Kyra Kyralina Kyra Kyralina

Kyra Kyralina

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Salutato come il Gorkij dei Balcani, Panait Istrati è il poeta del mondo degli irregolari, descritti con toni favolistici e struggenti. Protagonista del romanzo è Stavro, il primo gay proletario della storia letteraria, alla ricerca itinerante della sorella Kyra Kyralina, ragazza di fulgida bellezza. Adrian, alter ego dell'autore, abbandona giovanissimo la madre e la città natale per seguire Stavro, venditore ambulante di limonate. Le turbinose avventure di Stavro danno vita a un racconto nel racconto, che moltiplica quasi all'infinito le strade dell'assiduo vagabondare - per scelta o per forza - lungo le vie del romanzo e del mondo. Pagina dopo pagina emerge la figura magica, sensuale, imperiosa della bellissima Kyra, sorella perduta e splendente miraggio di giovinezza e di piacere, che Stavro ricerca senza sosta, dalla Romania a Istanbul, dalla Turchia alla Siria e al Libano, in un susseguirsi di colpi di scena mirabolanti, alternati a struggenti squarci di poesia. Classico contemporaneo di stralunata e feroce bellezza, "Kyra Kyralina" è scavato come una pozza d'acqua trascolorante e limpida nella vita inquieta di Panait Istrati, insieme romeno e autentico cosmopolita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Kyra Kyralina 2018-07-29 19:30:48 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    29 Luglio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le persone buone

Kyra kyralina è un romanzo che mi ha colpito molto. E’ meno perfetto nello stile di altri ma intenso e autentico come se nascesse non dal cervello ma dalla vita e dalla sofferenza dell’autore. La storia anche se molto drammatica è scritta in modo vivace e colorato, la tristezza la si intravede in alcuni punti e proprio per questo raggiunge il cuore. Stavros, il protagonista, è un ragazzino molto legato a madre e sorella. E’ ricco, bellissimo e viziato, quindi incapace di cavarsela da solo nel mondo e di immaginarne i pericoli. Lasciati soli dopo l’allontanamento della madre, i due fratelli vengono inghiottiti dal mondo come pesciolini dalla balena finendo in pasto a diverse persone e facendo pochi incontri buoni. Per tutto il romanzo il ragazzo cerca la sorella e insegue la libertà. Ovunque trova persone che cercano di mettergli una catena al collo con poche eccezioni. Per Stavros le persone buone sono oltre a Kyra e alla madre, la moglie e l’amico Barba Yani. Per quanto le persone buone siano poche nella sua vita rispetto a quelle che lo hanno avvicinato per derubarlo di cibo, corpo, anima gli incontri con loro hanno lasciato il segno più profondo.
“Io seppi, dal giorno in cui il destino mi mandò un Barba Yani, venditore di salep e anima divina, seppi che deve considerarsi felice l’uomo che nella sua vita ha avuto la fortuna di incontrare un Barba Yani. Io non ne ho incontrato che uno solo, ma mi è bastato per sopportare la vita e spesso benedirla e cantarne le lodi. Poiché la bontà di uno solo è più potente della malvagità di mille, dato che il male muore insieme a colui che l’ha provocato mentre il bene continua a risplendere anche dopo la scomparsa del giusto. Come il sole disperde le nubvi e riconduce la gioia sulla terra, Barba Yani illuminò il male che rodeva l’animo mio e riempì il mio cuore di salvezza.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La non mamma
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri