Dettagli Recensione

 
La notte ha la mia voce
 
La notte ha la mia voce 2017-12-07 10:14:48 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    07 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una disabilità forte e viva

La notte ha la mia voce di Alessandra Sarchi: un romanzo autobiografico per le schegge di vissuto rintracciabili nel testo e trasfigurate dalla forma letteraria, ma anche romanzo di formazione: il cambio di sguardo per il conflitto tra la libertà del cervello e l’immobilità delle gambe. Un’anonima protagonista deve re-imparare a vivere con un corpo diverso, estraneo, un corpo che dopo un incidente deve riconoscersi. E’ la rappresentazione letteraria della semiparalisi, una situazione che comporta una verifica dei parametri umani su un piano personale e sociale, una rieducazione corporea spersonalizzata che impone un nuovo modo di esistere.
“La memoria dell’esperienza di tutti gli anni in cui ho camminato si ribella, rinfaccia e desidera la terra della mia infanzia, quando la vedevo rivoltare nei campi dove seguivo il lavoro dei nonni …. Non credevo si potesse avere così tanta brama del fango, della polvere, della terra.”
Un romanzo durissimo e diretto indaga la complessità e la tragedia del corpo ricorrendo ad un linguaggio scientifico e alla presenza di riferimenti altri, rispetto a quelli letterari. La storia del singolo diviene storia collettiva: si parla infatti di un grande tema antropologico, il confine tra un corpo sano e uno malato. Il corpo offeso sta alla base del processo percettivo e si interroga sulla possibilità e sui modi di rapportarsi al mondo, è una sonda conoscitiva che esplora il sé e l’altro. Non induge mai al pietismo, la protagonista, trascinata dal vento, non si è mai arresa e il suo viaggio viene scandito dalla forza dei tre elementi, la terra, l’aria, l’acqua. E’ anche la storia di una amicizia, quella con Giovanna, la Donna-gatto (anche lei disabile), che immerge la protagonista in un mondo diverso, notturno, forse distorto ma ardente di desideri:
“La sete di infinito che è nei corpi, quella che mi ostinavo a dimenticare”.
La vita dei giorni sulla sedia a rotelle:
“la rabbia nello stomaco, le scarpe buttate via in fretta, i neuroni specchio che ti fanno danzare mentalmente se guardi qualcuno danzare”.
Il romanzo mostra una verità non addolcita, non poetica, non consolante ma viva, forte, seria, precisa. Nel finale, il corpo è congedato con l’immersione nell’acqua, l’elemento dove tutto ha avuto inizio, una visione panica purificatrice. L’abilità della scrittrice è quella del pensiero, la mobilità è quella della speranza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

siti
07 Dicembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Bel commento, mi piacciono queste testimonianze.
In risposta ad un precedente commento
ornella donna
07 Dicembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie è molto profondo. Testimone di una forza indiscutibile, soprattutto nel caso della malattia, è determinante e non è da tutti.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Masen'ka
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una persona alla volta
I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza
Il carcere
Sempre tornare
Fiorire tra le rocce
Caro Pier Paolo
Libri che mi hanno rovinato la vita
Il tempo di vivere con te
Case, amori, universi
Gli anni forti
Mille scarpe da lucidare
Splendi come vita