Dettagli Recensione

 
Ubu
Ubu
 
Ubu 2020-02-26 23:40:12 DanySanny
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
3.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    27 Febbraio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ubu l'esuberante

Personaggio iconico del teatro moderno, ma meno fortunato di altri suoi simili, Ubu nasce dalla penna di un eccentrico scrittore, Alfred Jarry, quando questi, ancora adolescente, frequenta un rigido collegio francese. Sono le storie narrate sottobanco e le magnificazioni del solidarismo tra compagni a costituire l’humus da cui nascerà questo personaggio pantagruelico, col suo ventre enorme e prominente, che lui stesso ripetutamente chiama “Cornoventraglia”, con i suoi bastoni del potere, con la sua “pompe à merdre”, con cui semina e diffonde la paura e perperta i suoi omicidi. Personaggio borderline ed estremo, con la sua etica disinibita, con la sua logica maccheronica, Padre Ubu non si fa mancare i battibecchi con un’altrettanto elefantiaca Madre Ubu, che continuamente lo rimprovera e anzi, prova a tradirlo, senza però troppi successi. Quando la prima opera dedicata a Ubu, l’”Ubu re”, fu rappresentata alla fine dell’Ottocento, il benpensante pubblico francese fu sconvolto da quel “Merdre” che apre l’opera e che ripetutamente conclude, puntella, esagera le esclamazioni dei protagonisti. Perché Ubu è, prima di tutto, l’incarnazione della volontà parodistica e satirica dell’autore, un personaggio tanto poco definito, quanto infinitamente definibile: si potrebbe consideralo come un semplice burattino, un personaggio ben riuscito e simpatico, oppure si potrebbe rivestirlo di molti simboli: l’arbitrio assoluto del potere, il fanatismo logico e scientifico, il marito geloso, l’epopea della libertà nell’immaginario francese, perché tutto in Padre Ubu è sconsacrato e messo alla berlina.

Quello di Ubu è un ciclo di quattro opere teatrali: apre l’Ubu re, che già nel titolo richiama e parodìa la celebre opera sofoclea e che allo stesso tempo recupera il modello altissimo del Macbeth shakespeariano per ridurre tutto il dilemma del potere a sfrenata parodia; segue l’”Ubu incatenato”, forse la più riuscita delle opere, nella quale il modello è il “Prometeo incatenato” di Eschilo e nella quale si crea un divertente cortocircuito tra la libertà e la schiavitù, fino a invertire i due concetti; minori e forse meno riuscite le altre due commedie, “Ubu in collina”, sintesi più pittoresca dell’”Ubu re” e l’”Ubu cornuto”, in cui la moglie del nostro incontenibile protagonista lo tradisce niente di meno che con un africano, per scandalizzare ancora di più l’orgoglio della società e quello di Padre Ubu.

Merita attenzione anche lo stile molto creativo di Jarry, la sua capacità inventiva notevole, i neologismi, i curiosi accostamenti verbali, la capacità di usare le ripetizioni per amplificare le scene e contemporaneamente per farle esplodere, o ancora gli inserti “musicali”, canzoncine, filastrocche sadiche, i personaggi di contorno che spesso compaiono anche solo per un istante, quasi senza motivo. Certo i libri non toccano vette troppo alte e non credo giovi troppo volerle rivestire di infiniti significati; piuttosto meglio figurasi le scene e sorridere, anche se qualche volta a denti stretti, dell’esuberante prestanza di padre Ubu. Degno di nota che Jarry, morto anche giovane, fu fondatore della “patafisica”, scienza delle soluzioni immaginarie, come ebbe a dire, una scienza che sconsacra la scienza e che trascende la metafisica. Non so se la patafisica fosse per Jarry un’idea seria o piuttosto un divertissement quasi serio, ma certo è che oggi esistono siti e scuole e libri dedicati alla patafisica e Ubu, non a caso, che della patafiisca è il massimo realizzatore, è il loro nume tutelare. Destino curioso per un personaggio nato forse solo per prendere in giro un professore troppo maligno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Ciao Daniele, che bello vedere recensito Jarry! Ubu è per molti versi legato alla mia città, Genova, dal momento che 1968 il Teatro della Tosse, con le scenografie del mitico Emanuele Luzzati, aveva esordito proprio con "Ubu re". Mi sembra che il personaggio di Ubu sia ancora molto attuale, tanto è vero che, se non erro, una ventina d'anni fa Dario Fo aveva recitato un monologo in cui il protagonista era una chiara citazione di quello di Jarry, ossia "Ubu bas" (indovina a quale politico italiano si riferiva?) :)
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
27 Febbraio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ah Giulio, un personaggio davvero ben riuscito. Non è molto il mio genere di letteratura, ma gli riconosco grande inventiva e pluralità di significati.
Questo autore è geniale! Un dissacratore dei classici. Segnato di corsa. Grazie
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
27 Febbraio, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì Marianna, se pensi ti possa piacere il genere, è una bella lettura, almeno in due delle quattro opere.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Dizionario del bibliomane
Il Purgatorio di Dante
Chagall. Autoritratto con sette dita
Natale in casa Cupiello
L'Inferno di Dante
Venezia salva
Antigone. Una riscrittura
Antigone
Meraviglie. Alla scoperta della penisola dei tesori
Sarri prima di Sarri
Eroi. Le grandi saghe della mitologia greca
Il mestiere dello scrittore
Figli di un dio minore
Nuotando nell'aria
Caino
Risvolti di copertina