Narrativa straniera Fantasy Il nome del vento
 

Il nome del vento Il nome del vento

Il nome del vento

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Il nome del vento, di Patrick Rothfuss, è il primo volume della pianificata trilogia di fantasy epico The Kingkiller Chronicle/Le cronache dell’assassino del re, in arrivo in edizione economica. La storia - che è potente e “abitata” da personaggi vivi e pulsanti - racconta, in prima persona, di Kvothe, destinato a diventare un mago, un musicista e un assassino tra i più abili al mondo, poi sparito nel nulla. Si inizia col racconto - fatto in flashback dal protagonista a uno storico nel presente - della sua infanzia come membro di un gruppo itinerante di attori, maghi e musicisti che, dopo essere diventato orfano e rimasto solo, si trova costretto ad affrontare i pericoli della strada.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 13

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.6  (13)
Contenuto 
 
4.3  (13)
Piacevolezza 
 
4.7  (13)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il nome del vento 2016-09-07 21:30:55 Kvothe
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Kvothe Opinione inserita da Kvothe    07 Settembre, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LIUTO MAGISTRALIS

E' da tanto che volevo fare la recensione di questo libro e adesso è giunto il momento. Mi sono iscritto in questo sito per scrivere di questo libro . Ho inserito come mio nickname "Kvothe" in onore di questo libro e del fantastico personaggio. Ho detto troppe volte libro ah ok scusate. Basterebbe dire solo questo, per far capire quanto questo libro mi abbia lasciato un marchio indelebile. E invece no.


E' iniziato tutto in modo casuale. Appena finito le cronache del ghiaccio e del fuoco ero in astinenz..... ehm...... in cerca di un libro sullo stesso stile. Girovagando qua e là per internet ho trovato vari consigli su che libro scegliere, e la scelta ricadde nel "Il nome del Vento". Ancora non me ne rendevo conto, ignaro com’ ero allora, ma avevo appena scoperto una pepita d’ oro in un filone asciutto.


Iniziato il romanzo ero moderatamente in attesa, per capire, se il libro era buono o un flop. E’ un diesel inizia tranquillamente, ma dopo si riscalda e accidenti iniziai a sentire quel qualcosa, che ti fa capire che qui, si è davanti a qualcosa di veramente notevole e non di un semplice romanzo fantasy medievale, ma il ROMANZO FANTASY MEDIEVALE. Scorre via che è una bellezza, tenti di prenderlo ma lui vola via e in un batter d' occhio ti ritrovi a pensare ma voglio davvero che finisca? Ho pensato, me lo voglio godere piano piano lo sfoglio delicatamente di tanto in tanto e passo ore di buona lettura in compagnia di Kvothe. Resisto anche perchè ha scritto due libri, in 9 anni, come faccio poi mi ritrovo come con le cronache del ghiaccio e del fuoco. Avrò la stessa ansia? un nuovo Martin? NO! MAI! Resisto, ce la faccio, passano i giorni, ma un richiamo si fa sempre più insistente e pressante …… proviene dalla libreria, lo sento più nitido NO! NO! Evito, mi giro, mi tappo l'orecchie niente! Mi è entrato in testa quel soave liuto mi richiama come canto delle sirene irresistibile e CEDO! Cedo all'ipnotico suono e mi abbandono completamente, e quel suono prima assordante, roboante si distende in una eterea melodia. Ormai lo sento, la mia mente è completamente soggiogata. Leggendo, il suono cambia, la melodia diventa come la colonna sonora di un film, che mi accompagna lentamente e dolcemente fino alla fine. Con parole che si trasformano in musica trascritta su un pentagramma. Finito il libro resto un attimo attonito, stordito. Sono completamente assuefatto dalle emozioni mi distendo soddisfatto, mi assale una piccola tristezza come solo un libro bello sa fare. Mi riprendo, mi rallegro perchè so che mi aspetta il secondo libro “la paura del saggio”.

Chi è appassionato e, chi suona uno strumento capisce la straordinaria bellezza di quello che è riuscito a fare Rothfuss. Inserire la colonna sonora in un libro praticamente è il sogno nel cassetto di ogni scrittore, il romanzo perfetto.
Per tutto quello che mi ha fatto provare, lo ringrazio perchè ha tirato fuori dal cilindro un piccolo coniglio, nascosto nel doppio fondo del cappello, facendolo diventare con una magia una bellissima colomba. Il libro in sè per sé non è innovativo, tranne per alcune idee interessanti (Lo sviluppo della trama con Kvothe che racconta a cronista e la musica). Ma non è la trama ad avere dello straordinario, che è un mix di tutti i più famosi fantasy, ma è lo stile il fiore all’ occhiello che lascia strabiliati ed esterrefatti : per l' accuratezza delle parole, per l' impatto visivo che hai leggendole, per la ricerca pignola della parola perfetta da inserire al momento giusto per far provare una determinata emozione. La musica come ho detto è come se fosse lì con te ad accompagnarti dolcemente, per traghettarti nel magico mondo di Kvothe: rassicurandoti quando le cose volgono al peggio, per rallegrarti nei momenti tristi e per gioire nei momenti più belli. La trama non la scrivo, secondo me, per godervi a pieno il romanzo dovreste viverla momento per momento, scoperta dopo scoperta perchè signore e signori, questo libro non va letto. ma assaporato e degustato come un buon vino. Ascoltato, come un bel pezzo di musica classica, disteso sul letto a viaggiare venendo cullato da alti e bassi, entrando in sinergia con la stessa, come un unico essere indivisibile. Rischio di essere ripetitivo lo so, ma a me ha fatto questo effetto e spero, che proverete lo stesso vortice di emozioni anche voi.

L'unica cosa che posso (non è spoiler) "spolierarvi" della trama è la magia. Bellissimo come viene rappresentata la simpatia (magia "comune") in questo libro, mai avevo visto una cosa del genere; di solito descritta in altri libri come: inaccessibile, fortissima, abilità innata e limitata a pochi eletti (come per esempio Harry Potter; si c‘era un mondo pieno di maghi, ma come sempre esclusiva di pochi). Spiegata in maniera scientifica,razionale applicata da leggi della fisica, come se quasi, con la forza di volontà e lo studio c' è speranza per tutti. In questo modo Rothfuss me l’ha resa reale,.questo è un sogno ad occhi aperti, per chi, come me (vi sfido a dire il contrario), da bambino ha sognato di avere poteri magici e per questo dico grazie a Rothfuss.



PD: Si vede che Patrick ha passato tanto tempo con la creatura che ha creato, l’ha coccolata e perfezionata e risultati si vedono. L’unica nota amara è che è un scrittore molto lento, ( Martin fa scuola!!!! Mannaggia) però se questi sono i risultati sono contento di aspettare, forse chi lo sa, si velocizzerà con il tempo essendo solo uno scrittore DEBUTTANTE ( lo so incredibile vero), io incrocio le dita ma ci credo poco mi sembra che Martin gli fa veramente da modello visto che si conoscono. Mi dispiace della lunga recensione, per chi si appresta a leggere, io di solito non le digerisco, ma era tutto necessario per descrivere le emozioni scaturite da questo fantastico romanzo fantasy.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Martin - E chi come me si è da poco affacciato al fantasy
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il nome del vento 2014-08-24 20:31:22 F.Angeli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
F.Angeli Opinione inserita da F.Angeli    24 Agosto, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

BIOGRAFIA DI KVOTHE

A Patrick Rothfuss bisogna riconoscere un grande merito: è riuscito, con una trama piuttosto comune, a scrivere un libro davvero profondo e accattivante. Ovviamente all'inizio è stato rifiutato da tantissime case editrici, fortunatamente è stato poi pubblicato a seguito della vittoria del concorso Writers of the Future.

La trama ricorda in parte Harry Potter, in parte la saga del mago di Earthsea. Kvothe è un ragazzo che possiede, come Ged di Ursula K. Le Guin, un talento innato, e (mi permetto di fare una piccola anticipazione) rimane orfano come Harry Potter. La sua storia si verrà a sapere perché un individuo, denominato "Cronista" nel libro, verrà a cercarlo per chiedere di raccontargli le sue leggendarie avventure. Patrick Rothfuss dà vita a un'imponente personaggio, che vive ora tra le pericolose strade di Tarbean cercando di non morire di fame, ora nell'accademia dei maghi, dove eccelle e spadroneggia su tutti quanti. Si inizierà a intravedere una lenta "crescita" del personaggio, che nonostante tutto ciò che passa riesce a mantenere alta la testa. Non demorderà quando dovrà dormire sui tetti, quando rischierà di essere ucciso, quando rischierà di essere espulso. Kvothe è un personaggio molto forte caratterialmente, e forse anche un po' malvagio. Ci regala una storia davvero molto istruttiva, un'esperienza nelle conseguenze dell'arroganza e nelle ostilità degli invidiosi. E, infine, le esperienze con i primi amori, è davvero bellissimo leggere del potente Kvothe che soccombe agli occhi dolci di una ragazza. C'è un equilibrio pazzesco: tensione e emozione si amalgamano tra di loro in maniera superba. E la cosa che mi ha sorpreso di più è che il libro è scritto non bene, ma benissimo! Non so se è merito anche della traduzione, ma Rothfuss è davvero un maestro nel descrivere situazioni e personaggi, la personalità di Kvothe emerge in una maniera impeccabile quando racconta la sua vita al Cronista. Le figure retoriche che usa sono davvero ben studiate, e gli eventi stessi che accadono spesso sono fortemente simbolici, e non mancano comunque mai di coerenza col filo conduttore della trama.

In pochissimi libri fantasy ho riscontrato un livello così alto nella scrittura e nei contenuti, Il nome del vento è una vera e propria dimostrazione di talento e padronanza dello stile. Leggetelo, ci sono pochi fantasy di questo calibro in circolazione!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fantasy! Se si è amanti del genere non può mancare nella propria libreria. Tuttavia, non lo consiglio a chi si vuole avvicinare al genere, o a chi è alle prime esperienze con la lettura. La prima volta che avevo provato a leggerlo era qualche anno fa, ma l'avevo trovato davvero troppo lungo e prolisso. Rimase purtroppo abbandonato a metà, e per fortuna poi ripreso con grande entusiasmo.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il nome del vento 2014-01-29 12:53:41 Queen D
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Queen D Opinione inserita da Queen D    29 Gennaio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il silenzio e il grido di Kvothe

Mi sento di paragonare questo libro ad un bracciale d'oro pieno di pietre preziose, poste ad intervalli regolari una dall'altra, dove per oro intendo la trama e per gemme intendo i colpi di scena e i punti salienti che brillano grazie al nostro protagonista Kvothe, altrimenti conosciuto come Edema Ruh, Maedre, El'lir, Dulator, Shadicar, Ditoleggero, Seicorde, Kvothe il Senzasangue, Kvothe l'Arcano e Kvothe il Regicida.
Ogni gemma incastrata nella trama della sua vita e della storia ci chiarirà il motivo dell’assegnazione di ogni nomignolo e di come e perché è arrivato a conquistarlo. Da ciò potete dedurre che ne ha combinate veramente delle belle!
Ma chi è il nostro Kvothe? Di sicuro non il triste locandiere che si spaccia di essere, proprietario di una taverna in uno sperduto villaggio di una sperduta regione di uno sperduto regno di fattezze pseudo medievali. La sua monotonia e quella del suo aiutante Bast (anch'egli sotto "falsa copertura") viene spezzata dall'arrivo di Cronista, famoso scriba, che vuole raccogliere le memorie del grande, grandissimo, mitico, leggendario Kvothe, il quale, riluttante da principio, accetta poi di collaborare. Si dipana così, a partire dall’originale trovata di far raccontare al protagonista i propri ricordi, la storia della vita di Kvothe, straordinario artista di strada, la cui vita viene sconvolta da una tragedia che gli segnerà l’anima in modo irreversibile. Nell’ovattato dolore autoimposto alla sua mente, Kvothe, poco più che bambino, imparerà a combattere, a sopravvivere, ad arrangiarsi per non soccombere. E quando deciderà di far riaffiorare i ricordi tenuti sopiti per tanti anni, la sorda sofferenza verrà sostituita con un sentimento più bruciante: la rabbia e quindi la ferma volontà di vendicarsi, di uccidere chi gli ha portato via la sua infanzia e la sua dolce ingenuità.
Già arrivata a questo punto ho incontrato, nel mio cammino immaginario, tante piccole pietre preziose che definiscono il carattere di Kvothe, ma è il suo esame di ammissione all’Accademia, tempio della cultura e delle arti magiche, che ci pone davanti il primo vero diamante: fantastico, indimenticabile e assolutamente brillante.
Da questo punto in poi sarà tutto un crescendo: la sua musa Denna, il suo acerrimo e odioso nemico Ambrose, la prima lezione di Kvothe ai danni del Magister Hemme, il luminoso successo come artista, le canne del talento conquistate, i tentativi di ucciderlo sventati, la misteriosa bestia del fuoco blu e, ultima ma non ultima, l’acquisizione di un grande potere.
Il fatto poi che il racconto danzi tra passato e presente non fa altro che accentuare ulteriormente la voglia del lettore di saperne di più, soprattutto per merito di uno schema fisso che ho notato ripetersi costantemente: alla fine di ogni capitolo riguardante il passato, il racconto ( e da qui ne deduco l’abilità dell’autore) ci lascia con un punto interrogativo che ci spinge a leggere più in fretta, perché l’attrazione del lettore nei confronti della risoluzione del mistero diventa assolutamente irresistibile.
Inoltre il finale del libro si ricongiunge al suo inizio in un cerchio che si chiude così com’è iniziato: due liuti, due prepotenti, due reazioni diverse alla violenza. Non ci lascia con un colpo di scena sconvolgente, ma con tanti piccoli assaggi su quella che sarà la continuazione della storia.
Ho trovato incredibilmente affascinante il protagonista, con la sua arguzia, la sua lingua tagliente e il suo talento fuori dal comune: nonostante le difficoltà non perde la sua inventiva e anche quando sembra nei guai fino al collo non si arrende; ma soprattutto quando vince, e vince da vero eroe, non si gonfia d’orgoglio per gli applausi e la fama, ma rimane con i piedi ben piantati a terra, perché conosce il sapore della miseria e di quanto velocemente può tornare a farsi viva.
Ottimo il ritmo del racconto, le sue quasi 900 pagine scivolano via facilmente e personalmente non vedo l’ora di affrontare le altre 1000 pagine che mi aspettano sul comodino, perché già mi manca terribilmente il racconto delle avventure di Kvothe dai capelli rossi come il fuoco e dalla volontà ferrea che riesce a piegare al suo volere il vento.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il nome del vento 2013-07-25 13:02:01 Sam93
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sam93 Opinione inserita da Sam93    25 Luglio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Grazie, Rothfuss

Ho appena scoperto con grandissimo orrore di non aver ancora parlato di questo libro, nonostante l'abbia consigliato a chiunque conosca e ne abbia parlato per mesi.
Prima di qualunque cosa, vorrei ringraziare il tizio che lo stava leggendo (ancora un anno fa) nella sala d'aspetto dell'avis e che me l'ha consigliato. Mi è rimasto nel cuore, attualmente è il mio libro preferito, scalando la mia top10 già al secondo capitolo.
L'idea di fondo è diversa da quella del solito fantasy: il cronista intervista il locandiere Kote, che racconta le avventure di un se stesso più giovane e pieno di belle speranze. Il libro racconta la sua vita in prima persona, senza risparmiarsi dettagli.
Le emozioni sono il punto forte di questo libro: Rothfuss riesce a trasmetterne a iosa, tutte fortissime, che ti fanno tifare per questo fantastico personaggio. La storia è accattivante, coinvolgente e, come ho già detto, emozionante.

"Ho sottratto principesse a re dormienti nei tumuli.
Ho ridotto in cenere la città di Trebon.
Ho passato la notte con Felurian e me ne sono andato sia con la vita, sia con la sanità mentale.
Sono stato espulso dall’Accademia a un’età inferiore a quella in cui la maggior parte della gente viene ammessa.
Ho percorso alla luce della luna sentieri di cui altri temono di parlare durante il giorno.
Ho parlato a dèi, amato donne e scritto canzoni che fanno commuovere i menestrelli.
Potresti aver sentito parlare di me."

Solo da questo si può capire quanto è bello, scritto bene e dalle premesse magiche questo libro... Dai, quanto è scritto bene? Sembra che ogni parola sia stata pensata e soppesata per arrivare al perfetto equilibrio letterario e stilistico. Non importa se è fantasy: quest'uomo sa scrivere e io sono veramente felice di aver letto questo capolavoro.
Inoltre, un grande merito va anche al traduttore, che ha fatto un lavoro egregio con questo libro (dopo averlo letto in inglese, posso dire che già di per sè era scritto molto bene, ma la versione italiana è qualcosa di meraviglioso!).
Posso dire solo un'altra cosa: questo è quello che vorrei leggere sempre! Dunque, un enorme grazie a Patrick Rothfuss per aver donato al mondo questo capolavoro!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi piace il fantasy, anche se andrebbe consigliato a chiunque piaccia un libro scritto bene!
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il nome del vento 2012-11-13 15:40:04 McLennon
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
McLennon Opinione inserita da McLennon    13 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tante emozioni

Ho sempre storto il naso all'idea di leggere un libro fantasy, ma dai commenti e dalle recensioni su quest'opera e sul suo seguito (La Paura del Saggio) ho avuto l'impulso di leggerlo nonostante la mia perplessità sul genere e devo dire che è stata una lettura tra le più piacevoli e appassionanti.

Tante, troppe le emozioni che il libro trasmette...Rothfuss ha saputo sapientemente creare un mondo e ha avuto la capacità di renderlo pulsante, vivo, credibile..

La lettura, nonostante le settecento e passa pagine, scorre che è una meraviglia alternando le fasi al passato, che narrano la storia di Kvothe, il protagonista, a quelle del presente, della Locanda "La Pietra Miliare" dove egli stesso sta raccontando le sue eroiche gesta affinchè siano trasmesse in modo veritiero ai posteri.

I personaggi hanno una caratterizzazione molto marcata e alcuni sono veramente riusciti e non potrete non affezionarvici (parlo di Denna, Elodin, Simmon e Ari ma ce ne sono anche altri..) così come le località ed i luoghi che l'autore ci fa conoscere durante questa lunga avventura...sono tangibili e risultano reali e ci si sente catapultati fra quelle lande, quelle città, quell'Accademia.

Mi sento di consigliare vivamente la lettura di questo straordinario libro a chiunque, anche a chi come me non sembrava molto incline al genere, anzi, forse soprattutto a loro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il nome del vento 2012-08-09 12:13:25 Pelizzari
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    09 Agosto, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lettura in crescendo

E’ un fantasy, genere che non mi è congeniale, ma davvero bello, con una trama avvincente ed una scrittura scorrevole. Il protagonista è una figura che conquista, coinvolge ed entusiasma: in lui vediamo prima di tutto l’uomo e solo dopo l’eroe, è quindi un modo per introdurre lentamente al personaggio, creando sintonia con il lettore. E’ una storia che si sviluppa in crescendo, in alcuni punti è forse ridondante, in altri è denso, imponente, misterioso. Va letto secondo me lentamente, per poterlo apprezzare di più. Lo stile è particolare, passa frequentemente dalla prima alla terza persona. La trama incolla il lettore alle pagine. La narrazione è ricca di dettagli, aspetto che rende queste pagine vive.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il nome del vento 2012-06-29 12:12:25 Mephixto
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mephixto Opinione inserita da Mephixto    29 Giugno, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bello ma nulla piu

E un po che devo scrivere questo parere, e sono combattuato vediamo cosa ne esce ...
Il libro e la storia in se, sono accattivanti, anche se, non so per quale ragione, mi ha ricordato Harry potter versione per adulti condito con oliver twist ... si c'è un po di tutto amore, magia, avventura, eroismo, un pizzico di drammaticità e un mondo vero nei suoi dettagli ma, non so forse saranno le 70 pagine dedicate al "drago" o il continuo spiegare il concetto di simpatia, o forse il fatto che non ero io probabilmente in sintonia con il genere in quel momento, ma posso dire che non lo trovo il nuovo Tolkien come qualcuno ha azzardato.
L'ho torvato attraente a tratti, coinvolgente a sprazzi, si fa leggere con semplicità e la fantasia esposiva del autore si sente, però non lo ritengo un must, un buon libro questo si ma nulla d'eccezionale..
Purtroppo quando si parla di fantasy ho quelle due o tre icone che ormai sono punto di riferimento, e ritengo che qesto autore debba ancora cresscere molto.
Ho trovato invece geniale il flashback narrativo che conduce il lettore attraverso le vicende passate del protagonista.
Quindi a conti fatti, il nome del vento è secondo me un buon libro, ma ancora lungi da essere un capolavoro o una pietra miliare della narrativa Fantasy

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fantasy
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il nome del vento 2012-05-21 11:25:16 sabrinat2601
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
sabrinat2601 Opinione inserita da sabrinat2601    21 Mag, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un jot per un pensiero

Affascinata! Un fantasy di oltre 700 pagine fulminato in poco tempo.
Un romanzo intelligente, avventuroso, cinico al punto giusto, istruttivo, emozionante, magico, ricco di melodia e colori. Insomma in una parola imperdibile!
E' la storia in flashback raccontata in prima persona da Kote, un locandiere dall'età indefinita, che narra ad uno scriba la verità autobriografica dell'eroe leggendario che tutti in qualsiasi regno conoscono, ma che per proteggersi ha dovuto comprare e gestire una locanda: Kvote.
Rievoca il suo passato: da giovanissimo girovago tra i carri di Edema Ruh, a orfano senzatetto costretto a mendicare e rubare cibo, passando per illuminato ed indisciplinato studente dell'Accademia, grandissimo musicista ed infine eroe ed uccisore di draghi.
Con lui impareremo cosa sia la "simpatia", come si possa evocare il fuoco, come camminare a piedi scalzi sui tetti, le tecniche di accoppiamento del dracuus comune, ma anche le varie tecniche di borseggio, come sfuggire ad un inseguitore, i primi passi dell'innamoramento e come con astuzia ed arguzia si possa sopravvivere.

Consiglio vivamente questo capolavoro a chiunque riesca ancora ad usare l'immaginazione e non abbia paura a lasciarsi trasportare in un'avventura fantastica.



Una lettura affascinante, intensa...il sig. Rothfuss ha creato un mondo ineccepibile, una storia che rimarrà nella storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il nome del vento 2012-03-26 15:32:59 rondinella
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    26 Marzo, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che la storia abbia inizio!

Dopo aver letto questo libro posso ancora sperare che il fantasy riesca sempre ad emozionarmi. Mi basterebbe ciò per commentare questo libro, ma a beneficio di chi resta ancora scettico aggiungerò qualcos'altro.

Anno indefinito, medioevo fantastico, Pietra Miliare: l'uomo dietro al bancone, dagli incredibili capelli rossi, passa il suo tempo servendo i rari avventori della sua locanda; la sua nuova vita scorre monotona finché, quasi per caso, un raccoglitore di storie lo convince a raccontare al sua vita vissuta... e questa è un'altra storia.

Ecco brevemente il riassunto di queste magiche pagine. Sembra noioso? Non lo è affatto, perché la vera storia sta nei ricordi, e se volete conoscerla non vi resta che leggerlo.

Il mio voto al libro parla da sé: ottimo in tutti i campi, senza una virgola fuori posto e che si fa leggere volentieri.
Scrittura scorrevole, senza insormontabili ingarbugliamenti, tiene col fiato sospeso dove serve e quando serve, così da non far mai desistere il lettore, ma tenendolo piacevolmente incollato alle pagine; lessico adeguato, pertinente, facile ma non banale, anche se devo ammettere che certi termini di luoghi o alcuni nomi non mi sono piaciuti (ma sono gusti personali, e la maggior parte delle scelte sarà stata fatta dai traduttori italiani).
Paesaggi stupendi, magari anche nella loro 'ordinarietà', ben descritti senza perdersi in inutili divagazioni.
E i personaggi unici, dotati di vita propria e di tutti i pregi e i difetti di un normale essere umano, rimangono nel cuore. e, qualche volta, danno anche un semplice lezione di vita.

In conclusione, un gran bel fantasy con ampi tratti originali, di carattere 'fresco' e accattivante, coinvolgente e indimenticabile.
Consigliatissimo per gli appassionati del genere. Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fantasy
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il nome del vento 2012-03-19 09:54:27 aeglos
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
aeglos Opinione inserita da aeglos    19 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN MONDO FANTASY ECCELENTE!

Un vero capolavoro del fantasy!Ecco cosè questo libro!
Insieme al protagonista ho viaggiato, ho camminato a piedi nudi sui tetti,
ho conosciuto persone affascinanti, sono entrata a far parte del’Accademia,
ho suonato il liuto e ho potuto vedere un vero drago!
Le descrizioni e la storia sono scritte talmente bene, in modo cosi scorrevole, che
sembra di viverle in prima persona! E il finale è apertissimo, chiaramente c’è il continuo che
spero di leggere molto presto...Quante domande lasciate in sospeso....
Libro consigliatissimo ache a chi, come me, s’inoltra nel mondo fantasy!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fantasy
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri