Narrativa straniera Romanzi autobiografici Trance. Autobiografia di un lettore
 

Trance. Autobiografia di un lettore Trance. Autobiografia di un lettore

Trance. Autobiografia di un lettore

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

«Scopre molto presto che niente gli interessa più di leggere. Legge tutto quello che può, tutto quello che trova. Legge anche quello che non capisce». Così si apre Trance il libro che Alan Pauls dedica alla lettura. Affidandosi alla terza persona, l’autore gioca con i generi creando un glossario – sull’esempio di Roland Barthes in Frammenti di un discorso amoroso – che è al tempo stesso di spunto romanzesco: la storia di una passione compulsiva, ostinata, smisurata. Per il narratore, leggere non è che un vizio, una pratica militante della quale non può fare a meno: a tutti gli effetti una dipendenza. Ogni voce del glossario ci svela, in ordine alfabetico-sentimentale, una delle tante manie del lettore protagonista, o uno scrittore che gli sta particolarmente a cuore, o un libro che ha segnato irrimediabilmente il suo percorso: da Proust, a Bolaño, allo strutturalismo; dalla meraviglia di far innamorare una ragazza leggendole qualche pagina, alla passione per i viaggi in aereo dove – confinato per ore in uno spazio microscopico – l’autore trova il suo habitat naturale per dedicarsi alla lettura. Senza rinunciare a una prosa raffinata e avvolgente, in questo libro Alan Pauls ci appare non solo in veste di scrittore, ma come un lettore in stato di trance che trova nella scrittura l’occasione di continuare a leggere per sempre.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Trance. Autobiografia di un lettore 2020-05-15 09:19:50 archeomari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    15 Mag, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LEGGERE È UN VERBO ARCITRANSITIVO

“Leggere non è solo una passione: è una pratica quotidiana, un lavoro, una missione, una militanza, un rituale da burocrate, una terapia, una disciplina, una fede, un’abitudine, un peccato, un debito, un hobby, una droga-tutto nello stesso momento, in ogni momento”.

Alan Pauls è uno scrittore e critico letterario argentino, famoso soprattutto per i suoi studi su Borges. “Trance”, scritto in terza persona, non è altro che la sua autobiografia in quanto lettore, appassionato di Borges, Bolaño, Cortazar, Proust, che sono tra l’altro, gli scrittori da lui più citati e sui quali si diverte a raccontare aneddoti e riflessioni. Presentato come un vocabolario alfabetico/sentimentale , questo libro è di piacevolissima lettura , si divora in poco tempo ed è per i devoti della lettura, i quali si ritroveranno in tantissimi momenti dell’opera di Pauls.
Interessante la similitudine della lettura con il gioco degli scacchi (ajedrez, la voce del glossario) “A parte leggere, è l’unica attività che non considera una frivolezza o uno scandalo. Gli scacchi-con quell’effetto di rapimento, l’autarchia e la splendida solitudine, così simile a quelli che sperimenta quando legge - (...). Gli scacchi sono il proseguimento con altri mezzi di una vocazione letteraria precoce “.
Leggere è giocare, è una sfida con varianti, finale, combinazioni, chiusure eleganti o meno.
È praticamene impossibile scegliere un passo da citare che non sia lungo. La scrittura di Pauls è quasi frenetica, un fluire ininterrotto di idee, talvolta illuminanti, riflessioni con il punto fermo che arriva quando il fiato è ormai esaurito. Concitatissimo. Mi sono ritrovata in tantissimi passi del libro, soprattutto quello dell’interruzione , quello del terribile momento il cui gli occhi devono essere staccati dalla pagina perché qualche incombenza impedisce di proseguire la possessione di un libro, la comunione con la storia, quella bellissima contingenza in cui la lettura aggiunge “mondi al mondo”. Non voglio scrivere troppo su questo libro, è breve (133 pagine), ma solo invitarvi ad una lettura distensiva di qualità.
Vi lascio però terminando il pensiero del titolo del mio commento che è ovviamente una citazione dal libro:
“Leggere, come pensare, è un verbo arcitransitivo, con un orizzonte di oggetti illimitato”. A voi la coniugazione!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
È un libro per chi ama leggere la buona letteratura. Non è impegnativo, ma brillante e piacevole
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri