Dettagli Recensione

 
Il gioco
 
Il gioco 2018-08-13 12:36:28 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    13 Agosto, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un trio tra tragedia e sesso

Carlo D’Amicis con Il gioco crea “il Gioco” della crudeltà e del sesso. Ma a ricondurre le cose in ordine si dimostra che articolare la vita in una trame è un gesto di assoluta libertà.

Il tema del volume è una

“vecchia e gloriosa perversione”

Segnalata già da Erodoto. Lo storico greco racconta che il re di Lidia, per convincere la sua guardia del corpo che la regina fosse bella, gliela mostrò nuda. Il “gioco” è attuato oggi in forma estremistica da una triade costituita da cuckold, dal bull e dalla sweet, vale a dire dal cornuto, dalla moglie e dall’uomo supervirile al quale il “becco” cede la consorte. L’omosessualità latente e il sadismo dominano il campo assieme al masochismo morale, finchè ognuno degli attori non solleva la maschera: il bull si rivela uno strumento del cuckold, il quale assume connotati manipolatori, mentre la sweet appare come il motore dell’intero meccanismo. Nel romanzo di D’Amicis i tre si confessano a turno, in un vortice ermeneutico che fa pensare a Kurosawa. La sweet, Eva, ha alle spalle una storia familiare un po’ stereotipata, il marito Giorgio è un primario che veste principe di Galles. La parte più riuscita è quella in cui Leonardo, il bull, si lascia intervistare da uno scrittore. Professore di inglese in un liceo esclusivo di Roma dal quale è cacciato per aver palpeggiato una studentessa, Leonardo è il mistagogo che conduce il lettore nel pianeta proibito. E offre la chiave per decifrare il gioco: il padre, ufficiale dei carabinieri ucciso dalle Br, odiava le storie. “Poche storie!”, il ritornello delle serate in famiglia.

“L’italiano medio fa sesso al buio”

Dice un personaggio al bull. Che invece vuole accendere, sulla sua vita notturna, riflettori che inquadrino un vasto teatro delle crudeltà.

Un romanzo che racconta le storie tragiche ed ironiche di un trio di personaggi, finalista al Premio Strega 2018. Il racconto però di una crisi, crisi delle emozioni, delle passioni vere e profonde, il trionfo delle angosce e della frustrazione, della noia e dello smarrimento. Un romanzo intrigante e coinvolgente, con una scrittura semplice e lineare, ma anche ricercata e fascinosa. Con una spiccata caratterizzazione introspettiva.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Ivan
Il gioco
Ogni tuo respiro
L'oltraggio
Ghiaccio salato
L'istinto di una donna
Solo questione di prezzo
Prova a lasciarti andare
Neve fresca
L'uomo dei sogni
Una ragione per dirti di no
Per tutto l'amore. Prima e dopo di te
Lo strappo
Il silenzio di un batter d'ali
Per tutti gli sbagli
Ti stavo aspettando