Dettagli Recensione

 
Una donna indimenticabile
 
Una donna indimenticabile 2012-08-30 21:49:08 EvaBlu
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
EvaBlu Opinione inserita da EvaBlu    30 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

J. Ward vs J. Bird

(Dalla mia estate interamente “in rosa”)

Ci sono individui che in famiglia amano farsi chiamare in un modo e fuori tra la gente in un altro, ci sono quelli che vanno matti per il loro pseudonimo e se ne vestono in maniera irreversibile e poi ci sono gli scrittori che un paio di libri li scrivono avvalendosi del loro vero nome mentre per il resto se ne sbucano fuori con un “alias”.

Il motivo di una simile manovra non l’ho ancora capito, ma una cosa è certa: se avessi conosciuto J. Bird prima di imbattermi per caso nelle fatiche letterarie di J. Ward ed avessi saputo in tempo che della stessa scrittrice si trattava, non sarei mai diventata una fan accanita della Confraternita del Pugnale Nero.

Ora, non avertene a male, cara J. Bird detta anche J. Ward, ho capito che la scrittrice sei sempre tu, ma sul serio non c’è paragone.
Fossi stata al posto tuo non avrei mai permesso che pubblicassero una roba come Una Donna Indimenticabile ricorrendo addirittura allo slogan pubblicitario che quello è il romanzo che porta nel DNA l’idea in bozza dei tuoi fantastici fratelloni vampiri.

Ma quando mai! È come dire che l’ingrediente base del profitterol è il dado Star.

Una Donna Indimenticabile è un romanzetto banale, patetico, scontato, dallo stile fiacco e con dei colpi di scena prevedibili da una cinquantina di pagine prima. Un misto tra un overdose di glucosio, il tentativo di abbozzare un giallo e la solita minestra di lei ricca, bella, buona e giusta e lui maltrattato da bambino e venuto sù superdotato, muscoloso, figo e ovviamente pure guardia del corpo.

Nulla a che vedere, insomma, con la ricchezza dei personaggi, le trame originali ed il ritmo serrato della Confraternita.

Mi sa che il nome te l’hanno fatto cambiare apposta, mia cara; e a ragion veduta.

“Nomen Omen”, dicevano i latini: “Il nome è destino”: c’è bisogno che ti indichi quale sia realmente il tuo?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
a chi si vuole rendere conto come scrive la Ward quando è presa da raptus "Bird-iani"...
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Ciao Evuzza che bello rivedere finalmente le tue belle e divertenti recensioni!! :)) Beh forse è un lavoro della Ward quando ancora era una scrittrice in erba....sai gli editori alle volte pubblicherebbero di tutto pur di vendere e soprattutto dopo che ha avuto un buon successo...

31 Agosto, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
No, veramente, al punto del profiterol e del dado star sono morta! XDD
Sapevo che prima o poi lo avresti recensito questo libro, Eva e innanzitutto bella rece! =)
Anch'io sono un po'titubante riguardo la lettura di "Una donna indimenticabile" e,anche se lo leggerò comunque, non mi faccio delle grandi aspettative.
Concordo con Robbie: la Ward allora non aveva ancora lo stile della Confraternita, e pur di far soldi si pubblica qualunque cosa (non che la Ward sia completamente da buttare, ovviamente) però anche il fatto di aver sottolineato la questione Bird/Ward....
In risposta ad un precedente commento
Amarilli73
31 Agosto, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Eva! Sì, nelle interviste la Ward ha rivelato di averlo tenuto per anni nel cassetto, perchè era una bozza di gioventù....
"È come dire che l’ingrediente base del profitterol è il dado Star."
Mi ha fatto sbellicare dalle risate!
Anch'io ho in attesa questo libro da leggere, ma dopo la tua recensione non so, forse attenderà un altro po'..
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
03 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie ragazzi, a tutti!! :P

Amarilli, e dopo tutti questi anni di cassetto, giusto quando era già famosa poteva ritirarlo fuori. Però dai, io alla Ward perdono la qualunque, in nome dei fratelli le è tutto rimesso ;)))

A.
21 Settembre, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
... a me è piaciuto.. certo, alla confraternita , leggendolo, non ci pensavo nemmeno lontanamente...
però in effetti io il dado star alle volte lo uso....


;-)
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri