Storia di Tonle Storia di Tonle

Storia di Tonle

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La storia di Tonle Bintarn, contadino veneto, pastore, contrabbandiere ed eterno fuggiasco è l'odissea di un uomo che tra la fine dell'Ottocento e la Grande Guerra rimane coinvolto per caso nei grandi eventi della Storia e combatte una battaglia solitaria per la sopravvivenza sua e della civiltà cui sente di appartenere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Storia di Tonle 2015-02-24 20:22:35 catcarlo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    24 Febbraio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Storia di Tönle

La fine di un mondo com’era conosciuto fino a quel momento: una società che è rimasta simile a se stessa per qualche secolo viene spazzata via dall’improvvisa accelerata della storia che avviene a cavallo tra Diciannovesimo e Ventesimo secolo. E’ ben più di uno sfondo quello su cui si sviluppa la vicenda del protagonista in circa un cinquantennio che va dalla maturità alla morte: con i suoi aspetti positivi (la vicinanza, non solo fisica, della natura) e negativi (la miseria sempre in agguato), la vita quotidiana svolge a pieno titolo un ruolo centrale per molte pagine prima di essere sostituita dalla distruzione della stessa operata dalle bombe della prima guerra mondiale. Pastore e piccolo contrabbandiere, Tönle deve guadagnarsi da vivere all’estero in seguito a una scaramuccia con i finanzieri che gli è costata una condanna: si vede così costretto a una sorta di giro per un’Europa dai confini assai permeabili che ricompensa le fatiche anche dure, come il lavoro in miniera, con un insieme di conoscenze – pratiche, ma anche linguistiche e culturali – che lo arricchiscono aprendogli prospettive nuove. Il ritorno a casa è riservato all’inverno, quando nessuno lo va a cercare, la neve è alta e c’è un figlio nuovo che l’aspetta: solo un’amnistia gli restituisce la libertà di movimento quando ormai gli anni sono tanti e già si sta preparando la tempesta. Le profonde ferite portate dalla guerra sono fisiche e sociali: Tönle, ancora più vecchio, prova a far finta di nulla ma questo lo trascinerà a un nuova, ben più triste avventura lungo le strade del continente prima del definitivo ritorno a casa. In poco più di cento pagine, Rigoni Stern narra la sua piccola storia con il tono di chi sta raccontando una favola accanto al fuoco: impressione che nasce dalla piccola e toccante cornice dedicata a un amico scomparso e si rafforza per il tono tranquillo e avvolgente che viene utilizzato facendo risaltare un’economia di parole davvero encomiabile. Eppure non mancano le belle invenzioni – a partire dalla fulminante immagine del ciliegio sul tetto della casa del protagonista – che sanno rendere con estrema vividezza i panorami montani come gli interni contadini e caratterizzano i singoli personaggi: la stessa attenzione riservata ai dettagli o ai piccoli riti della vita contadina che vengono ricostruiti con cura e precisione. Così, malgrado le ‘partecipazioni straordinarie’ – Fritz Lang, Emilio Lussu, ma anche, attraverso una delle sue similitudini più belle, il padre Dante – e la conferma di un pacifismo senza compromessi, questo piccolo libro è soprattutto un omaggio dell’autore alla sua terra che però non manca di affascinare anche chi non l’ha mai conosciuta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La malalegna
Come vento cucito alla terra
La fortuna
La scelta
La tigre di Noto
L'alta fantasia
Le disobbedienti
L'amante del doge
L'inverno del pesco in fiore
Trema la notte
Il cielo sbagliato
La malinconia dei Crusich
Archimede. Il matematico che sfidò Roma
Di luce propria
La banda degli uomini
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio