Dettagli Recensione

 
Il meglio di me
 
Il meglio di me 2012-03-26 10:40:49 Viola03
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Viola03 Opinione inserita da Viola03    26 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Il meglio di me"

Bisognerebbe imporsela come regola personale: non comprare libri sull’onda della ricerca di risposte per la propria situazione sentimentale altamente complicata. Motivo?Si finisce per acquistare romanzi strappalacrime, sentimentali e zuccherosi, che altrimenti non farebbero mai parte della propria libreria. Beh, questo potrebbe essere un vantaggio per carità, aprirsi a nuovi filoni letterari, ampliare i propri orizzonti, ma nel mio caso comporta anche un allontanamento dalla mia natura sarcastica e cinica che trovo vagamente preoccupante.
Ma basta divagare, parliamo del libro in questione. Come spero si capisca dalla piccola introduzione, Nicholas Sparks non è un autore che leggerei abitualmente, infatti questo è il mio primo approccio con lui.
Le sensazione immediata che ho avuto è stata quella di leggere un film. Proprio così, nella mia testa vedevo scorrere le parole che erano allo stesso tempo le immagini di una pellicola firmata immancabilmente Hollywood. Mi vedevo perfettamente l’ambientazione tipicamente americana, gli attori tipicamente americani, gli accadimenti tipicamente americani, il finale … tipicamente americano.
La storia stessa ha la targa USA sin dalle prime pagine.
C’è Dawson Cole, che proviene da una famiglia di delinquenti, uno peggio dell’altro, ma lui è la pecora nera, o bianca in questo caso, perché è bravo, buono, intelligente e studioso. Per tutte queste buone qualità viene maltrattato e picchiato dai suoi parenti, suo padre in primis, che lo vorrebbero più in linea con il profilo dei Cole ma viene invece apprezzato da Amanda, la bellissima della scuola, capelli-biondograno/occhi-azzurrocielo.
Amanda è ovviamente figlia di una famiglia benestante e con la puzza sotto il naso (di quelle che se non fosse stata abolita la schiavitù avrebbero avuto squadre di servitù ai loro comodi, per intenderci), che non vede di buon occhio l’amicizia e l’amore che ben presto si instaurano tra i due ragazzi.
Come per tutti i primi amori, tra loro c’è qualcosa di magico, di speciale, di unico, che far credere loro all’inizio di poter sfidare qualunque sorte. I due si incontrano nel garage di Tuck, un meccanico vedovo, ancora e per sempre innamorato della sua perduta Clara, che fa da padre al giovane Dawson e si elegge silenziosamente custode di quell’amore che vede crescere sotto i suoi occhi.
E’ chiaro però, che ben presto i due innamorati finiscano per cedere alle pressioni esterne, che si lascino e si allontanino. Se fosse filato tutto liscio, perché mai avrei dovuto comprare il libro sennò??
Anni dopo Dawson lavora sulle piattaforme petrolifere, conduce una vita solitaria e silenziosa, ma soprattutto ama ed ha amato sempre e solo Amanda.
Lei, Amanda, invece ha tre figli ed ha una bella famiglia, ma Frank suo marito, dopo una terribile disgrazia familiare, ha iniziato a bere sempre più frequentemente.
E’ questo più o meno il quadretto complicato che ci troviamo di fronte quando Tuck muore . Il triste evento porta Amanda e Dawson al loro paese di origine e su specifica richiesta del loro comune amico, sono chiamati a fare qualcosa per lui, una sorta di ultimo desiderio. In realtà è Tuck che ha voluto regalare loro la possibilità di ritrovarsi, di essere di nuovo vicini e di tentare quindi di costruire quel futuro perso tanti anni prima.
A questo punto si potrebbe immaginare un andamento più o meno prevedibile della storia (Amanda e Dawson fuggono insieme in barba a tutti e tutto), e invece no!
Perché? Primo ci sono i due cugini di Dawson che per vecchi rancori gli vogliono fare la pelle, secondo c’è una questione del suo passato ancora da risolvere, terzo ne succedono di svariate, nonché rocambolesche, che scombinano le sorti per un finale che a mio dire è “typically american”.

Forse ho ironizzato un po’ troppo ma bisogna capirmi, sto tentando di tornare in me e non ho trovato le riposte che cercavo (forse dovrei proprio piantarla di cercare risposte nei libri…) ma la sensazione che ho avuto tutto il tempo è stata quella di guardare un film drammatico da pomeriggio di Canale 5.
Il libro non è male, per carità, si legge scorrevolmente, ma semplicemente non è il mio genere. L’amore che si racconta è troppo puro, troppo perfetto, non è tormentato, non è ironico né complicato e questo me lo ha reso forse un po’ artefatto.
Alla fine però mi è uscita una lacrimuccia, e per quella piccola goccia salata vale la pena consigliarlo, perché in fondo vuol dire che mi smosso qualcosa e può smuoverla a tante altre persone.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
BellaDentro
26 Marzo, 2012
Ultimo aggiornamento:
26 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie, mi hai fatto sorridere :-) Starò alla larga da questo libro perchè non è affatto il mio genere, e in questo abbiamo sicuramente gusti simili. Recensione utilissima.
Anni fa li compravo e li leggevo i suoi libri, fortunatamente con il tempo si cambia e cambiano i gusti letterari, io mi giustifico dicendo che da qualche parte si deve pur iniziare, allora li trovavo molto belli e se continua a scrvere vuol dire che qualche cosa di buono c'è nei suoi libri, sono sicuramente molto simili, storie leggere e scorrevoli.
In risposta ad un precedente commento
Viola03
26 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ahaha!Ma ci mancherebbe!I libri sono come le canzoni, accompagnano dei momenti della vita, anche io non mi ritrovo in tanti romanzi che prima erano come oracoli!E' che questo non è il mio genere, ma anche i libri che non mi piacciono li consiglio sempre per qualche piccola cosa, anche semplicemente perché non mi sono piaciuti e quindi sicuramente a qualcuno di diverso da me piaceranno!
Poi, per carità, devo tornare in me, ma la legge fondamentale della mia libreria è: ci deve stare di tutto. Mi piace avvicinarmi a cose nuove, a volte scappo a gambe levate, a volte resto e mi avvinghio! :)
Io ho iniziato ad appassionarmi alla lettura con i suoi libri ma soprattutto con quelli di maria venturi, se ci penso adesso non ci posso credere !!! Quelli della Ventura poi non vedevo l'ora ne uscisse uno per correre a comprarlo. Poco tempo fa li ho raccolti tutti e portati in biblioteca, la bibliotecaria era contentissima ha detto che le signore anziane li leggono, erano nuovi e nell'edizione rilegata non economica.
Io non sono come te, se una cosa non mi "appartiene" più me ne sbarazzo, mi dava quasi fastidio vederli lì nella mia libreria.
In risposta ad un precedente commento
Viola03
26 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Di Maria Venturi ho letto non tanto tempo fa "Come prima". Non è il mio genere però neanche lei..
Anche se le signore anziane sicuramente ne saranno strafelici, è una scelta molto drastica quella di portare via tutti i libri. Però forse la propria libreria è uno specchio del carattere, chi lo sa...
a me ad esempio non piace buttare via i libri, anzi li mantengo, stanno lì a ricordarmi cosa ero, come mi sono evoluta, ma sono così anche nella vita, mi porto dietro cose, storie, persone senza mai slacciarmene realmente.
mi incuriosisce questa cosa!


No, io mi sbarazzo di tutto, libri che non mi piacciono più, vestiti che non metto più, tutto ciò che ritengo non mi serva più lo butto o ci trovo una collocazione migliore, la biblioteca mi è sembrata la più adatta.
Le storie, i libri, le persone, tutto ciò che sono stata e che ho apprezzato lo porto nel cuore ma me ne libero materialmente ;))
Fortunatamente non siamo tutti uguali, vivo con mio marito che terrebbe non solo TUTTO ma anche le scatole che lo hanno contenuto questo TUTTO !! Credo sia una forma di ribellione la mia !!
In risposta ad un precedente commento
Viola03
26 Marzo, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ahahaahaha!!
Come la capisco la questione del mantenere le scatole che hanno contenuto quel TUTTO!!ahah!
pure io ho la stessa mania, tengo scatole, buste, nastri, carta da pacchi, biglietti vecchi come il mondo...
Lo credo però che tu ti ribelli! :) ti ritroveresti casa invasa!!!Spiegami come si fa!!!Prima o poi mi ritroverò sommersa! :)
Adesso cosa ti piace leggere??
@ viola : leggo principalmente storie vere e abbastanza tristi ma stando su questo sito ho imparato ad "ascoltare" i consigli degli altri utenti e il mio orizzonte letterario si è un pò allargato, mi sono trovata a leggere classici alcuni gialli e anche libri pittosto introspettivi, sono cambiata molto nelle letture.
In risposta ad un precedente commento
Viola03
03 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho letto un po' delle tue recensioni e abbiamo diversi libri in comune! :) Ho stra-amato (non si dice, ma rende l'idea) "L'arte di ascoltare i battiti del cuore"!!!
CuoredAmore
03 Aprile, 2012
Ultimo aggiornamento:
03 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao :)
Io ho letto questo libro e concordo con la tua considerazione finale nel modo più assoluto. Diciamo che, l'autore non è che ha descritto un amore troppo puro, più che altro non ha proprio approfondito questo argomento, ecco, e quindi per questo motivo appare troppo puro.

Non è nemmeno il genere che leggerei spesso, proprio come te, in quanto un po' troppo mieloso e ripetitivo.
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri