Una sirena a Parigi Una sirena a Parigi

Una sirena a Parigi

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Una pioggia ininterrotta si abbatte su Parigi. È giugno del 2016 e la Senna è in piena; un'atmosfera apocalittica e surreale avvolge la città. I dispersi sono sempre più numerosi e il fiume trascina oggetti di ogni tipo. D'un tratto, un canto ammaliante e misterioso attira l'attenzione di Gaspard Snow che, incredulo, sotto un ponte scopre il corpo ferito e quasi esanime di una sirena. Decide di portarla a casa per prendersene cura e guarirla, ma ben presto tutto si rivela più complicato di quanto non sembri. La creatura gli spiega che chiunque ascolti la sua voce si innamora di lei perdutamente fino a morire, e nemmeno chi come Gaspard si crede immune all'amore può sfuggirle. Inoltre, come può un essere marino vivere a lungo lontano dall'oceano? Gaspard non si dà per vinto e trova nell'ingegno, nell'estro e nel potere dell'immaginazione gli strumenti per affrontare questa mirabile avventura e difendere un altro grande sogno: salvare il Flowerburger, il suo locale a bordo di un'imbarcazione, un regno di musica, arte e libera espressione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una sirena a Parigi 2021-01-15 10:05:57 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    15 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gaspard e Lula

«Essere un sognatore da combattimento, vivere a pieno ritmo per non sprecare nemmeno un briciolo di secondo. Smania da stella cadente. Aveva una sensibilità più spiccata degli altri. Poteva essere al tempo stesso l’uomo più felice e più triste del mondo. “Troppo” era la sua via di mezzo. Burn-in per evitare il burn-out.»

Quella pioggia che si abbatte su Parigi non risparmia alcuno. L’atmosfera sembra quasi essere apocalittica tanto la Senna è in piena e l’atmosfera surreale. Il numero dei dispersi sale sempre più, eppure, Gaspard Snow mai si sarebbe immaginato di incontrare lei tra tutti quegli oggetti trascinati dalla corrente e le anime in cerca dei propri cari; una sirena. È ferita, non sa che fare. Il suo canto è ammaliante tuttavia, almeno in principio, su di lui non sembra avere effetto. Deve aiutarla, ma come? Portarla al pronto soccorso? E poi? Dopo questa prima tappa ricoverarla a casa? Alloggiarla tra le sue mura, in quella vasca di salvataggio e in compagnia del suo amico felino Johnny Cash dal manto nero e gli occhi gialli? Con quell’amico che silente sembrava esser dotato di parola? Con quell’amico che aveva preso il posto di Carolina nel suo petto? Perché Gaspard ha il cuore spezzato, non è più capace di amare.

«C’era un’unica differenza: in quel mausoleo Gaspard doveva affrontare il fantasma di una persona viva.»

Da quando la relazione con la donna è giunta al termine egli ha infatti chiuso il suo cuore, il suo cuore è già stato spaccato. Ecco perché pensa che il canto della sirena non abbia effetto su di lui, che non possa in alcun modo ferirlo. Il suo nome è Lula ed è una creatura misteriosa e affascinante del quale ben presto si invaghisce e che desidera proteggere. A prescindere da tutti i problemi, a prescindere da tutto. Deve ricondurla all’acqua prima che siano trascorse due albe altrimenti sarà la fine, non ci sarà più scampo. Ma come separarsi da lei?

«Si dice che gli sbadati abbiano la testa fra le nuvole, ma a volte lui si perdeva fra i ghiacci di Plutone, e dopo la fine della sua storia d’amore trascorreva sempre più tempo lassù.»

Con uno stile narrativo dai toni fiabeschi e leggeri, Mathias Malzieu fa destinatari i suoi lettori di un titolo di facile lettura che non mancherà di conquistare il cuore dei romantici e dei sognatori. Tra queste pagine c’è tutto, dall’amore, alla favola, alla fantasia, al lieto fine. Il titolo giunge a conclusione in tempi brevi, è consigliato a chi cerca un libro con il quale trascorrere qualche ora lieta e con il quale staccare dalla realtà.
Vi lascio qualche citazione.

«Non lasciarsi abbattere. Imparare a ricominciare. Riprendere lo slancio.»

«Saccheggiava i ricordi, si riempiva dell’ultimo luogo in cui aveva visto Lula. Scrutava l’orizzonte. Da sempre vedeva ciò che credeva anziché credere in ciò che vedeva. Allora aspettava impaziente un cenno da parte di Lula.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri