Dettagli Recensione

 
Per una volta nella vita
 
Per una volta nella vita 2015-06-03 15:55:23 Elisabetta.N
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    03 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Eleanor & Park


Il titolo di questo libro potrebbe essere inserito splendidamente in questa frase “Per una volta nella vita perché non lasciate il titolo originale?”
“Eleanor & Park”, il titolo originale, non è forse più incisivo di quello che hanno scelto per l’edizione italiana?
Ho davvero fatto molta fatica a capire che si trattava dello stesso libro, e anche se avevo molta voglia di leggere “Eleanor & Park” dato i numerosi pareri positivi nel web, è passato molto tempo prima di comprendere che si trattava in realtà di “Per una volta nella vita”.
Ho iniziato a leggere con aspettative davvero molto alte che, come spesso accade in questi casi, sono state in parte disattese.
Non so cosa volevo esattamente da questo libro, so però che non sono riuscita ad entrare in sintonia con i personaggi.

Eleanor ha una vita difficile e già dalle prime pagine mi aspettavo una ragazza matura che viveva tutto in un certo modo, con difficoltà forse, ma a testa alta. In buona parta del libro ho trovato tutto quello che mi aspettavo, ma negli ultimi capitoli ho trovato un’involuzione…
Park invece è un classico “nerd”, timido e tropo occupato con musica e fumetti per accorgersi di chi gli sta intorno, tranne quando è costretto. Un po’ strano, ma chi non lo è in fondo?
I personaggi sono buoni, ben delineati e con un carattere che spicca. Fin qui tutto bene, ma vogliamo parlare del loro innamoramento?
No, non è il classico colpo di fulmine che si trova un po’ ovunque, quando i due si vedono per la prima vola e due pagine dopo sono in preda alla passione.
No, qui si passa dal nulla, ad una vera e propria ossessione!!
Non si parlano, non si confidano, nulla… mi sembra una relazione tra bambini, piuttosto che tra adolescenti (timidi d’accordo, ma c’è un limite a tutto!).

Lo stile, invece, mi è piaciuto. La scrittrice è riuscita a parlare di una vita difficile e incidentata senza scadere nel banale. Ammetto che più volte ho pensato ”Caspita, capitano tutte a lei!!”, ma ad ogni modo non posso che constatare come sia stata capace di rispecchiare l’animo di adolescenti più o meno problematici.

Un buon libro con ottimi spunti di riflessione e un buon sviluppo, peccato che non mi abbia entusiasmato come mi aspettavo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stanza della tessitrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Mio fratello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leone
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le rughe del sorriso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fate il vostro gioco
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Matrigna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri