Dettagli Recensione

 
Trance. Autobiografia di un lettore
 
Trance. Autobiografia di un lettore 2020-05-15 09:19:50 archeomari
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    15 Mag, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LEGGERE È UN VERBO ARCITRANSITIVO

“Leggere non è solo una passione: è una pratica quotidiana, un lavoro, una missione, una militanza, un rituale da burocrate, una terapia, una disciplina, una fede, un’abitudine, un peccato, un debito, un hobby, una droga-tutto nello stesso momento, in ogni momento”.

Alan Pauls è uno scrittore e critico letterario argentino, famoso soprattutto per i suoi studi su Borges. “Trance”, scritto in terza persona, non è altro che la sua autobiografia in quanto lettore, appassionato di Borges, Bolaño, Cortazar, Proust, che sono tra l’altro, gli scrittori da lui più citati e sui quali si diverte a raccontare aneddoti e riflessioni. Presentato come un vocabolario alfabetico/sentimentale , questo libro è di piacevolissima lettura , si divora in poco tempo ed è per i devoti della lettura, i quali si ritroveranno in tantissimi momenti dell’opera di Pauls.
Interessante la similitudine della lettura con il gioco degli scacchi (ajedrez, la voce del glossario) “A parte leggere, è l’unica attività che non considera una frivolezza o uno scandalo. Gli scacchi-con quell’effetto di rapimento, l’autarchia e la splendida solitudine, così simile a quelli che sperimenta quando legge - (...). Gli scacchi sono il proseguimento con altri mezzi di una vocazione letteraria precoce “.
Leggere è giocare, è una sfida con varianti, finale, combinazioni, chiusure eleganti o meno.
È praticamene impossibile scegliere un passo da citare che non sia lungo. La scrittura di Pauls è quasi frenetica, un fluire ininterrotto di idee, talvolta illuminanti, riflessioni con il punto fermo che arriva quando il fiato è ormai esaurito. Concitatissimo. Mi sono ritrovata in tantissimi passi del libro, soprattutto quello dell’interruzione , quello del terribile momento il cui gli occhi devono essere staccati dalla pagina perché qualche incombenza impedisce di proseguire la possessione di un libro, la comunione con la storia, quella bellissima contingenza in cui la lettura aggiunge “mondi al mondo”. Non voglio scrivere troppo su questo libro, è breve (133 pagine), ma solo invitarvi ad una lettura distensiva di qualità.
Vi lascio però terminando il pensiero del titolo del mio commento che è ovviamente una citazione dal libro:
“Leggere, come pensare, è un verbo arcitransitivo, con un orizzonte di oggetti illimitato”. A voi la coniugazione!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
È un libro per chi ama leggere la buona letteratura. Non è impegnativo, ma brillante e piacevole
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Marianna, che bella presentazione, il libro mi interessa eccome direi, basta con le autobiografie degli scrittori, ogni tanto ci vuole anche la nostra, dei lettori! Aggiunto alla lista, grazie!
Mi piace l'idea della lettura come missione e militanza. Leggere questo libro è forse, per noi inguaribili appassionati dei libri, un po' come guardarsi allo specchio e riconoscersi nelle proprie esaltazioni e nelle proprie idiosincrasie. Interessante proposta, Marianna.
Secondo me ti piacerà, lui è uno scrittore che riconosce l'enorme debito che ha verso la lettura. Ironico, fresco. Devi leggere i passi in cui parla di Proust, che non è pop, ma moderno e "stinge" lascia il suo colore ovunque anche sulla vita attorno. Proust non si toglie mai dal vissuto di un lettore. Etc etc segna segna
Ciao Giulio è un libro consolatorio, ti fa sentire compresa e impari anche cose interessanti. Almeno io ho una wishlist a parte... Troppi spunti golosi. Ciao
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri