Narrativa straniera Fantascienza La lunga oscura pausa caffé dell'anima
 

La lunga oscura pausa caffé dell'anima La lunga oscura pausa caffé dell'anima

La lunga oscura pausa caffé dell'anima

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il secondo capitolo delle avventure del "detective olistico" Dirk Gently che si trova invischiato in un pericoloso intrigo internazionale. Tutto inizia in un aeroporto londinese con un misterioso personaggio che tenta di imbarcarsi sul volo per Oslo. Chi è? E cos'ha a che fare con l'esplosione in un impianto nucleare? L'effervescente fantasia di Adams trascina il lettore in un fantasmagorico viaggio tra le antiche divinità nordiche, Odino in testa, svelandogli i difficili legami familiari tra questi e Thor, il patto diabolico stretto con due ricchi signori inglesi, e quanto sia difficile essere immortale e non avere più nessuno che ti adori.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (3)
Contenuto 
 
2.3  (3)
Piacevolezza 
 
3.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La lunga oscura pausa caffé dell'anima 2021-04-03 15:33:37 Clangi89
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Clangi89 Opinione inserita da Clangi89    03 Aprile, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dei corrotti, aquile assassine e tocco inglese

Tutto ha inizio in un aeroporto nella coda al check destinazione Oslo. Un tizio che pare un armadio inizia a litigare con l'assistente: non ha il biglietto, non ha soldi né passaporto. La nostra protagonista, eroina pungente Sig.rina Kate, vuole partire per amore e abbandonare così la cupa Londra. Quel volo non lo prenderà mai, si sveglia in una stanza di ospedale dopo che in aeroporto, per cause misteriose, una esplosione ha distrutto tutto. Nessuna vittima, solo l'assistente suddetta è scomparsa. Ma ripeto è solo l'inizio, ci sarà poi l'arrivo del detective Olistico, Dirk Gently, una testa mozzata che gira a ritmo del giradischi, un distributore di coca cola che razzola, un martello volante e tante divinità nordiche a scombussolare la vita.
Il grande dio Odino anziano ama crogiolarsi al riparo di una casa di cura lussureggiante di bianchi lenzuoli ma il figlio Thor dio del tuono ha fatto casini per l'ennesima volta. La resa dei conti è vicina con destinazione di nuovo la Norvegia. In tutto ciò c'è anche un'aquila assassina che tormenta Gently senza farlo arrendere dalle ricerche.
I misteri da scoprire sono molti e le coincidenze non esistono. Lo humour di una penna a mio avviso sferzante e dissacrante può creare dipendenza. Tra le righe si legge del sarcasmo con minuti dettagli di una realtà ancora attuale. Gli dei vogliono essere mortali ed il noro mondo si intreccia con il nostro.
Terzo libro che leggo di Douglas, irriverente, un non senso che ha un filo saggiamente elaborato ad intrecciare la trama. Avevo voglia di fantasia, l'ho ottenuta alla grande. Che dire: Per me una recensione deve trasmettere l'emozione che le parole in un certo modo ordinate o disordinate del libro regalano, la trama è relativa all'attenzione riposta.
"Può darsi che non sia andato dove avevo intenzione di andare, ma penso di essere dove avevo bisogno di arrivare"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha già letto altri libri dello stesso autore
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lunga oscura pausa caffé dell'anima 2012-04-08 17:02:28 Danky
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Danky    08 Aprile, 2012

"intelligente e divertente"... ma quando mai!?

Con questo libro inauguro le letture di Douglas Adams. Non prediligo la fantascienza come genere letterario, ma la curiosità per questo celebre autore mi ha spinto ad acquistarne due volumi (uno è appunto La lunga oscura pausa caffè dell'anima mentre il secondo il più noto Guida galattica per gli autostoppisti), anche se credo che passerà del tempo prima che mi dedichi alla seconda lettura di questo perché sono rimasto abbastanza insoddisfatto.
Devo dire che i commenti delle varie testate giornalistiche stampati sulla copertina sono altamente fuorvianti; tanto per citarne qualcuno: "non c'è neppure un pizzico di buon senso ma fantasia, comicità e orrore strisciante", "intelligente e divertente", "deliziosamente bizzarro... ci sono pagine impossibili da leggere senza scoppiare in lunghe fragorose risate" (quest'ultimo è, a mio avviso, davvero enormemente esagerato, non ho mai neanche sorriso leggendo il libro...), "un'altra gemma preziosa sulla scintillante corona dell'umorismo di Adams". Insomma dai commenti stampati sulla copertina sembra un piccolo romanzo condito da humour e comicità, che personalmente non ho rinvenuto tra le pagine del libro neanche sforzandomi, inoltre la trama lascia a desiderare. Forse questo non è il mio genere ma di certo l'autore non si è impegnato particolarmente per venirmi incontro...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
44
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lunga oscura pausa caffé dell'anima 2011-12-02 14:18:30 Andrea Leonelli
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Andrea Leonelli Opinione inserita da Andrea Leonelli    02 Dicembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutto meno che indispensabile

Libro carino ma non indispensabile. Almeno a mio parere…
surreale come sempre la scrittura di Douglas Adams, a tratti anche divertente, ma questa storia sembra non aver lo smalto di agli scritti di Adams, quelli per cui effettivamente lo ricordiamo.

Una indagine (?) di Dirk Gently che si trova coinvolto anche in questa avventura in situazioni paradossali, ma senza la verve che uno si potrebbe aspettare. coinvolti oltre a lui le divinità nordiche ed una ragazza con una storia improbabile a priori quanto quella che la trova suo malgrado protagonista.

Giudizio lapidario: se ne poteva continuare a fare a meno.

Probabilmente un’ennesima operazione commerciale alla (sulla!) memoria di Douglas Adams

Andrea Leonelli

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Tutto il resto di Douglas Adams
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri