non ti conoscevo ma sei un grande!
Autori ben più conosciuti e famosi hanno cercato di rendere Spartaco il Trace, Spartaco lo schiavo, Spartaco il ribelle, reale, ma Mauro Marcialis riesce a farlo sentire nuovamente VIVO!
Amo Spartaco, la sua storia, il fascino ribelle del gladiatore che mette in ginocchio l'impero, la forza, l'energia, la grandezza, la leggenda, la giustizia crudele.
Questo romanzo gli rende giustizia, a distanza di secoli la giustizia arriva.
Tra queste pagine piene di sangue e dolore riassaporiamo un bisogno di libertà e giustizia da tempo sopito.
Prendiamo quindi le armi e moriamo per la nostra libertà, moriamo per la giustizia nostra e dei nostri amori, combattiamo per riavere ciò che per natura dovremmo naturalmente avere.
Grazie Mauro Marcialis per questo capolavoro che apre il cuore e sventra l'anima folgorando il pensiero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi legge.
Consigliato a chi vuole scrivere un romanzo storico.
Consigliato a chi ha voglia di spaccare tutto per riapropiarsi di ciò che gli spetta di diritto.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Spartaco il gladiatore 2014-05-09 19:53:50 Mr. A
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mr. A Opinione inserita da Mr. A    09 Mag, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo schiavo che sfidò l'impero

3 sono state le guerre servili che Roma ha dovuto tenere testa, la terza è stata quella capeggiata da Spartaco, detto "lo schiavo che sfidò l'impero"
3 sono i protagonisti di questo romanzo. Decio, ex legionario ingiustamente considerato un traditore, costretto alla fuga si unirà ai ribelli di Spartaco. Claudia una giovane patrizia Romana, innamorata del suo schiavo Lucio, sarà flagellata da un amore impossibile, costretta ad un matrimonio con un uomo violento Claudia dimenticherà cosa significa essere felice. Floro, un centurione al servizio di Roma, combatterà nelle legioni contro Spartaco.
Dai 3 personaggi partono 3 linee narrative, inizialmente indipendenti ma che nel corpo del volume daranno vita ad una ragnatela di avvenimenti dove il lettore rischia di perdersi e smarrire il filo del discorso.
In questo lo stile di Marcialis non aiuta affatto. utilizza frasi bravi ritmate da numerosi punti, che spezzano il filo narrativo (cosa che alla lunga può dare fastidio) lasciando il lettore un po col fiato sul collo,Tuttavia è un ottimo espediente per aumentare la solennità della discorso. A volte ci troviamo in un vero e proprio monologo interiore del personaggio, davanti al suo flusso di coscienza dove si capiscono i suoi pensieri e le sue opinioni.
Lungo tutto il volume troviamo una struttura che si ripete; Decio-Claudia-Floro-Intermezzo-Decio-Claudia-Floro-Intermezzo... Espediente che al lettore fa molto piacere, perchè permette di passare da una fazione all'altra (dall'esercito ribelle a quello romano) compresa la stessa Urbe dove la sua vita viene descritta meticolosamente tramite il capitolo di Claudia che mai lascerà Roma. Nell'intermezzo vien descritta a puntate, uno spettacolo gladiatorio in tutti i suoi dettagli (cruenti, molto duri).

Tanto di cappello all'autore per quanto riguarda la descrizione storiografica degli eventi e il contesto storico in cui sono inseriti. Nel romanzo sono presentati tutti i grandi generali che hanno affrontato Spartaco (Crasso, Pompeo,Gellio...) le legioni che hanno guidato, le battaglie che hanno affrontato (la battaglia contro Crisso sul Gargano,la costruzione del vallo da parte di Crasso ecc..). Trovano posto nel romanzo anche altri personaggi molto famosi come Giulio Cesare che al tempo era solo un tribuno.
La descrizone della vita in città è storicamente fedele, ma molto molto fredda e dura, forse Marcialis sotto questo punto di vista voleva proprio sottolineare la crudeltà che avevano i romani nei confronti degli schiavi.

Non c'è felicità per i 3 protagonisti,non c'è il futuro roseo che tanto mi aspettavo di trovare, sono ingabbiati in un mondo che odiano e che non gli appartiene. Questo romanzo mi ha colpito molto, ti lascia un alone d'ombra che attanaglia il cuore, forse la stessa ombra delle oltre 6000 croci, piantate lungo la via appia da Roma a Capua.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi storici su Roma
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Spartaco il gladiatore 2010-06-10 14:59:52 cartacciabianca
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cartacciabianca Opinione inserita da cartacciabianca    10 Giugno, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E meno male che io a Roma ci vivo!

Leggere questo romanzo è aprire un libro di storia a cubitali e apocalittici caratteri dark. Quando l'ho comprato mi sono chiesta cosa mi avesse realmente spinta all'acquisto, a parte le documentate vicende di Spartaco e una Roma Repubblicana su cui indagare. Le prime righe hanno catturato la mia attenzione per la cura nello sperimentare sensazioni, sentimenti e pensieri di personaggi affascinanti e una trama ben costruita. I dialoghi a "spruzzo" inseriti nel corso della narrazione in alcuni punti mi hanno un po' confusa, portandomi fuori strada assieme alle poche descrizioni. (Sono una che va a caccia dei più piccoli dettagli, una a cui piace immaginarsi scene e personaggi attraverso le parole dell'autore). M.Marcialis ricostruisce una Roma fedelmente storica, ma davvero troppo, troppo dura, sottolienando oltremodo la crudeltà della sua gente e del suo popolo con l'uso del presente narrativo. Ho voltato l'ultima pagina del libro con la mente piena di cultura, ma il cuore pesante.
Non consiglio la lettura, anche se tra le due avrei preferito una terza opzione che dice: "nì".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fiore di roccia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.6 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri