Dettagli Recensione

 
Amore zucchero e cannella
 
Amore zucchero e cannella 2015-04-14 12:14:07 SARY
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
SARY Opinione inserita da SARY    14 Aprile, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La fiera delle banalità

Credo che a volte un successo letterario sia tale per il titolo e la copertina, insomma l’estetica ha spesso la meglio. Il lettore medio (cioè io) entra in libreria o in biblioteca, ci sono così tanti volumi, una quantità seducente di carta, le mani frenetiche toccano, lo sguardo si posa qua e là insaziabile, senza dare nell’occhio annusa l’odore di quei piccoli tesori, è disposto a perdersi fra gli scaffali, ma il tempo stringe, le occupazioni chiamano a gran voce. Allora cosa fa il povero acquirente tormentato come un innamorato, indeciso e frustrato per l’oggetto del proprio desiderio? Si affida al senso della vista, ove l’occhio cade, si sofferma, indugia e divora ogni particolare, lì sta la cura alle sue pene, quello è il libro giusto. Velocemente scorre le pagine, legge il sunto (bando alle romanticherie, controlla bene anche il prezzo, di questi tempi mica si può spendere a cuor leggero) e si convince che sì, va bene.
Nel letto, sul divano, sull’autobus (sono sempre io), inizia emozionato l’avventura personalissima, attende la metamorfosi, vestire i panni del protagonista è così eccitante, ogni libro è una nuova breve vita. Le prime pagine volano, la penna è semplicissima e informale, il pathos è latitante, ma la speranza è l’ultima a morire. La mente è talmente libera da qualsiasi sforzo che i capitoli volano, il lettore sta ancora aspettando il colpo di fulmine, il momento che precede la lode o l’infamia. Aspetta e aspetta. La delusione è totale.
Per fortuna, in questo caso specifico, con un titolo e una copertina così le aspettative sono pari a zero. Il contenuto è insignificante, non vi è nulla di romantico e passionale, si giunge presto alla fine senza aver trattenuto nulla. L’idea non è pessima, ma è sviluppata male, inizia traballante e finisce schiantata e deformata, un’accozzaglia di tematiche e situazioni banali che si risolvono nel modo più scontato possibile senza suscitare alcun vero interesse.
Astuta la mossa di iniziare i capitoli con consigli casalinghi tipici delle donne di altri tempi, i cari consigli della nonna, su quello avrei moltissimo da imparare, tornano sempre utili. Ma oltre a questo accenno vintage c’è veramente poco.
Concludendo, inserendo il pilota automatico, quando siete in coda dal dottore o in attesa dei mezzi pubblici in ritardo, fra gli schiamazzi degli studenti e il caos del traffico, si può leggere.

“In definitiva, ciò che fa di una casa un vero focolare domestico è la famiglia. Non importa dunque che sia linda e pinta; senza una famiglia non sarà mia nient’altro che una casa ordinata”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri