Dettagli Recensione

 
Ritorno sul Don
 
Ritorno sul Don 2020-09-18 14:37:25 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    18 Settembre, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Memoria e tempo

Sono trascorsi quasi trent’anni da quei giorni passati nel freddo gelido russo. Sono trascorsi quasi trent’anni da quel viaggio, un viaggio che adesso ha bisogno di essere ripercorso, che lo chiede a gran voce negli echi della memoria. Ecco perché quello che ha inizio non è soltanto un viaggio nello spazio ma anche nel tempo, un percorso a ritroso in cui non c’è spazio per rancori, non c’è desiderio di rivalsa. È al contrario un cammino fatto come atto d’amore, fatto con la volontà unica di riappacificazione con gli uomini, con la storia, con la follia, con quel che è stato.
Un percorso fatto di otto racconti ciascuno dei quali estremamente significativo ed evocativo. Mario Rigoni Stern prende per mano il suo lettore e lo riporta nei luoghi della guerra, della prigionia. Ma non si ferma a ciò. Perché se ne “Il sergente nella neve” il narrato focalizza la sua attenzione su quelli che furono i giorni nelle trincee e quelli che furono al contrario i giorni del ritorno quando la morte bussava alla porta e mieteva vittime senza limiti e senza remore, qui a parlare sono i giorni della guerra dentro la guerra, del dopoguerra, della lotta partigiana, del ricominciare a vivere dopo che il vivere è stato schiacciato da un mostro più grande chiamato conflitto.
Pagina dopo pagina conosci un autore diverso rispetto a quello che avevi conosciuto nella prima opera. Lo accompagni nel suo viaggio in modo diverso, siete soltanto tu e lui. Scopri, forse davvero per la prima volta, quel luogo non luogo che si è cristallizzato nella mente, anche confusamente, e semplicemente lo rivivi.
Anche in questo caso emerge una profonda empatia, una comunione spontanea di emozioni e sentimenti. C’è uno spirito di condivisione che è mosso dal senso di appartenenza a uno spaccato e che ha unito vite e anime per mezzo di una realtà storica che non deve essere in alcun modo dimenticata.
Una raccolta più intima, più emozionale, più emotiva. Un titolo che emerge attraverso la voce di un uomo semplice che scandaglia l’io e che si guarda dentro ma che al contempo è in pace. Un narratore che ha avuto il coraggio di affrontare i suoi mostri, che ha desiderio di ricordare a chi ha accanto cosa significhi il tormento ma anche il ritornare a vivere dopo un patimento disumano.
Coinvolgente, appassionante, viscerale.

«Ecco, sono ritornato a casa ancora una volta; ma ora so che laggiù, quello tra il Donetz e il Don, è diventato il posto più tranquillo del mondo. C'è una grande pace, un grande silenzio, un'infinita dolcezza. La finestra della mia stanza inquadra boschi e montagne, ma lontano, oltre le Alpi, le pianure, i grandi fiumi, vedo sempre quei villaggi e quelle pianure dove dormono nella loro pace i nostri compagni che non sono tornati a baita.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Sono contento, Maria, che questo libro ti sia piaciuto. Pensavo si trattasse di un testo minore; invece è stato una bella sorpresa: emozionante, proprio una bella lettura.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
19 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Erroneamente lo pensavo anch'io, che piccolo gioiello, invece. Grazie Emilio
siti
21 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella lettura, Maria!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

I due palazzi
Scottature
Al giardino ancora non l'ho detto
Il lato fresco del cuscino
Senza
Il carcere
Sempre tornare
Fiorire tra le rocce
Caro Pier Paolo
Libri che mi hanno rovinato la vita
Il tempo di vivere con te
Case, amori, universi
Gli anni forti
Mille scarpe da lucidare
Splendi come vita
Il pane perduto