Dettagli Recensione

 
Animali (topi gatti cani e mia sorella)
 
Animali (topi gatti cani e mia sorella) 2014-12-21 14:01:00 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    21 Dicembre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I topi nel muro non sono soltanto quelli di Lovecr

“Animali (topi gatti cani e mia sorella)” di Ugo Cornia è un monologo ironico suddiviso in tre capitoli, dedicati rispettivamente a topi, gatti e cani.

Quanto ai TOPI, essi pullulano a Guzzano, nella casa di vacanza sull’Appennino, in ogni forgia e dimensione – topolini di campagna, toporagni, arvicole, ratti, pantegane (“Era sicuro che fosse un ratto perché era molto grande, mentre mia sorella sosteneva che era un topo di campagna, come genere, anche se molto cresciuto”) – e imperversano, attratti dalla relativa tranquillità della casa poco abitata e dall’abbondanza di granaglie.
Mentre “questi topi… rosicchiano, e rosicchiano…”, l’autore spesso impegnato nella disinfestazione sembra attratto dalla dimensione sociale dei roditori (“Io in un certo senso li trovo degli animali ammirevoli, e anche molto simili a noi, e su questo discorso magari ci torniamo più avanti…”).
Quanto a reminiscenze, la mente corre un po’ ai “Ratti nel muro” di Lovecraft (“Si sentivano degli strani rumori di grattugiamenti in qualche zona della casa, allora mia madre diceva che magari c’era un nido dentro al muro…”), un po’ a “Il pozzo e il pendolo” di Poe (“Dove stavano i suoi quattro piedi incollati all’asse adesso c’erano rimasti quattro buchi”): ma qui il registro è completamente diverso, sospeso tra il sarcasmo e la libera associazione dei pensieri (“Due allocchi hanno già abitato dentro al granaio per tutto un inverno, cosa che riempiva di contentezza sia mia madre che mio padre… sia per la bellezza del fatto di riuscire ogni tanto a sbirciarli… sia proprio perché questi allocchi mangiavano i topi…”).

I GATTI appartengono alla dinastia di una micia matriarca, votata a generare figli che se la vedono brutta a causa di un’antica pratica di crudele selezione (“Aveva già partorito tre volte, due volte affogati tutti e una volta tutti salvati”).
I CANI sono indegnamente rappresentati da Tobi-Tobia, un meticcio colossale, prima vittima della malasorte (“Mia sorella… aveva le sue manie sull’infanzia disgraziata di quel cane”), poi oggetto delle discutibili, invasive attenzioni della sorella del narratore (“Che Tobi fosse una spugna impregnata dell’inconscio di mia sorella”). Il protagonista ne patisce l’ingombrante presenza, con lui rivaleggia per l’egemonia domestica, grazie a Tobi matura una folgorante convinzione: “Che gli animali si facciano le loro cose, in totale libertà in prati, cielo, boschi, paludi e acquitrini, case e giardini, che io mi farò le mie cose in casa mia”.

Anche per effetto di uno stile narrativo volutamente naïf (mi ha decisamente ricordato i “Grandi ustionati” di Paolo Nori), la lettura è divertente anche quando rasenta il nonsense (“I gatti la natura li ha fatti così, cioè fatti a modo loro, e fatti per esempio diversissimamente dai cani, cioè fatti da gatti”) e anche quando sfida l’animalismo – latente o manifesto – del lettore.

Bruno Elpis

A questo link potete trovare l’intervista all’autore:
http://www.brunoelpis.it/le-interviste/1054-intervista-a-ugo-cornia-autore-di-animali-topi-gatti-cani-e-mia-sorella

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...naturalmente, "I topi nel muro" di Lovecraft! Ma anche "Il pozzo e il pendolo" di Edgar Allan Poe!!!
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Che simpatica recensione, Bruno. E che bella fattoria!
Bella recensione Bruno! A mia volta ho particolarmente apprezzato questo romanzo ricco di ironia e che talvolta rasenta il paradossale el nonsense (vedi la descrizione dei gatti da te riportata) .
E' sempre un piacere leggerti! :-)
silvia71
22 Dicembre, 2014
Ultimo aggiornamento:
22 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
mi ha sempre attirato la cover di questo libro fin dalla sua uscita!
ora so di cosa tratta
grazie Bruno!
@ Emilio: se guardo il tua avatar, carissimo, direi che tu, di gatti, te ne intendi! :-)

@ Maria: lo dico sempre, io, che leggere i commenti di un libro che si è letto fa partire avvantaggiati... Il piacere è reciproco!!! :-)

@ Silvia: è davvero divertente, potresti leggerlo come intermezzo a due letture impegnate/impegnative... :-)

Ciao
Bello ce l'ho anche io questo libro !
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza
Il carcere
Sempre tornare
Fiorire tra le rocce
Caro Pier Paolo
Libri che mi hanno rovinato la vita
Il tempo di vivere con te
Case, amori, universi
Gli anni forti
Mille scarpe da lucidare
Splendi come vita
Il pane perduto
L'ospite