Narrativa straniera Letteratura rosa Il ristorante degli chef innamorati
 

Il ristorante degli chef innamorati Il ristorante degli chef innamorati

Il ristorante degli chef innamorati

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Il ristorante degli chef innamorati, romanzo di Ben Bennett edito da Fabbri. La scoperta di una ricetta segreta può trasformare un sogno in realtà. E fare spazio a un amore che sembrava impossibile.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ristorante degli chef innamorati 2012-08-25 12:39:19 ombraluce
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ombraluce Opinione inserita da ombraluce    25 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il libricino dei lettori annoiati

Incuriosita dal titolo e dall'accattivante ricetta riportata in copertina, ho acquistato il libro, che era anche in appetibile sconto. Ecco, la parte più appetibile è stata proprio questa, il prezzo irrisorio... perchè, per il resto, sono arrivata alla fine solo per pura forza di volontà. In questa storia non ho trovato trasporto: dall'inizio alla fine uno sbiadito tentativo di avvicinare il lettore ai sentimenti intimi di Jacques, maldestro e impacciato vedovo da sette anni (nonostante l'appoggio e la fiducia degli amici e un magnifico locale che sta mandando alla rovina), col risultato di farmelo diventare sempre più antipatico... poi l'incontro con la mitica Chaterine, che dovrebbe rappresentare il colpo di scena del romanzo, ma in realtà si capisce come va a finire molto prima che lo capiscano loro. E tutto senza nessuna sorpresa, nessun ostacolo (se si eccettua la pateticità di certe scene "culinarie" veramente banali) e nessun phatos duramte la lettura. Un vero "piattume", che fa accogliere con sollievo la parola "fine" ! Non consiglio la lettura neanche sotto l'ombrellone, niente a che vedere con "La scuola degli ingredienti segreti" di E. Bauermeister... Forse cercavo la stessa atmosfera, ma stavolta non sono stata così fortunata...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il ristorante degli chef innamorati 2012-08-11 13:28:38 tiiziana
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da tiiziana    11 Agosto, 2012

Il ricettario dell'amore

"Così andava la vita: era una ruota che girava, una sequenza di alti e bassi che, al momento, aveva raggiunto il punto più basso. Jaques non nutriva la benchè minima speranza che la ruota potesse riprendere a girare nel verso giusto. Ma la cosa non gli importava, ormai! Non gli restava che aspettare e prima o poi avrebbe raggiunto il suo amore. E tanto meglio prima che poi." E' questo il punto di vista di Jaques il protagonista del romanzo che vive il dramma psicosomatico dell'amore perduto, la "sindrome del cuore spezzato." E' un brontolone intristito ed incupito. Il ricordo della moglie Elli lo avvolge e lo lega al passato. Sono ricordi "dolci come le fragoline caramellate di cui ancora entiva il sapore sulla lingua e così infinitamente tristi come la ciotola vuota che aveva infilato nella lavastoviglie dopo l'ultimo cucchiaio di mousse." Lo stile narrativo del romanzo ricorda quello della poesia di Gozzano: " le cose buone di pessimo gusto" e la sua signorina Felicita dagli "occhi azzurri color di stoviglia." Il mondo dei ricordi di Jacques viene però sconvolto dall'arrivo inaspettato di Chatherine: "era giovane, almeno rispetto a lui. Anche perchè lui si sentiva molto più vecchio della sua età, svuotato, privo di energie. Lei al contrario trasmetteva una forza incredibile, calore e fiducia , anche in quel momento, mentre lo osserva con lo sguardo triste di chi è stato abbandonato dal proprio compagno e ne è ancora innamorato." Saranno la magia dell'amore, la complicità di un amico ed un vecchio ricettario trovato in soffitta, a guidare i due protagonisti verso la svolta tanto attesa ma sempre rimandata. L'epilogo, forse troppo scontato, rinnova il sottile ottimismo che si nasconde tra le pagine del romanzo. L'ottimismo di chi ama la vita nonostante i dolori, l'ottimismo di chi sfida la vita lasciandosi guidare solo dal suo cuore. E' un romanzo leggero, senza troppe pretese, da leggere sotto l'ombrellone aspettando la svolta nella pagina successiva!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
S. Bambaren
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri