Narrativa straniera Letteratura rosa L'ereditiera americana
 

L'ereditiera americana L'ereditiera americana

L'ereditiera americana

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di L'ereditiera americana, romanzo di Daisy Goodwin edito da Sonzogno. Siamo nei mitici anni Novanta del diciannovesimo secolo. Per la sera del ballo in maschera di Cora Cash niente è stato lasciato al caso. Splendida, determinata e scandalosamente ricca, Cora è quanto di più simile a una principessa si possa trovare nell'alta società newyorkese. Sua madre ha architettato per lei un debutto che promette di essere il più svafillante del decennio. Subito dopo il ballo, Cora andrà in Europa, con l'implacabile madre a farle da scorta, per procacciarsi un titolo nobiliare. L'Inghilterra pullula di aristocratici caduti in disgrazia che fanno la fila per corteggiare le ereditiere americane, senza badare all'origine a volte umile del loro patrimonio. Cora appare immediatamente meravigliosa agli occhi della società inglese. Ma l'aristocrazia è un reame pieno di regole arcane e di trappole, dove non è facile trovare chi accolga a braccia aperte una straniera facoltosa. Quando s'innamora perdutamente di un uomo che conosce appena, Cora si rende immediatamente conto di prendere ormai parte a un gioco che non capisce fino in fondo. E dovrà fare in fretta per armare il proprio candore con un pizzico di malizia, che la trasformerà dall'ereditiera ricca e viziata di un tempo in una donna dal carattere forte e risoluto. L'appassionante romanzo d'esordio di Daisy Goodwin infonde nuova vita nella classica trama sentimentale basata sull'intreccio tra personaggi del Vecchio e del Nuovo Mondo.

Daisy Goodwin ha studiato a Cambridge e vive a Londra. E' produttrice di programmi televisivi e ha curato numerose antologie di poesia. Scrive regolarmente per "The Sunday Times". E' sposata e ha due figlie. Con L'ereditiera americana, il suo romanzo d'esordio, ha conquistato il pubblico inglese e quello degli Stati Uniti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ereditiera americana 2013-08-24 09:21:54 Skippy
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Skippy Opinione inserita da Skippy    24 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E vissero felici e contenti?

Prima di iniziare questo libro mi aspettavo la classica storia d'amore con balli e corteggiamenti che si sarebbero conclusi nel solito bel matrimonio... E invece già al terzo capitolo la bella ereditiera trova il bel conte e se lo sposa. Per giunta lei è anche innamorata! Ma è proprio qui che incomincia il bello... Cosa succede dopo il lieto fine del matrimonio? Un romanzo davvero atipico che mostra la protagonista Cora alle prese con una società inglese che non la accetta e la giudica e con un marito dal passato poco chiaro. Per lei l'inizio di questo rapporto diventa una vera lotta per farsi accettare sia dagli inglesi che dal marito, che a quanto pare fa fatica a star dietro all'esuberanza della moglie. La storia d'amore si intreccia perfettamente con la descrizione degli ambienti e della società dell'epoca, in un periodo storico in cui il nuovo e vecchio mondo dovevano imparare q conoscersi e convivere. Se volete leggere un romanzo rosa diverso dal solito allora questo fa per voi!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ereditiera americana 2013-06-19 09:20:50 Amarilli73
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    19 Giugno, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nobildonne del nuovo mondo

Finalmente un bel romanzone di costume, splendidamente scritto (e tradotto), ambientato tra le magioni opulente dell’élite rampante americana (i cosiddetti “nuovi ricchi”) e le dimore secolari, diroccate e abbastanza polverose, della vecchia aristocrazia inglese, tra il nuovo snobismo e razzismo degli arrampicatori d’oltremanica e la tradizionale “puzza sotto il naso” e antipatia dei lord decaduti.

Nel 1893, armate di una guida dedicata ai rampolli inglesi da impalmare, Cora Cash e la sua ambiziosissima madre giungono a Londra per trovare un marito degno della più famosa tra le milionarie americane, una “principessa” di fatto, a cui manca solo il titolo. E il duca di Wareham, con i suoi silenzi e la sua gentilezza, sembra essere la preda più adatta.

Ma questa non è una storia d’amore. Anzi. Direi che l’amore, qui, è solo un alibi per perdersi tra organizzazioni di balli e regole di condotta per i banchetti, tra pettegolezzi nelle stanze della servitù e lezioni di galateo per giovani duchesse che non vogliono rovinarsi la reputazione, in una carrellata di scene corali, a volte malinconiche a volte gustose, che mi hanno fatto ricordare certe atmosfere molto molto inglesi dei film di James Ivory.

Cora non è solo americana (orribile difetto per una neo-duchessa), ma anche meravigliosamente vestita, indecentemente ricca e solo sporadicamente deferente, ovvero una vittima predestinata per intrighi e malelingue della vera nobiltà: la viziata principessina dovrà rendersi conto ben presto che il suo duca, dietro tanta educazione, è anche un uomo profondamente orgoglioso delle proprie tradizioni e al contempo oppresso da molti segreti familiari.
Il titolo tanto agognato, a volte, può avere un prezzo inaspettato. E non solo in denaro.

Se amate la tradizione che va da Jane Austen a Edith Wharton, lettura caldamente consigliata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
L'età dell'innocenza
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ereditiera americana 2013-05-31 15:32:59 Adenina
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Adenina Opinione inserita da Adenina    31 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo rosa atipico

Una delle scelte che piu` mi ha colpita dell'autrice e` stata quella di dare un nome cosi` indicativo alla protagonista del libro. Cora e` la figlia avvenente dei signori Cash, un' ereditiera priva di nobili natali che finira`, spinta dalle necessita` materne, per attraversare l’Oceano. Qui incontrera` ed accidentalmente si innamorera` di un giovane duca privo di mezzi, un uomo misterioso e tormentato che decidera` di prenderla in moglie.
Il cognome di Cora, Cash, che di fatto si puo` tradurre con "contante", e` l'esplicita, quanto cruda identificazione del soggetto con il denaro. In questo libro tutto gira intorno al soldo, alla ricchezza e anche, in senso diametralmente opposto, alla sua mancanza. Cora non e` in realta` la vera o, meglio, la sola protagonista della storia. Anche la sua cameriera potebbe assurgere al medesimo ruolo, poiche` le loro vicende hanno uguale spazio e identica intensita` narrativa. Le loro storie sono come parallele che si uniscono all'infinito e, nella fattispecie, e` un sentimento specifico (che non vi svelero`) a permetterne, sul finale, la congiunzione. In realta`, ci sono diversi e inevitabili punti di contatto tra le due figure. Le loro vite si intrecciano di continuo: alle volte si tratta solo di un' unione concettuale (ricchezza e poverta` o forza e debolezza), altre di una vera e naturale interazione fisica. Il vero protagonista, per me, rimane sempre e comunque il denaro. In questo libro e` la forza motrice. La madre di Cora e`, per esempio, la massima espressione della donna che guarda egoisticamente solo al proprio prestigio economico e sociale. Le sue scelte sono il frutto della ricerca spasmodica dell'obiettivo prefissato, incurante del benessere di chiunque (persino della propria figlia). La signora Cash e` cosi parossisticamente concentrata sul proprio obiettivo che, spesso, la cieca ricerca diventera` causa del suo stesso male. Ma a lei, in realta`, poco importa: come un generale si rialzera` e marcera` imperterrita verso la meta. E` certamente una delle figure meglio caratterizzate. Il denaro pare dettare anche le scelte dei due uomini che fanno parte della vita di Cora. L'amico di gioventu`, quello che rinuncia a lei perche`, per sua stessa ammissione, spaventato dal suo ingente patrimonio e il duca inglese che la sposa, forse, solo per interesse economico. Fa da cornice al mondo privilegiato dei ricchi un substrato di poveri lavoratori (la cameriera sopracitata ne e` un esempio) non meno vittima -anche se in senso diverso- del soldo.
Tutte le figure del libro sono ben caratterizzate. Si muovono in un valzer di intrighi, misteri e segreti sottaciuti creando l’intreccio che e` caratteristico di questo romanzo. Tutto e` diverso da come appare.
Il romanzo si sviluppa in due parti. La prima si snoda sullo scenario del Nuovo Mondo, copia tutt’altro che fedele di quello vecchio, l’Inghilterra. Qui osserviamo una nobilta` economicamente e moralmente decadente. Ancorata in tutto e per tutto alle tradizioni stantie del passato. La nobilta` americana si agita invece alla ricerca di una nuova identita` basata sulla meritocrazia, ma non del tutto capace di staccarsi dalla madre Inghilterra. Vi getta pero` di frequente l’occhio alla ricerca di autentica approvazione. La nuova ricchezza, basata sul commercio, si scontra cosi con la poverta` di nobili natali. Il nuovo e il vecchio sono accomunati da una certa dose di cinismo e d’egoismo. Il viaggio che portera` Cora alla ricerca di un marito nel Vecchio Mondo e` emblema di quella rottura interiore che la condurra` alla perdita` dell’egocentrismo e delle vanitose sicurezze e alla conquista di una piu` moderata e razionale coscienza della proprio posto nel mondo. Nonostante tutto Cora e` un personaggio forte, indipendente e sapra` in qualche modo reggere all’impatto. Piu` sfuggente ed etereo, anche se tutt’altro che irrilevante, e` invece il personaggio del duca, i cui misteri verranno svelati, solo in parte, sul finale.
“L’ereditiera americana” non e` il classico romanzo rosa. L’amore ha un piccolo spazio nella narrazione, ma non e` attore principale.
Ci sarebbero tante altre piccole cose da dire, ma mi fermo qui perche` non so come ficcarle nel discorso. Mi scuso per gli accenti, ma ho una tastiera.. americana :)

Nota:
Esiste il blocco del recensore? In fondo il recensore e` quasi uno scrittore...
Beh, non e` propriamente vero. Supposto che quella del sapere scrivere bene sia una qualita` che appartiene ad entrambe le categorie, immagino che cio` che principalmente ne sancisce la differenza e` il rapporto di dipendenza. Il recensore non esiste senza lo scrittore. Le altre qualita` possono appartenere, indifferentemente, all'una o all'altra categoria (anche se, per amor del vero, bisogna sottolineare che il recensore tende generalmente ad una scrittura piu analitica che creativa). Quindi, tornando al principio e ammettendo che puo` esistere, per estensione, un blocco del recensore, devo ammettere che, pur non entrando realmente nella categoria del recensore, sono stata in pieno blocco. Avevo un sacco di cose da dire, ma non sapevo come gettarle su carta o, meglio, su Word. Mi pare di ricordare, pero`, che il blocco dello scrittore sia leggermente diverso e che denunci una momentanea assenza di idee. Ad ogni modo non importa: questa noiosa nota voleva solo scusarmi con voi per non essere stata del tutto lineare nella mia dissertazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri