Narrativa straniera Letteratura rosa La lista dei desideri dimenticati
 

La lista dei desideri dimenticati La lista dei desideri dimenticati

La lista dei desideri dimenticati

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di La lista dei desideri dimenticati, romanzo di Robin Gold edito da Garzanti. Ricordi i tuoi sogni di bambina? Clara da piccola ha scritto una lista per non dimenticarne nessuno. Nuotare con i delfini, trovare una cura per gli attacchi cardiaci, diventare insegnante, prendere un cucciolo, imparare l'alfabeto Morse, trovare il vero amore… Una lista dimenticata che Clara credeva di aver perso, ma che adesso stringe tra le mani per la prima volta dopo anni. Gliel'ha spedita la sua maestra delle elementari, è stata lei a custodirla per tutto questo tempo. Adesso che Clara ha perduto tutto, quei piccoli sogni sono l'unica àncora a cui aggrapparsi anche se sembrano impossibili. Eppure sono l'unico modo per farle ritornare il sorriso. Clara decide impulsivamente di realizzare tutti i suoi desideri di bambina, uno dopo l'altro, perché dentro di sé sa che non ha alternative per guarire le ferite del suo cuore. Molti sogni sembrano irrealizzabili o semplicemente inconcepibili. Come può rimpiazzare il vaso rotto della madre del suo vecchio amico Lincoln, se si è trasferito con la sua famiglia da più di vent'anni senza che se ne sapesse più nulla? Per non parlare del trovare il vero amore: dopo tutto quello che è successo, è impensabile. Ma a ogni traguardo raggiunto Clara scopre un pezzo in più della vera sé stessa. E in una girandola di imprevisti e incontri inaspettati, capisce anche che cercare la donna che avrebbe voluto essere da piccola potrebbe riservarle dolci sorprese... Un romanzo che in pochi giorni si è rivelato uno dei fenomeni letterari più discussi di tutta l'America. La lista dei desideri dimenticati ha subito conquistato i lettori, che si sono scatenati nella condivisione delle loro liste di desideri. Con delicatezza e una sensibilità fuori dall'ordinario, Robin Gold ci narra una storia di perdita e di coraggio, di sogni infranti e di nuovi inizi. Perché l'amore può guarire ogni ferita. Basta crederci.

Robin Gold è nata nel 1974 e fin da piccolissima ha cercato di esaudire tutti i suoi desideri. A scuola si esibiva come ballerina e cantante; da grande ha lavorato nel cinema indipendente ed è stata attrice di teatro, prima di capire che il suo più grande desiderio era scrivere. Vive vicino a Chicago con il marito e il figlio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
2.6
Stile 
 
2.3  (3)
Contenuto 
 
2.7  (3)
Piacevolezza 
 
2.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La lista dei desideri dimenticati 2012-11-30 14:16:58 Aspasia1989
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Aspasia1989 Opinione inserita da Aspasia1989    30 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una faticaccia

Dio mio.

Partiamo dal presupposto che tutti prima o poi perdiamo qualcuno di importante e mettiamoci anche il fatto che personalmente non amo stare a sentire i lamenti del prossimo; finire questo libro è stata una faticaccia, avere a che fare con una protagonista che non reagisce al dolore mi ha fatto ribollire la rabbia, aumentata dal fatto che nessun altro personaggio le abbia mai fatto una piazzata come si deve. Al contrario, compatita da tutto e tutti Clara riesce a stancare con la sua presenza ed essendo lei la protagonista il rapporto con il lettore è inevitabile.
Mai più nell'universo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lista dei desideri dimenticati 2012-10-02 07:24:34 Amarilli73
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    02 Ottobre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ti voglio bene. Perchè? Perchè sì.

Peccato, un vero peccato. E’ questo che ho pensato quando ho terminato questo romanzo, perché la trama mi aveva suscitato veramente grandi aspettative. E invece… Cos’è che è andato storto?

(Possibili **SPOILER) Beh, anzitutto la protagonista, Clara Jason Black, C.J. per gli amichetti dell’infanzia. Non è per nulla simpatica: avete presente una persona che si autocompiange per mesi e mesi, come forma di autodifesa, e che continua a credersi al centro dell’universo, crogiolandosi nel SUO dolore, tanto da non accorgersi neppure delle “cose belle” che le riserva il destino?
Sì, parlo proprio di “cose belle”, e non credo di essere fuori luogo nel dirlo, pur riferendomi ad una giovane donna che all’inizio del libro perde il grande amore della sua vita, l’eterno fidanzato Sebastian, a pochi mesi dal matrimonio (Il dolore si rivela un luogo che nessuno di noi conosce finché non lo raggiunge - Joan Didion).

D’accordo, la vita di Clara va’ tristemente in pezzi, cade in depressione, rimane sola ed ancora disperatamente innamorata, i vari tentativi di ritrovare sé stessa (dai gruppi di supporto al nuoto con i delfini, sino all’analisi e al lavoro a maglia) falliscono uno dopo l’altro, ma, CHE CASPITA!, rispetto ad altre persone che precipitano in un simile baratro, Clara Black cade con almeno SETTE materassi ad attenderla sul fondo.

Solo per citare le opportunità che la vita le offre:
1) La madre Libby, anche lei rimasta vedova da giovane, e che pure non si è mai arresa, lottando per realizzarsi nella propria professione e per non fare mai mancare ai figli il suo affetto;
2) un fratello meraviglioso, Leo, sempre pronto a raccogliere le confidenze e a dare consigli;
3) un’amica del cuore, trattata a pesci in faccia, che la perdona e la sostiene;
4) un datore di lavoro (il Re della birra), assolutamente comprensivo, che non solo le offre di prendersi un periodo sabbatico per leccarsi le ferite, ma le garantisce di tenerle il posto (ma quando mai succede per i comuni mortali?);
5) un vecchio amore di gioventù che si ripresenta alla sua porta (dopo neanche un anno di vedovanza!) …e dico solo che assomiglia alla versione giovanile di George Clooney!!
6) una polizza di assicurazione, che le garantisce un futuro senza troppe ansie.
Ed infine (n. 7) una cara maestra delle elementari, la signorina Jordain, che, dopo vent’anni le spedisce una “capsula del tempo”, cioè una sorta di cilindro in cui Clara aveva racchiuso i suoi ricordi in quinta elementare e, soprattutto, una lista di desideri che si era riproposta di realizzare. Proprio questa lista è il tema conduttore del romanzo. Finalmente Clara può trovare un motivo per alzarsi la mattina: completare la lista, ovvero realizzare tutti i DESIDERI che aveva dimenticato crescendo, ma che erano rimasti nel suo cuore.

Non vorrei sembrare insensibile alle disgrazie della vita, ma (almeno di striscio) certe sofferenze di Clara le ho attraversate anch’io e, sinceramente, mi aspettavo un romanzo che desse una sorta di pacca sulle spalle, una sferzata di ottimismo, uno sprone tipo “coraggio, se Clara ne è uscita, puoi farcela anche tu!”.
Invece, in tutta la vicenda, Clara continua a restare una LAGNONA, una che appena sente una musica familiare alla radio comincia a dire “Oh me, infelice!” e maltratta chi la circonda e le vuole bene, una che di fronte alla rivelazione dell’Amore, pensa solo che la sua priorità sia portare a termine la “sua” lista. E chi se ne frega degli altri!
Ma questo ti fa’ capire che la stessa protagonista del romanzo non ha proprio capito niente: la lista è un MEZZO per ritornare alla Vita, non è lo SCOPO della Vita!

Peccato. Se sulla carta sembrava davvero un bel libro romantico, di fatto sono poco più di duecento pagine, gradevoli per carità, però piene di spunti che sembrano messi lì apposta per attirare la lacrima del lettore, e quindi la sua simpatia (il funerale del cane Briciola; la maratona per sostenere la lotta contro il cancro, con la ragazzina calva che corre piena di coraggio; il cagnolino Caramello, trovatello e senza un orecchio… ). Il tutto, però, suona così artificioso che ti lascia tiepida, come se rispondessi ad un sondaggio di marketing (sì, no, mi è piaciuto, forse).

In definitiva, l’unico messaggio valido che mi ha lasciato questo libro, e che mi sento di CONDIVIDERE in pieno, è la filosofia di vita che portava avanti il povero Sebastian, il fidanzato che scompare prematuramente proprio all’inizio del libro: non c’è bisogno di pianificare anche i sentimenti, e non c’è bisogno di un MOTIVO per abbracciare qualcuno, per dire ti voglio bene, per stringersi insieme. Solo …perché sì.
Non c’è bisogno di un motivo. Semplicemente, PERCHE SI’.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Storie romantiche e lacrimevoli in genere
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La lista dei desideri dimenticati 2012-09-25 10:49:58 Ally79
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Ally79 Opinione inserita da Ally79    25 Settembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vedove a go go

C’è una nuova fissazione che serpeggia nell’animo delle giovani scrittrici americane:la vedovanza.

Si,avete letto bene.
Dal più famoso P.s. I love you della Ahern mi imbatto continuamente in romanzi in cui la trentenne di turno perde la sua anima gemella.
Che sia infarto,incidente stradale,tumore,morso di una vipera,attacco di orso polare,phon che cade nella vasca,scivolata e sbattimento di cranio sul marciapiedi…sti poveri mariti muoiono sempre.

Cosa possono fare allora queste ex donne felici per riprendere in mano le loro esistenze???
Le alternative sono varie: c’è chi si chiude in casa e mangia quintali di Mars,chi si mette a preparare dolci,chi va in giro come una barbona,chi beve,chi si attacca al divano in perfetto stile cozza.
(L’unica cosa che non cambia mai è che smettono di farsi la doccia…..ma perché???Perchèèèè???????)

Ad ogni modo,tralasciando le abitudini igieniche, in questo specifico libro la nostra protagonista Clara trova un modo un po’ più originale di reagire:ritrova una capsula del tempo (dai non ditemi che non sapete cos’è!!!)e al suo interno una lista che racchiude tutti i desideri da lei scritti all’età di dieci anni.
Cosi si mette all’opera e tra una mangiata al più grande buffet d’america,imparare l’alfabeto morse,fare beneficenza,scendere dal più pericoloso scivolo acquatico che esista ecc ecc ecc si rimette in forma e torna di nuovo felice e contenta!
(Ah e ovviamente a meno di un anno dalla morte dell’amore della sua vita ne trova un altro!Si dai….è credibile la storia.)

Ora devo dire che a parte un po’di stanchezza per una trama trita e ritrita questo libro non è male.
Scritto bene con dialoghi ironici e veloci,scivola via gradevolmente.
Certo non è indimenticabile ma…può andare.
P.s.:Adesso aspetto con ansia che sia una mogliettina a schiattare.Cavolo almeno per una volta lasciatemi leggere di un vedovo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

It ends with us. Siamo noi a dire basta
Il bacio. The winner's kiss
La leggenda di Loreley
Frederica
Un regalo per Miss Violet
Amo la mia vita
La metà del cuore
Appuntamento dove il cielo è più blu
Una sirena a Parigi
La casa sul fiume
Tutta colpa di Mr Darcy
Il diario segreto di Lizzie Bennet
La ragazza del sole
Ti regalo le stelle
L'opale perduto
Maledetta felicità