Dettagli Recensione

 
Il pane perduto
 
Il pane perduto 2021-06-13 15:10:00 silvia71
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    13 Giugno, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il prima e il dopo

Una madre intenta nell'amorevole e quotidiano gesto di preparare il pane per la cena di tutta la famiglia. Una cena che non verrà mai consumata perchè la follia umana ha deciso che le famiglie di fede ebraica vanno eliminate dalla terra.
Edith Bruck parte dall'immagine di quel pane abbandonato sul desco della sua casa di un villaggio ungherese per trasportare il lettore attraverso il viaggio più straziante che mente umana possa concepire.

La Bruck nel tempo ha affidato alla sua penna tanti racconti sul suo passato, quest' ultimo ripercorre l'intera sua esistenza dalla vita di tredicenne spensierata all'inferno dell'internamento nei lager, dalla perdita brutale dei familiari alla sua sopravvivenza.
In particolare questo scritto si focalizza sul “dopo”, sul senso e valore di quella agognata sopravvivenza che giunge quando ormai le radici sono state strappate, quando gli affetti più cari sono stati annientati e la liberazione apre le porte ad un altro lungo calvario destinato a durare per sempre.
L'autrice con queste pagine intime e introspettive continua a riflettere sul senso di appartenenza ad un popolo, ad una cultura ad un paese, di tutti coloro che sono riemersi alla vita dopo i campi di sterminio.

Una vera odissea quella di Edith, giovanissima e sola alla ricerca di se stessa per colmare la voragine interiore e cercare un luogo che possa chiamarsi “casa”. Un errare sia geografico sia sentimentale, sospinta da un connubio di disperazione e forza.

Questo diario costituisce un altro tassello della recente Storia che una delle ultime testimoni oculari della Shoah ci lascia in eredità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Sicuramente, Silvia, si tratta di un libro molto interessante. Penso vada letto nel momento 'giusto' .
Recentemente ho seguito un'intervista televisiva all'autrice : un bell'esempio di vivere con grande dignità la propria età anagrafica.
In risposta ad un precedente commento
silvia71
14 Giugno, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Concordo Emilio, anche io ho letto il testo della Bruck dopo averla conosciuta attraverso una intervista televisiva.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri