Dettagli Recensione

 
L'onore di Roma
 
L'onore di Roma 2012-08-28 16:34:12 pirata miope
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
pirata miope Opinione inserita da pirata miope    28 Agosto, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

GRANDEZZE

GRANDEZZE
Difficile capire cosa effettivamente sia l’onore di Roma nel complicato contesto che il romanzo storico di Cervo sintetizza e dunque a quale virtù particolare alluda il titolo: probabilmente l’Urbe, come avviene nelle pagine dei grandi storiografi latini rappresenta uno Stato, basato sulla legalità e l’ordine, contrapposto alla tirannide e al banditismo della barbarie. Il romanzo si riferisce in effetti ad eventi documentati dalle fonti storiche che attestano le grandi difficoltà dell’aquila romana a tenere sotto controllo un territorio vastissimo e incontrollabile: siamo nel 280 d.C, .l’imperatore Probo è in Oriente a combattere gli Isauri, le zone più calde d’Occidente, ovvero le Gallie, sono in subbuglio, in balia di mediocri aspiranti alla porpora imperiale, nonché di bande di briganti assiepati sulle montagne. L’arduo incarico di far fronte a una situazione esplosiva viene affidato al legato imperiale e alla sua Ventiduesima legione. In realtà Cervo con un stile di scrittura accurato nelle descrizione dei luoghi e preferendo alle derive sentimentale di eroi ed eroine l’illustrazione della condizioni di vita di villaggi e borghi apporta una felice variazione alle convenzioni del genere paralettario: è significativo che i nemici della legge, quali il beone Bonoso, proclamatosi imperatore per caso, e l’ambizioso Proculo restino sullo sfondo per emergere solo nel momento della caduta, relegati a puro sintomo della malattia dell’Impero. Ugualmente nell’ombra resta il campione della legalità, Valerio Metronio. Mentre i maschi sono lontani alle guida degli eserciti sono le loro donne, a vedere, con occhi più lucidi, la realtà e alle loro personalità complesse lo scrittore affida il ruolo di testimoni e vittime: Viturga deve difendersi contro la violenza del fratellastro bandito, la consorte del legato imperiale, la liberta Idelnia, affronta con coraggio il viaggio per portare la figlia fuori dalle guerra. E a fare il punto della situazione vi è il filosofo Marsilio che nella pause dell’azione inserisce riflessione da letteratura alta: a lui le vette delle montagne raccontano “dell’incredibile piccolezza, e, ,insieme, dell’ineffabile grandezza di tutto ciò che è umano”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i romanzi storici
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri