Dettagli Recensione

 
Baudolino
 
Baudolino 2012-07-09 12:49:23 DanySanny
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    09 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Baudolino alias d'Artagnan

Scrivendo questa recensione rischio di mancare d'obiettività, per il semplice fatto che io adoro questo scrittore. Ogni volta che leggo un suo saggio o un suo romanzo mi chiedo continuamente come faccia a ideare storie così avvincenti, ad esplorare argomenti così sconosciuti a modellare la cultura senza tradirne, ideando una trama, il senso originario.

Prima di iniziare la vera e propria recensione, vorrei puntualizzare alcuni punti.
Nell'immaginario collettivo il nome di Eco si collega, come per un rapporto atavico ed immutabile, ad un genere letterario che s'identifica con il romanzo dotto; identificazione, questa, legata al primo romanzo dello scrittore che lo ha classificato in un modello rigido da cui non è semplice uscire.
Baudolino è appunto questo: il tentativo di uscire da uno schema, di dimostrare la propria versatilità, di creare una storia capace di affascinare e di stupire il lettore.

Quella di Baudolino, è per l'appunto una storia inusuale per Eco: leggera, coinvolgente, di facile approccio. Senza rinunciare a consueto sfoggio di cultura (qui molto ridotto e indispensabile per creare uno sfondo storico tangibile), Eco idea una galleria di personaggi indimenticabile, ora caricature, ora esseri scavati fin nel profondo dell’anima, tutti legati indissolubilmente e ironicamente a quello che è uno dei protagonisti letterari più godibili di sempre: Baudolino.

Per chi ha letto I tre moschettieri, è inevitabile il paragone con d'Artagnan: entrambi mentono, entrambi sono attaccati al denaro, entrambi contribuiscono a creare gli eventi storici della propria epoca e tutti e due possiedono un ingegno straordinario. La penna di Eco, mai così semplice e appassionata, conduce in una storia fantastica, tra assedi, corti, cattedrali, intrighi, notti brave e città favolose. Perché Baudolino ha bisogno di uno scopo. Tutti gli uomini ne necessitano. Lo scopo di Baudolino è quello di raggiungere il Prete Giovanni, il suo tormento fin dalla giovinezza, il governatore di un regno idilliaco ai confini del mondo, un regno alimentato dalle fantasie giovanili, da un miele che provoca visioni e dal disperato tentativo di seguire uno scopo, quanto più prezioso possibile. Inizia dunque un viaggio, non solo concreto, ma anche interiore, che rispettando la più grande tradizione letteraria, conduce il protagonista a riflettere, in un clima di costante ilarità, sulla guerra, sull'amore, sulla morte, sulla verità e sulla menzogna, indispensabile per raggiungere il regno del Prete Giovanni. Per adempire il proprio onore. Quello di Baudolino è in realtà un nostos, un ritorno verso le sue origini, attraverso la sua storia, un viaggio alla ricerca della verità, quest'illusione capace di completare la vita.

Una storia avvincente, ambientata in un medioevo splendidamente rievocato, ricca di ammiccamenti storici facilmente individuabili: il contrasto tra latino e volgare dopo la caduta dell'impero Romano, il conflitto tra Impero e i primi Comuni, la falsificazione delle reliquie, il peso della fede e il nascere delle prime scuole, delle prime università. Non è il solito Eco. No, questo è un grandissimo scrittore che tenta con tutto se stesso di svincolarsi dalle opinioni comuni. E con Baudolino c'è riuscito.

Grazie Umberto, grazie della tua storia, grazie per avermi cullato con le tue pagine, con la tua voce, come un nonno che porta il nipote sulle ginocchia e lo accompagna nel sonno, con leggerezza, semplicità e quell'ironia che vivacizza l'insieme. Grazie per essere stato quel nonno che non ho mai avuto. E sì, qualcuno più bugiardo di te che ha recensito questa storia c'è (io e te ci siamo capiti ;-) .)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 

09 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Letto d'un fiato.....standing ovation.....
Che devo dire? Recensione sublime, curiosa e affascinate!! Tutte le mie odi e laudes all'autore novel Umbi32!!!
Mi sono piaciuti soprattutto i ringraziamenti e i complimenti al nostro Umbi..
mi fai venie voglia di leggerlo, per togliermi questo desiderio che mi corrode...
Ps BRAVO!!!!!!!!!!
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
10 Luglio, 2012
Ultimo aggiornamento:
10 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ecco, secondo i miei ultimi conti, Alessandro, la tua lista di libri di Umbi si sta allungando: il Cimitero di Praga, il Nome della rosa, la Memoria vegetale, Baudolino, avrai da fare ....... .
In risposta ad un precedente commento

10 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
In questo caso mi permetto di correggerti...per quanto possa ammirare Umberto Eco, non ho avuto il piacere di leggere Baudolino ma solo Il nome della rosa che mi ha fatto impazzire. Il " letto d'un fiato" si riferiisce alla lettura del tuo commento e la standing ovation é tutta a tuo favore....Scusa per la poca chiarezza...la prox volta saró piú precisa e momentaneamente correró in libreria a sfogliare Baudolino. Ciao
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
10 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
AH, avevo capito che ti riferivi al libro....... ogni tanto travaso i significati, non ti preoccupare, ogni tanto sono poco chiaro anche io ;-)
In risposta ad un precedente commento
Ale96
10 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
In realtà il nome della rosa non è nella mia umbilista, per ora. Ci devo ancora pensare...
In risposta ad un precedente commento
DanySanny
10 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì, ma io sono il responsabile, qindi io decido: non puoi leggere Eco senza conoscere il primo, grande, bellissio, straordinario Nome della Rosa, che è incredibile.......:-)

10 Giugno, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Premesso che adoro U.Eco sebbene non abbia letto tutti i suoi scritti,
trovo che esista un filo conduttore narrativo comune.
1 - La narrazione storica .
Sono in effetti incentrati (gli scritti) su periodi storici dove l’autore abilmente mescola la fantasia del romanzo con accadimenti veri ( come a suo tempo fece il Manzoni con i suoi Promessi Sposi ).
2 - L’importanza della scrittura e del pensiero contenuto in essa.
Essendo un semiologo ed un medioevalista riconosciuto ha incentrato molti suoi romanzi sullo “ scripto “, la falsificazione e l’interpretazione di esso,talvolta atto perfino a screditare le sacre scritture.
3 - L’interazione psicologica, l’etica e la metafisica
La questio spazio - tempo ( Einstein docet ) e l’eterno dilemma dell’etica dell'ars vivendi che da sempre attanaglia le direttrici giuste da seguire separando il lecito dall’accettabile ( Spinoza,Seneca ...)
In definitiva un’insalata letteraria sapientemente condita e arricchita da quel genio che risponde al nome di Umberto Eco.
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spin
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Later
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sangue inquieto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri