Narrativa straniera Fantascienza Le tre stimmate di Palmer Eldritch
 

Le tre stimmate di Palmer Eldritch Le tre stimmate di Palmer Eldritch

Le tre stimmate di Palmer Eldritch

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque... Droghe illegali, stimmate divine, tesi gnostiche, Barbie Dolls: Le tre stimmate di Palmer Eldritch è tutto questo e in più una grandiosa storia di invasione della Terra.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le tre stimmate di Palmer Eldritch 2016-10-09 19:55:16 Francesco.3.96
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Francesco.3.96 Opinione inserita da Francesco.3.96    09 Ottobre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Realtà o illusione?

Questo titolo ha un qualcosa di assurdo, intrigante ed affascinante. Premetto dicendo che non sono un esperto di fantascienza, ma che apprezzo particolarmente i generi distopici.

La prima cosa che balza all'occhio del lettore è lo stile dello scrittore, che colpisce per la facilità con cui ti attanaglia alle pagine dei suoi libri (per rendere l'idea mi sono passato per malato e sono uscito prima da scuola per finirlo). Però a discapito c'è anche da dire che non è di per se una grande scrittura, infatti potrebbe essere nettamente superiore e questo lascia quel leggero gusto amaro, perché sarebbe stata la ciliegina sulla torta. Tutto ciò nulla toglie alla piacevolezza della lettura delle sue opere, che sono come una droga.

In questo titolo ci troviamo ad affrontare una storia legata appunto a delle droghe, che vengono vendute da due aziende che controllano il mondo. Questo mondo è futuristico e presenta la Terra sotto una veste a noi sconoscita, ovvero ci troviamo in un ambiente alquanto inospitale e ciò porta gli uomini alla colonizzazione di altri pianeti, per poter continuare lo sviluppo.
Tutto ciò che in quel tempo è normale, viene del tutto scombussolato dall'entrata in commercio del Chew-Z, una nuova droga che permette di liberarsi del proprio corpo per poter vagare in altri universi, diventando ciò che si desidera. Chiaramente ciò crea una dipendenza in coloro che ne fanno uso e porta le persone ad una sorta di smarrimento d'identità.
Come già detto in precedenza da altri, questo libro è totalmente psichedelico e ciò impedisce il tracciamento di una trama ben precisa della storia. Tutto perde un senso e ci si ritrova a domandarsi:"Siamo nella realtà o questa e solamente un'illusione?"
Bene questa è la domanda che vi accompagnerà nella lettura di questo capolavoro.
In questo titolo potrete trovare moltissimi temi amalgamati alla perfezione che vi porteranno a forza dentro le pagine fino a farvi perdere qualsiasi punto di riferimento.

Un libro che ho apprezzato veramente tanto e che merita di essere letto. Lo consiglio a tutti coloro che sono curiosi, anche a quelli che non sono soliti in questo genere perché per esperienza personale, è alla portata di tutti.

Un'esperienza unica forse, che permette di immedesimarsi pienamente nei personaggi, grazie al senso di smarrimento che lo stesso lettore prova. Tutto ciò è una continua ricerca di risposte a interrrogativi che l'autore lascia aperti…e che in parte probabilmente non troverete nemmeno terminando il libro. Un'esperienza veramente straordinaria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri titoli dell'autore e a tutti coloro che sono curiosi di assaporare questo titolo stupendo
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le tre stimmate di Palmer Eldritch 2015-08-27 11:47:37 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    27 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ehi...qui si vende la vita eterna!

Da quando ho deciso di dedicarmi alla lettura del genere fantascientifico, poco tempo fa, questo è il secondo romanzo che leggo di Philip K. Dick dopo il mirabolante “Ubik”; la presente opera, a similitudine di “Ubik” la considero di livello straordinario.

In un mondo futuro non meglio definito la Terra ha colonizzato diversi pianeti e satelliti del sistema solare; in particolare Marte è preponderante come numero di coloni inviati, in maniera coatta, da un’istituzione mondiale riconosciuta globalmente che ha dei propri criteri finalizzati all’organizzazione, in varie sfaccettature, della vita e del destino della popolazione. Nel frattempo esistono due grosse società con a capo personaggi senza scrupoli il cui cinismo è magistrale, che, all’ombra di una certa facciata, producono delle particolari droghe psichedeliche tali da cambiare, anche se in maniera illusoria, la percezione della realtà per chi ne fa uso.

La trama è complessa giacché è sempre messa in dubbio su cosa sia veramente la realtà e cosa è illusione; gli effetti di un certo stupefacente, denominato Chew –Z, hanno la capacità di alterare completamente il mondo immanente procurando alla persona una illusoria (o forse no?) traslazione in altri infiniti universi e trasformazione in qualsivoglia elemento della natura animata o meno; è possibile inoltre viaggiare nel tempo e cambiare certe circostanze passate e/o modificare situazioni nel futuro. La mente ha una reazione quasi irreversibile tale che non può più distinguere il reale dall’illusorio; essa vaga in ampi e sperduti territori artificiali senza alcun punto di riferimento, dove si può incontrare se stesso e parlare con il proprio sosia o rappresentazione umana.

Dopo aver assunto tali sostanze, oltre alla forte dipendenza psichica, si subisce una devastante alterazione mentale per cui si ha la netta sensazione di non poter tornare indietro e vivere (qualora possibile chiamarla vita come da noi intesa) in maniera atemporale dove il trascorrere dei millenni è aleatorio, in spazi immensi e sconosciuti, immergendosi in situazioni di totale allucinazione e delirio.

Ma è veramente illusione? Che cosa distingue la realtà dalla pura immaginazione? La vita è limitata oppure è un continuo rinascere in un corpo da noi scelto sia esso una persona, un animale o un sasso in riva a un oceano?

Scienza, tecnologia, religione, filosofia e occulto convergono e si fondono in una sfera che gira su se stessa in modo vorticoso e dalla quale non si ha razionalità per valutarne le risultanze.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altre opere di Philip K. Dick
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le tre stimmate di Palmer Eldritch 2013-12-10 08:54:48 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    10 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Folle

“Le tre stimmate di Palmer Eldritch” è un romanzo psichedelico.
Se prima questo termine non mi era pienamente chiaro, dopo aver letto l’opera di Philip K. Dick posso definirlo come una fusione di almeno due termini: delirante e allucinatorio.
Il romanzo è ambientato nel “futuro secondo Dick”, un futuro scolorito, grigio, in cui tutto è andato in malora e la realtà è diventata un brutto incubo dal quale gli esseri umani cercano di fuggire.
L’umanità ha colonizzato altri pianeti ostili, in particolar modo Marte. Per i coloni l’unica via di fuga dalla vita triste e avvilente sul Pianeta Rosso è rappresentata dal Can-D, una droga commercializzata illegalmente dall’imprenditore Leo Bulero, utilizzata insieme a una specie di "casa di bambole", composta di oggetti miniaturizzati (mobili, auto o addirittura figure sociali come dottori o psicologi) che vanno a creare un ambiente simile al pianeta Terra ancora puro e incontaminato, nel quale i coloni vivono una vita spensierata, anche se illusoria e limitata al tempo in cui permane l'effetto della droga assunta.
Lo sconvolgimento si ha col ritorno sulla Terra di Palmer Eldritch, spietato imprenditore partito per un viaggio di affari verso Proxima Centauri. Non si sa chi sia tornato da quel viaggio, se Eldritch, o “qualcos’altro”. La sua figura è avvolta fin dall’inizio da un alone di mistero e malvagità, lo stesso Leo Bulero ne è fortemente intimorito. Nel tentativo di scoprire i piani del suo avversario riguardo la messa in commercio di una nuova droga misteriosa, il Chew-Z, si troverà costretto ad essere il primo a verificarne i devastanti effetti, rimanendo intrappolato in un mondo illusorio controllato dallo stesso Eldritch.
Philip K. Dick non brillerà certo per scrittura impeccabile, ma riesce a immergerti nel suo mondo, un mondo che vale la pena di esplorare e dal quale, una volta completata la lettura, non riesci a uscire immediatamente.
L’ho letto in tempo relativamente breve, ma non è da leggere tutto d’un fiato, bisogna fermarsi, rimuginare per un po’ su quello che si è letto, allo scopo di non rendere ancora più difficile seguire un libro già abbastanza complicato di per sé.
Infatti le “Stimmate” è uno di quei libri che non si possono capire appieno, non esiste una conoscenza assoluta della trama, delle vicende, dei temi. Non ha conclusione, ti lascia mille domande e ciò che l’autore scrive ha mille possibili interpretazioni. E’ caratterizzato da continui capovolgimenti di fronte, che provocano un cambiamento continuo dei punti di vista del lettore nei confronti delle situazioni e dei personaggi, in primo luogo nei confronti dell’inquietante figura di Palmer Eldritch.
Chi è Palmer Eldritch? Un invasore alieno atipico? Una divinità malvagia? O un semplice uomo?
Durante la lettura il mondo reale si mescola continuamente con il mondo fittizio creato dal Chew-Z, mi sono sentito perso, disorientato e avvilito come i protagonisti, incapace di distinguere realtà e illusione, ma alla fine ci si rende conto che non esiste una distinzione e Eldritch diventa dominatore incontrastato di entrambe, onnipresente, padrone del destino di chiunque entri nel suo dominio.
Il libro è un viaggio nella mente umana, intricata, delirante e volubile.
Palmer Eldritch ci dimostra che non importa se abbiamo perso tutto, non importa quanto ci possa sembrare brutta la realtà in cui viviamo, quando l’unica alternativa è la morte, è sempre meglio vivere.
Davvero un libro stupendo, forse anche meglio del capolavoro acclamato dello scrittore, Ubik.

« "Dio promette la vita eterna" disse Eldritch. "Io posso fare di meglio; posso metterla in commercio." »

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Philip K. Dick e soprattutto Ubik.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri