Narrativa italiana Romanzi Le vite sghembe
 

Le vite sghembe Le vite sghembe

Le vite sghembe

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nell'era di Internet, in un mondo globale, tutto sembra a portata di mano. Eppure una schiera di giovani insegue le proprie vite senza mai raggiungerle. Poveri di speranze e opportunità cercano soluzioni individuali a un problema collettivo. Quella di Gillo sarà una guerra individuale. Un percorso ripido fatto di bivi, amori impervi e rabbie, tratti esposti, passioni in salita e dubbi. Catapultato verso un groviglio di vittorie e sconfitte sarà un funambolo sul gorgo perfido della precarietà. Giocata sul filo dell'ironia e della tragedia, Francesco Zanarini ci racconta una generazione con i suoi tic, i suoi pregi e le sue fughe, una generazione che ha molto da dire e tanto da raccontare.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le vite sghembe 2013-07-24 15:22:17 luvina
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
luvina Opinione inserita da luvina    24 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le vite sghembe

"Esiste una nuova, potente letteratura del lavoro ma non ha alle spalle la promozione del critico" Aldo Nove
Ecco, questo romanzo fa parte di questa letteratura nella quale giovani autori cercano di raccontare e spiegare il loro malessere. Perché "Le vite sghembe"? Perché due rette sghembe non necessariamente divergono ma non sono complanari, cioè insistono su piani differenti, come del resto le vite lavorative dei precari: su un piano quelli con i diritti, i contratti a tempo indeterminato, le ferie e le malattie pagate, su un altro la moltitudine di quelli che hanno contratti di tutti i tipi ma sempre a termine, senza garanzie, sottopagati, lavorano nello stesso posto, svolgono le stesse mansioni ma sono su piani differenti, rette sghembe appunto.
Il protagonista è Gillo, un ricercatore matematico precario, ma anche tutti i suoi amici (Elio Fuzzy Bianca Antonio Domenico) sono precari ed hanno vite precarie. Il precariato per tutti questi giovani è una condizione essenziale che influenza anche le loro vite sentimentali ed umane perché l'insicurezza e la desolazione corrodono le basi dei rapporti (anche Gillo verrà lasciato da Samoa come Bianca rimarrà sola a crescere il bambino).
Gillo però non è rassegnato, non accetta tutto passivamente ma tenta di ribellarsi a questo stato e cerca anche di coinvolgere altri, di aprirgli gli occhi, perché ha capito che soli non si va da nessuna parte (bella è la descrizione del corteo studentesco); scoprirà però che il problema è collettivo ma le soluzioni sono individuali, che si cerca di coltivare il proprio orto non accorgendosi che ci si isola tanto è vero che la frase più ricorrente dei suoi colleghi al call center è "fatti gli affari tuoi, non ti immischiare".
Gillo è sempre alle prese con una sensazione che poi pervade tutto il romanzo alla quale non sa dare un nome e altro non è che senso di vuoto. Questo senso di vuoto, di sconfitta, non abbandona il protagonista nemmeno quando decide di emigrare negli States perché comunque è un fallimento; Gillo, nonostante la sua combattività, nella partenza riconosce la mancanza di speranza, la tristezza per non aver potuto crearsi una vita degna di questo nome nel Paese in cui ha le sue radici e i suoi affetti.
Questo romanzo è scritto in maniera accattivante, con uno stile che cattura e a volte diverte come con la descrizione dei meeting aziendali (veri e propri lavaggi del cervello) con dialoghi inglesizzati al limite dell'assurdo. Questo è un libro coraggioso in tempi di accettazione passiva ma comunque l'autore non vuole insegnarci qualcosa ma semplicemente raccontare e darci tutti gli spunti per riflettere da soli su questa situazione che purtroppo ci tocca tutti da vicino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Aldo Nove "Mi chiamo Roberta, ho..."
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri